ECCO UN NUOVO STUDIO SUI SINTOMI DEL “LUNGO COVID”


hands with latex gloves holding a globe with a face mask
Photo by Anna Shvets on Pexels.com

Una nuova ricerca sul COVID-19, curata dal dottor Michele Spinicci e colleghi dell’Università di Firenze e dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Careggi in Italia, che verrà presentata al Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive (ECCMID) a Lisbona, in Portogallo dal 23 al 26 aprile, suggerisce che i sintomi legati al lungo COVID potrebbero essere diversi nelle persone che si sono infettate con diverse varianti.

Le stime suggeriscono che oltre la metà dei sopravvissuti all’infezione da SARS-CoV-2 sperimenta sequele post-acute di COVID-19 (PASC), più comunemente noto come “covid lungo”. La condizione può colpire chiunque: vecchi e giovani, altrimenti sani e quelli con condizioni di base, persone ricoverate in ospedale con COVID-19 e quelle con sintomi lievi.  Prove sono emerse anche nello studio osservazionale retrospettivo, condotto analizzando i casi di 428 pazienti – 254 (59%) uomini e 174 (41%) donne – trattati presso l’ambulatorio post-COVID dell’Ospedale Universitario di Careggi tra giugno 2020 e giugno 2021, quando il modulo originale di SARS-CoV-2 e la variante Alpha stavano circolando nella popolazione. Almeno tre quarti 325/428 (76%) dei pazienti hanno riportato almeno un sintomo persistente. I sintomi più comuni riportati sono stati mancanza di respiro (157/428; 37%) e affaticamento cronico (156/428; 36%) seguiti da problemi di sonno (68/428; 16%), problemi visivi (55/428; 13% ) e nebbia cerebrale (54/428; 13%).

Le analisi hanno evidenziato che le persone con forme più gravi, che richiedevano farmaci immunosoppressori come il tocilizumab, avevano sei volte più probabilità di riportare lunghi sintomi di COVID, mentre coloro che ricevevano un supporto di ossigeno ad alto flusso avevano il 40% in più di probabilità di avere problemi in corso. Le donne avevano quasi il doppio delle probabilità di riferire sintomi di COVID lungo rispetto agli uomini. Mentre per i pazienti con diabete di tipo 2 il rischio inferiore di sviluppare lunghi sintomi di COVID. Gli autori affermano che sono necessari ulteriori studi per comprendere meglio questa scoperta inaspettata. I ricercatori hanno eseguito una valutazione più dettagliata confrontando i sintomi riportati dai pazienti infetti tra marzo e dicembre 2020 (quando era dominante SARS-COV-2 originale) con quelli segnalati dai pazienti infetti tra gennaio e aprile 2021 (quando Alpha era la variante dominante) e scoperto un cambiamento sostanziale nel modello dei problemi neurologici e cognitivi/emotivi. Che cosa hanno scoperto? Che quando la variante Alpha era il ceppo dominante, la prevalenza di mialgia (dolori e dolori muscolari), insonnia, nebbia cerebrale e ansia/depressione aumentava significativamente, mentre anosmia (perdita dell’olfatto), disgeusia (difficoltà a deglutire), ad i problemi di udito erano meno comuni. “Molti dei sintomi riportati in questo studio sono stati misurati, ma questa è la prima volta che sono stati collegati a diverse varianti di COVID-19”, spiega il dottor Spinicci. “La lunga durata e l’ampia gamma di sintomi ci ricordano che il problema non sta scomparendo e che dobbiamo fare di più per supportare e proteggere questi pazienti a lungo termine. La ricerca futura dovrebbe concentrarsi sui potenziali impatti delle varianti preoccupanti e sullo stato della vaccinazione sui sintomi in corso”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!