it Italian
ar Arabicbg Bulgarianca Catalanzh-CN Chinese (Simplified)cs Czechda Danishen Englishtl Filipinofi Finnishfr Frenchde Germanhaw Hawaiianhi Hindiit Italianja Japaneseko Koreanpt Portugueseru Russiansk Slovaksl Slovenianes Spanishta Tamilth Thai
LA CINA TIENE UNA POSIZIONE NEUTRA, LA RUSSIA ALZA I TASSI DI INTERESSE DAL 9,5% AL 20% - WHAT-U

Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi

Oggi il ministro degli Esteri cinese Wang Yi, commentando la crisi ucraina, ha detto che le autorità cinesi temono che l’Asia possa affrontare un periodo di forte destabilizzazione. Sulla stessa falsariga a causa della politica di Washington, ha affermato venerdì il ministero degli Esteri cinese. “Dallo scoppio della crisi ucraina la Cina ha condiviso la sua saggezza per superarla e ha compiuto sforzi in cinque aree”, ha affermato il ministro . “In primo luogo, abbiamo aiutato a promuovere i negoziati di pace. Inoltre, sosteniamo risolutamente i principi fondamentali dello sviluppo delle relazioni internazionali”. Il terzo punto, ha affermato Li, riguarda la posizione è la sua opposizione ai metodi della Guerra Fredda. Il quarto è e sarà sempre “la protezione da parte della Cina degli interessi legittimi di ogni stato”, ha detto. “Infine, intendiamo difendere con fermezza la pace e la stabilità nella regione Asia-Pacifico”, ha sottolineato il diplomatico cinese. “Temiamo che gli Stati Uniti, con il pretesto della loro cosiddetta strategia indo-pacifica, cercheranno di creare blocchi belligeranti in Asia e suscitare problemi nella regione. Pechino” ha proseguito Yi, ” intende sostenere il processo di pace russo-ucraino e allo stesso tempo sostenere il processo di sviluppo della regione dell’Asia del Pacifico perché l’obiettivo della Cina è continuare a interagire con la comunità internazionale e svolgerà un ruolo costruttivo per mantenere la pace”, ha concluso il ministro.

La Russia prosegue le sue manovre monetarie e alza i tassi di interesse dal 9,5% al 20%

Dal 28 febbraio il Consiglio di amministrazione della Banca di Russia, il regolatore centrale del Paese, ha deciso di aumentare il tasso d’interesse per i prestiti (trattasi del ‘key rate’, tasso di interesse al quale una banca centrale presta denaro ad altre banche) che passano dal 9,5% al ​​20% annuo con due proposito ben precisi: il primo quello di sostenere la stabilità finanziaria e dei prezzi e il secondo, quello di proteggere i risparmi dei cittadini dal deprezzamento ha fatto sapere il regolatore con una dichiarazione all’inizio di questa settimana. L’ultima volta la Banca Centrale ha preso una decisione straordinaria sui tassi risale al dicembre 2014 e il nuovo valore del 20%, sottolinea la Banca di Russia, è un record assoluto considerato che in precedenza il record aveva toccato il 17%.

“Il Consiglio di amministrazione della Banca di Russia ha deciso di aumentare il tasso guida al 20% annuo dal 28 febbraio 2022. Le condizioni esterne per l’economia russa sono cambiate drasticamente. L’aumento del tasso guida garantirà un aumento dei tassi sui depositi ai livelli necessari per compensare l’aumento dei rischi di deprezzamento e inflazione. Ciò è necessario per sostenere la stabilità finanziaria e dei prezzi e proteggere i risparmi dei cittadini dal deprezzamento”, si legge nella nota. “Ulteriori decisioni chiave sui tassi saranno prese tenendo conto dei rischi posti dalle condizioni esterne e interne e dalla reazione dei mercati finanziari, nonché dai movimenti di inflazione effettivi e previsti rispetto all’obiettivo e dagli sviluppi economici nel periodo di previsione, ha affermato la Banca di Russia.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!