ZELENSKY CHIEDE COLLOQUI SIGNIFICATIVI PER LA PACE A MOSCA, PECHINO ATTENDE IL TONFO DELL’ECONOMIA RUSSA PER FAR BOTTINO


In un video messaggio postato su Facebook, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha chiesto colloqui significativi di pace e sicurezza “senza indugio” con Mosca, che invece chiede un testo su cui discutere come condizione essenziale per un vertice con Putin. Un incontro, per il presidente ucraino, “è l’unica possibilità per la Russia di ridurre i danni causati dai propri errori”, sulla scia della sua invasione. “È tempo di incontrarsi, è tempo di parlare, è tempo di ripristinare l’integrità territoriale e la giustizia per l’Ucraina. Altrimenti, le perdite della Russia saranno tali che il Paese impiegherà diverse generazioni per riprendersi”, ha aggiunto. “Abbiamo sempre insistito sui negoziati”, ha detto il presidente ucraino, “abbiamo sempre proposto dialogo e soluzioni per la pace. Non solo durante i 23 giorni di invasione”. Per il capo negoziatore russo, Vladimir Medinsky, le delegazioni dei due Paesi devono preparare e concordare il testo di un trattato. Successivamente, il testo dovrebbe essere siglato dai ministri degli Esteri e approvato dai governi. “Soltanto dopo si potrà discutere la possibilità di un vertice”.

Giovedì, l’invasione russa in Ucraina ha mostrato nuovi segni di stallo tra le feroci controffensive delle forze ucraine, mentre il presidente Biden si preparava a tenere un vertice telefonico con il presidente cinese Xi Jinping nel tentativo di dissuadere Pechino dal fornire armi e altra assistenza all’esercito russo. ” La Cina si assumerà la responsabilità di qualsiasi azione intrapresa per sostenere l’aggressione della Russia”, ha affermato il presidente americano. Ovviamente la risposta della Cina è arrivata quasi immediata con una levata di scudi per bollare queste considerazioni come totalmente infondate anche se la prospettiva di un ruolo cinese allargato nel conflitto che sta spostando le faglie geopolitiche dall’Europa al Medio Oriente da giorni aveva oltrepassato la soglia dell’ipotesi quando l’invasione russa è entrata nella sua quarta settimana.

Incapaci di compiere grandi progressi contro Kiev e altri obiettivi principali, le forze russe hanno sparato sempre più sui civili dalla periferia delle principali città ucraine. Funzionari militari statunitensi e britannici che monitorano il conflitto affermano che l’invasione si è in gran parte bloccata sul campo, con le unità russe che fanno progressi minimi e subiscono pesanti perdite anche grazie alla resistenza degli ucraini ben coordinati “La stragrande maggioranza del territorio ucraino, comprese tutte le principali città, rimane in mano ucraina”, hanno affermato funzionari militari britannici in una valutazione dell’intelligence diffusa tramite Twitter. Hanno notato che le forze russe hanno fatto molto affidamento su armi lanciate dall’aria come i missili da crociera per attaccare i centri abitati.

Un alto funzionario del Pentagono, informando i giornalisti sul background, ha affermato che i funzionari statunitensi stanno raccogliendo segnali di problemi morali tra le forze russe, che secondo quanto riferito non si aspettavano la risposta feroce e sostenuta delle truppe ucraine.

“Alcuni [del morale basso] sono, crediamo, una funzione della scarsa leadership, della mancanza di informazioni che le truppe stanno ottenendo sulla loro missione e obiettivi, e penso che la disillusione dall’essere resistiti ferocemente come è stato in passato”, gli Stati Uniti ufficiale ha detto. Dato il ritardo nel raggiungimento del loro obiettivo di rovesciare la capitale ucraina di Kiev e molte altre grandi città, e il fallimento di Mosca nel controllare completamente lo spazio aereo ucraino, l’esercito russo probabilmente ha impiegato molti più missili di quanto avesse pianificato, afferma la valutazione britannica.

I ministri degli Esteri del Gruppo dei Sette principali nazioni industriali ieri hanno dichiarato in una dichiarazione congiunta che il presidente russo Vladimir Putin stava conducendo una “guerra vergognosa”. Mercoledì scorso Putin ha pronunciato un altro inquietante discorso scagliandosi contro “la feccia e traditori” all’interno della società russa. Putin ha poi segnalato quella che potrebbe essere un’espansione di una repressione dell’opposizione interna all’invasione dell’Ucraina.  Il presidente russo ha deriso l’idea che le sanzioni economiche statunitensi e occidentali avrebbero costretto il Cremlino a cambiare rotta. Ad oggi l’invasione russa dell’Ucraina ha causato la fuga di oltre 3 milioni di persone , secondo le stime delle Nazioni Unite. Sebbene l’esatto bilancio delle vittime rimanga sconosciuto, si dice che migliaia di soldati russi siano stati uccisi e funzionari affermano che centinaia di civili ucraini sono morti.

