LAVROV MINIMIZZA LE SANZIONI CONTRO LA RUSSIA, VON DER LEYEN PUNTA ALL'ACQUISTO COMUNE DI GAS, GNL E IDROGENO - WHAT-U

Secondo il Wall Street Journal, gli Stati Uniti dovrebbero imporre sanzioni contro le società russe che forniscono beni e servizi all’esercito e ai servizi segreti russi, le nuove sanzioni potrebbero essere annunciate all’inizio della prossima settimana. Tra le aziende che potrebbero essere interessate ci sono i produttori di apparecchiature Sertal e Serniya Engineering. Le autorità statunitensi valutano anche le sanzioni contro la società di microelettronica NII Vektor, il produttore di chip JSC Mikron e la società di supercomputer T-Platforms. La maggior parte di queste aziende è già stata inserita nella lista nera dal Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, che ha vietato loro la vendita di tecnologie e apparecchiature straniere. Ora, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti si prepara a inserire nella lista nera anche quelle società, ostacolando di fatto le loro operazioni finanziarie all’estero. Lo corso 3 marzo, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha definito le sanzioni “una specie di tassa sull’indipendenza”. Ha espresso fiducia che la situazione intorno all’Ucraina sarà risolta e “si troverà una soluzione”.

Summit Europeo

Secondo la dichiarazione finale, i partecipanti alla riunione del Consiglio europeo di venerdì non hanno adottato alcuna misura concreta per affrontare la crescita dei prezzi dell’energia e non sono riusciti a elaborare un approccio unificato alla decisione della Russia di ricevere pagamenti per il suo gas solo in rubli, scrive la Tass.

“Il mantenimento dei prezzi elevati dell’energia ha un impatto sempre più negativo sui cittadini e sulle imprese [europei]”, afferma la dichiarazione, aggiungendo che questa tendenza è ulteriormente esacerbata dall’operazione militare speciale russa in Ucraina. “Il Consiglio europeo invita la Commissione a presentare proposte che affrontino efficacemente il problema dei prezzi eccessivi dell’elettricità preservando l’integrità del mercato unico, mantenendo gli incentivi per la transizione verde, preservando la sicurezza dell’approvvigionamento ed evitando costi di bilancio sproporzionati”. Tra le possibili misure per ridurre i prezzi dell’energia, i leader dell’UE hanno delineato il sostegno diretto ai consumatori attraverso buoni, sgravi fiscali, aiuti di Stato, tassazione (accise e IVA), massimali di prezzo, misure regolamentari come i contratti per differenze. Nella prospettiva di medio termine, i leader hanno espresso il loro sostegno generale alla proposta della Commissione europea di istituire il sistema di acquisto comune volontario di gas per impedire l’out-bidding.

“Sono lieto che ora utilizzeremo il nostro potere di contrattazione collettiva. Invece di fare offerte superiori e aumentare i prezzi, uniremo la nostra domanda”, ha detto venerdì ai giornalisti la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen.

Tuttavia, la dichiarazione finale del Consiglio europeo afferma che i leader hanno deciso solo di “lavorare insieme sull’acquisto comune volontario di gas, GNL e idrogeno”. In altre parole, gli acquisti comuni saranno effettuati non solo da paesi dell’UE separati che sono disposti a unirsi.

“Inoltre, dobbiamo completare l’infrastruttura del gasdotto e potenziare il nostro stoccaggio e gli interconnettori. Abbiamo proposto uno stoccaggio minimo dell’80%, sotterraneo, per il prossimo inverno. Salendo al 90% poi negli anni successivi. Questa sarà la nostra assicurazione politica contro l’interruzione dell’approvvigionamento e per attutire l’impatto dei prezzi elevati dell’energia sui consumatori e sulle imprese”, ha affermato la Von der Leyen.

“Misure come il sostegno al reddito o gli aiuti di Stato, i voucher, la tassazione ridotta, i massimali sui prezzi, la modulazione dei prezzi, i contratti per differenza, ecc. Tutte le opzioni che abbiamo presentato hanno pro e contro. Ma prima di tutto, dobbiamo guardare alle cause profonde di prezzi elevati dell’elettricità. E questo è, in gran parte, prezzi elevati e volatili del gas”, ha concluso la presidente della Commissione EVR.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!