LA RIFORMA DI PAPA FRANCESCO CHE DÀ UN COLPO DI SPUGNA ALLA BUROCRAZIA NELLA SANTA SEDE


Papa Francesco
(AP Photo/Alessandra Tarantino, File)

Oggi Papa Francesco ha pubblicato l’atteso programma di riforma della burocrazia della Santa Sede che prevede maggiori ruoli decisionali per i laici e dà nuovo peso istituzionale agli sforzi per combattere gli abusi sessuali del clero. Il testo di 54 pagine, intitolato “Praedicate Evanglium” o “Annunciare il Vangelo”, sostituisce la costituzione fondante “Pastor Bonus” scritta da San Giovanni Paolo II nel 1988.

Francesco è stato eletto papa nel 2013 in gran parte sulla sua promessa di riformare l’ingombrante e inefficiente burocrazia vaticana, che funge da organo di governo centrale per la Chiesa cattolica forte di 1,3 miliardi di persone. Ha nominato un gabinetto di cardinali consiglieri che si sono incontrati periodicamente dalla sua elezione per aiutarlo a redigere i cambiamenti.

Gran parte del lavoro di riforma è stato svolto in modo frammentario nel corso degli anni, con il consolidamento degli uffici e l’emissione di riforme finanziarie. Ma la pubblicazione del nuovo documento, per ora solo in italiano, finalizza il processo e lo mette in vigore a giugno. Il documento è stato diffuso sabato, nel nono anniversario dell’insediamento di Francesco a papa e nella festa di San Giuseppe, figura importante per il ministero di Francesco. La nuova riforma sottolinea l’orientamento missionario e caritativo della Chiesa, nonché la necessità che il Vaticano sia al servizio sia del papa che delle diocesi locali. Prevede ruoli maggiori per i laici, chiarendo esplicitamente che i laici – non solo sacerdoti, vescovi o cardinali – possono dirigere un importante ufficio vaticano e che tutto il personale dovrebbe riflettere l’universalità geografica della chiesa. In uno dei principali cambiamenti, porta la commissione consultiva del papa sulla prevenzione degli abusi sessuali nel potente ufficio di dottrina del Vaticano che sovrintende alle indagini canoniche sui casi di abuso.

In precedenza, la Pontificia Commissione per la tutela dei minori esisteva come commissione ad hoc che riferiva al papa ma non aveva un reale peso o potere istituzionale. Si è trovata spesso in contrasto con la più potente Congregazione per la Dottrina della Fede, che esamina tutti i casi di abuso. Ora la commissione consultiva fa parte del nuovo Dicastero per la dottrina della fede, dove presumibilmente i suoi membri che includono sopravvissuti agli abusi possono esercitare influenza sulle decisioni prese dai prelati che valutano se i sacerdoti predatori siano sanzionati e come. Il cardinale Sean O’Malley, che guida la commissione pontificia, ha accolto con favore il cambiamento e ha affermato che è una prova dello sforzo di Francesco di promuovere una cultura più forte della salvaguardia all’interno del Vaticano e della Chiesa in generale. “Per la prima volta papa Francesco ha fatto della tutela e della protezione dei minori una parte fondamentale della struttura del governo centrale della Chiesa: la Curia romana”, ha affermato O’Malley in una nota. “Mantenendo il suo status di organismo separato all’interno del dicastero che gode di un accesso diretto al Santo Padre e con la propria leadership e personale, la rinnovata e riaffermata Pontificia Commissione svolgerà un ruolo sempre più incisivo nel garantire che la Chiesa sia un luogo sicuro per bambini e persone vulnerabili”.

Altri cambiamenti riguardano la nomina dell’inviato personale del papa per la carità e l’elemosina a capo di un dicastero a pieno titolo, chiarendo l’importanza che questo lavoro orientato al servizio riveste per Francesco. La carica è attualmente guidata dal cardinale polacco Konrad Krajewski, che di recente ha guidato una missione umanitaria in Ucraina per conto del papa. Inoltre, due uffici vaticani per l’evangelizzazione si stanno unendo in un unico Dicastero per l’evangelizzazione. In precedenza il Vaticano aveva un’intera burocrazia parallela dedicata al sostegno della Chiesa nei paesi in via di sviluppo dove i cattolici sono una minoranza, con un altro ufficio dedicato a ravvivare la fede nei paesi dove il cattolicesimo è già fortemente presente. Il nuovo ufficio ora li unisce e sarà presieduto dal papa, coadiuvato da due viceprefetti. Nel complesso, il documento di riforma richiede un “sano decentramento” per conferire maggiore autorità decisionale ai vescovi locali piuttosto che fare in modo che Roma continui a essere il centro di smistamento centrale per le decisioni di governance. Ma il testo chiarisce anche che tale autorità non può toccare questioni di “dottrina, disciplina e comunione”, un avvertimento che le singole conferenze episcopali non possono allontanarsi dai principi fondamentali dell’insegnamento della chiesa.

Cerca di abbattere la natura insilata della burocrazia, in cui ogni congregazione operava sul proprio feudo, cercando di incoraggiare una maggiore comunicazione e collaborazione tra gli uffici. I capi degli uffici vaticani non si incontreranno più individualmente ma regolarmente in gruppo con il papa. Ogni dicastero sarà considerato uguale l’uno all’altro. In precedenza la Segreteria di Stato vaticana aveva un ruolo smisurato di influenza e importanza, seguita da vicino dalla Congregazione per la Dottrina della Fede. Ora, tutti i dicasteri saranno uguali.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!