ANCHE LA FRANCIA CONGELA I BENI DEI RUSSI MILIONARI


Il ministro Francesce dell?Economia e della Finanza Bruno Le Maire
(Ph. by Eric PIERMONT / AFP)

“Le autorità francesi hanno congelato i fondi della Banca di Russia per un valore di 22 miliardi di euro, oltre a conti e proprietà di individui sanzionati dai paesi occidentali”, ha dichiarato oggi il ministro dell’Economia e delle finanze francese Bruno Le Maire in diretta dalla stazione radio RTL .

“Abbiamo congelato i beni della Banca centrale russa per un valore di 22 miliardi di euro e i fondi su conti di privati ​​in imprese francesi per un valore di 150 milioni di euro”, ha precisato. “Anche immobili per un valore totale di mezzo miliardo di euro di proprietà di circa 30 russi sono stati bloccati sul territorio francese e due yacht per un valore totale di 150 milioni di euro”, ha aggiunto il ministro. “Da quando abbiamo istituito per la prima volta nella storia del Ministero dell’economia e delle finanze un centro che unisce gli sforzi di centinaia di dipendenti del servizio di informazione finanziaria TRACFIN, della tesoreria, delle dogane e della direzione delle finanze pubbliche, siamo riusciti a svelare e congelare beni dei magnati russi per un valore totale di 1,8 miliardi di euro sul territorio francese a parte i 22 miliardi di euro della Banca centrale russa”, ha proseguito. “Il congelamento della proprietà non implica la cessione a vantaggio dello Stato”, ha sottolineato Le Maire. “Il problema è assicurarsi che i suoi proprietari non possano rivenderlo o usarlo per ottenere profitti”, ha spiegato.

Chi conosce bene Putin dice è molto indispettito da questo atteggiamento dell’Occidente e queste sanzioni avranno effetti nefasti secondo il premier russo che ha definito gli oppositori dei “moscerini”. Oggi il ministro degli Affari esteri australiano e la senatrice per il commercio Marise Payne hanno imposto un divieto all’esportazione dell’allumina, dei minerali di alluminio e della bauxite in Russia, “il che limiterà la sua capacità di produrre alluminio, un’esportazione fondamentale per la Russia”, ha affermato Payne.

“La Russia fa affidamento sull’Australia per quasi il 20% del suo fabbisogno di allumina”, ha affermato il ministro osservando che il governo “lavorerà a stretto contatto con gli esportatori e gli organismi di punta che saranno interessati dal divieto per trovare nuovi ed espandere i mercati esistenti”. Le autorità australiane invieranno almeno 70.000 tonnellate di carbone termico in Ucraina per garantire la sicurezza energetica del paese”, ha annunciato Payne. “L’Australia sosterrà la sicurezza energetica dell’Ucraina donando almeno 70.000 tonnellate di carbone termico. Ciò fa seguito a una richiesta di assistenza da parte del governo ucraino, sostenuto dal governo polacco, e alle discussioni con altri partner europei”, ha aggiunto Payne. I cui piani sono chiari. Secondo la senatrice il carbone australiano, fornito dalla più grande compagnia mineraria del paese Whitehaven Coal, “aiuterà a mantenere in funzione i generatori di energia a carbone del paese e a fornire elettricità alla rete elettrica del paese, sostenendo il popolo ucraino mantenendo le luci accese, le case riscaldato e le fabbriche in funzione in questo momento molto difficile. Whitehaven Coal ha rapidamente organizzato una spedizione e il governo sta ora lavorando con Whitehaven e i governi ucraino e polacco per consegnare le forniture il prima possibile”, ha concluso Payne.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!