Nonostante le perdite e le sporadiche proteste russe contro la guerra, la cerchia ristretta di Putin rimane impegnata nella lotta. Dmitry Medvedev, un confidente di lunga data di Putin, presidente dal 2008 al 2012 e ora vice segretario del Consiglio di sicurezza russo , ha accusato l’amministrazione Biden di “disgustosa” russofobia. “Non funzionerà. La Russia ha la forza di mettere tutti i nostri sfacciati nemici al loro posto”, ha detto Medvedev ai giornalisti a Mosca . Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha seguito un appassionato appello mercoledì per un maggiore sostegno degli Stati Uniti al Congresso con un discorso virtuale al parlamento federale tedesco per chiedere maggiore sostegno per respingere l’offensiva russa. Nonostante i colloqui in corso tra le delegazioni russa e ucraina, Zelenskyy e i principali collaboratori hanno nuovamente insistito sul fatto che non avrebbero accettato niente di meno che il pieno ritiro della Russia e il ripristino delle aree – comprese la Crimea e l’ Ucraina orientale – che erano in mano russa prima dell’inizio dei combattimenti . Durante il discorso di Berlino, il Zelenskyy ha invocato la lunga lotta della Guerra Fredda che ha portato alla demolizione del muro di Berlino e ha condannato la Russia per la terribile situazione nella città meridionale di Mariupol, assediata da una battaglia. “Tutto è un obiettivo per loro”, ha detto.

Supporto militare cinese

L’amministrazione Biden spera di persuadere la Cina a usare la sua influenza su Mosca per prevenire una catastrofe più profonda in Ucraina . Putin e  Xi Jinping hanno recentemente firmato un accordo di cooperazione strategica di vasta portata e Pechino è in grado di gettare a Mosca un’ancora di salvezza economica e militare di fronte all’inasprimento delle sanzioni occidentali. Tuttavia, ci sono stati pochi segnali che i cinesi siano interessati ad aiutare. Gli analisti affermano che Pechino sta studiando attentamente le dinamiche in evoluzione dell’invasione per trasformare la crisi a proprio vantaggio geopolitico.

La Cina ha trascorso questa settimana negando le affermazioni dei funzionari statunitensi secondo cui la Russia ha contattato Pechino in cerca di assistenza militare. Martedì il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha accusato Washington di diffondere disinformazione, definendo gli Stati Uniti “immorali e irresponsabili” e affermando che Pechino è neutrale rispetto alla guerra e ha costantemente spinto per un cessate il fuoco e una conclusione diplomatica. Funzionari statunitensi hanno affermato che la Cina è l’unica colpevole di disinformazione. Hanno detto che Pechino ha amplificato la propaganda russa che potrebbe essere un pretesto per le forze di Putin per attaccare l’ Ucraina con armi chimiche o biologiche. Il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca Jake Sullivan ha avuto un intenso incontro di sette ore a Roma lunedì con il consigliere per la politica estera cinese Yang Jiechi e Sullivan ha sottolineato che qualsiasi tentativo di Pechino di aiutare la Russia a evitare le sanzioni sarebbe costoso per il governo Xi.

Alexander Gabuev, un membro anziano del Carnegie Moscow Center, prevede che la simmetria russo-cinese “sarà enormemente accelerata” dalla guerra in Ucraina , con la Russia “molto probabile che si avvicinerà alla Cina come partner junior, fornendo alla Cina il più avanzato progetti di armi [e] parti più sofisticate della sua esperienza nucleare”. E ha detto, a una tavola rotonda virtuale ospitata martedì dall’ufficio di Washington del Carnegie Endowment for International Peace che “è probabile che Pechino giochi le sue carte con attenzione e “per ora la Cina non vuole assolutamente essere vista come un sostenitore della Russia”. Aggiungendo che: “il governo Xi aspetterà fino a quando “l’economia russa troverà davvero il suo fondo ed è in uno stato di caduta libera”, a quel punto è probabile che Pechino cercherà favori geopolitici da Mosca in cambio del suo salvataggio. Gabuev ha indicato una serie di possibilità, tra cui il perseguimento del sostegno russo a Pechino nelle controversie sul confine tra Cina e India e nelle controversie territoriali del Mar Cinese Meridionale, oltre al perseguimento dei “sistemi d’arma più sensibili” che la Russia è stata riluttante a vendere in Cina.

Roger Federer, la leggenda del tennis svizzero ha donato 500mila dollari in aiuti per i bambini ucraini. “Quello che sta accadendo in Ucraina terrorizza me e la mia famiglia”, ha detto l’ex campione. “I nostri cuori sono spezzati a causa della sofferenza di persone innocenti. Difendiamo la pace. Prima di tutto, voglio aiutare i bambini con il mio sostegno. Attualmente circa 6 milioni di bambini ucraini non vanno a scuola. Sappiamo che questo è un momento estremamente critico per garantire l’accesso all’istruzione. Vogliamo sostenerli nella lotta contro questa esperienza estremamente traumatica. Forniremo supporto ai bambini dall’Ucraina. Attraverso la Roger Federer Foundation, sosterremo War Child Holland donando 500.000 dollari per garantire che i bambini ucraini continuino la loro istruzione”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!