CANADA DISPONIBILE AD OSPITARE UN NUMERO ILLIMITATO DI PROFUGHI PROVENIENTI DALL’UCRAINA


Aprendo il dibattito mercoledì pomeriggio, la Presidente del Parlamento Roberta Metsola ha detto che il Canada è un alleato e un partner prezioso dell’UE. “La nostra relazione ha resistito alla prova del tempo”, ha detto. Sull’invasione della Russia in Ucraina, la presidente ha sottolineato l’impegno congiunto dell’UE e del Canada e ha detto che sono sotto attacco valori fondamentali condivisi. “Questo è il momento della nostra generazione di essere all’altezza del mondo che abbiamo ereditato”, ha aggiunto.

Nel suo discorso, il Primo ministro Justin Trudeau ha condannato “l’invasione criminale di Putin di una democrazia sovrana, indipendente: L’Ucraina”.

“Vladimir Putin ha violato i precetti più elementari del diritto internazionale. E ora sta uccidendo civili innocenti bombardando ospedali ed edifici residenziali. Questo palese disprezzo per la legge e per la vita umana rappresenta un’immensa minaccia per l’Europa e per il mondo”, ha detto.

“Il Canada, l’UE e tutti i nostri partner e alleati stanno affrontando un momento decisivo. Non possiamo fallire. Dobbiamo essere all’altezza di questo momento. Putin pensava che la democrazia fosse debole. Pensava di poter indebolire l’UE e la NATO. Ma ha sbagliato i calcoli. La NATO e l’UE sono ora più determinati e uniti che mai”, ha detto, prima di aggiungere: “Non possiamo deludere l’Ucraina. Loro contano su di noi. Quindi usiamo tutti gli strumenti che abbiamo a disposizione. Dobbiamo continuare a imporre sanzioni senza precedenti a Putin e ai suoi sostenitori in Russia e Bielorussia, aumentando la pressione, per quanto possibile”.

Sette i deputati che hanno preso la parola dopo l’intervento di Trudeau: Siegfried Mureşan (PPE, Romania), Iratxe García Pérez (S&D, Spagna), Malik Azmani (Renew Europe, Paesi Bassi), Ernest Urtasun (i Verdi/ALE, Spagna), Marco Zanni (ID, Italia), Raffaele Fitto (ECR, Italia), Nikolaj Villumsen (The Left, Danimarca) e che durante il dibattito hanno sottolineato l’importanza dell’unità transatlantica e hanno chiesto ulteriori sanzioni contro la Russia. Difendere la democrazia ha un prezzo, hanno detto, ma il costo di non difenderla sarebbe più alto. I deputati hanno anche sottolineato l’importanza della transizione verde e dell’indipendenza energetica, che sono cruciali non solo nella lotta contro il cambiamento climatico, ma anche per garantire la sicurezza e la stabilità in Europa. Altri hanno richiesto maggiori investimenti nella sicurezza e nella cooperazione strategica con partner come il Canada che si è detto pronto a ricevere un numero illimitato di persone in fuga dall’invasione.

In una risoluzione adottata il 1° marzo, il Parlamento ha condannato con la massima fermezza l’invasione illegale dell’Ucraina da parte della Russia e ha chiesto al Cremlino di porre fine a tutte le attività militari nel paese e di ritirare incondizionatamente tutte le forze rispetto ai confini dell’Ucraina riconosciuti a livello internazionale. I deputati hanno chiesto misure restrittive più ampie volte a indebolire strategicamente l’economia e la base industriale della Russia. La risoluzione sostiene inoltre con forza la decisione storica di stanziare significativi finanziamenti aggiuntivi per fornire all’Ucraina armi difensive attraverso il Fondo europeo per la pace e la fornitura di equipaggiamento militare da parte degli Stati membri.

Il 17 marzo…

Il ministro della Difesa ucraino Oleksii Reznikov ha detto ai deputati che l’UE dovrebbe colpire la Russia con sanzioni “mordenti” distruttive che possano paralizzare la sua economia costringendola a fermare l’aggressione. Rivolgendosi ai deputati a distanza in una riunione della sottocommissione per la sicurezza e la difesa, la commissione per gli affari esteri e la delegazione UE-Ucraina, il ministro della Difesa Reznikov aveva affermato che l’Ucraina è pronta a utilizzare tutto l’aiuto finanziario dell’UE molto rapidamente e ha esortato i paesi dell’UE a fornire all’Ucraina armi letali, senza i vincoli della burocrazia. Reznikov ha anche chiesto una no-fly zone.

Gli eurodeputati, uniti nell’esprimere la loro ammirazione per l’eroismo del popolo ucraino, hanno sottolineato che sosterranno ulteriori pacchetti di sanzioni per portare la Russia al tavolo dei negoziati. Durante il dibattito, i deputati hanno chiesto al ministro Reznikov del coinvolgimento di paesi politicamente vicini alla Russia, come il Kazakistan o l’Armenia, e se pensava che la Bielorussia potesse entrare in guerra. Hanno anche chiesto come avviare indagini su possibili crimini di guerra commessi in Ucraina, in modo che gli autori possano essere assicurati alla giustizia.

“Non siamo qui per dirvi cosa dovreste fare, non siamo qui per dirvi come combattere perché avete dimostrato che nessuno vi deve insegnare nulla. Siamo qui per spingere i nostri governi e l’Unione Europea a fare di più per sostenervi e ci impegniamo a farlo. Perché fate parte della nostra famiglia europea”, ha detto il presidente della sottocommissione per la sicurezza e la difesa Nathalie Loiseau (Renew, FR).


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!