BUCHA, L’ORRORE DI UNA CARNEFICINA


 (Foto AP/Efrem Lukatsky)

Un corpo annerito con le braccia alzate in segno di supplica, un cranio con un foro di proiettile, un piccolo piede annerito di un bambino nel groviglio di corpi carbonizzati ammucchiati quasi l’uno sopra l’altro a Bucha, la città fuori Kiev dove sono emerse prove grafiche di uccisioni e torture in seguito al ritiro delle forze russe. I sei cadaveri bruciati e anneriti sono stati solo l’ultima scena raccapricciante emersa in queste ore  mentre i leader mondiali spingono affinché la Russia sia ritenuta responsabile, anche per possibili crimini di guerra.

Il mucchio di corpi, visto martedì dai giornalisti dell’Associated Press, era appena fuori da una strada residenziale, vicino a un parco giochi colorato e vuoto, visibile ai passanti mentre uscivano con cautela per raccogliere aiuti.

In una casa vicina, il corpo contorto e sanguinante di un giovane che era stato ucciso a colpi di arma da fuoco giaceva nell’ingresso del seminterrato. Almeno altri quattro corpi giacevano sparsi per la strada, uno con l’occhio cavato, apparentemente da un proiettile.

“È orribile”, ha detto il ministro dell’Interno ucraino Denys Monastyrsky appena giunto sul posto. Il ministro ha detto che il presidente russo Vladimir Putin dovrebbe “andare all’inferno”.

Andrii Nebytov, capo della polizia nella regione di Kiev, ha notato che uno dei corpi carbonizzati era un bambino.

L’AP ha visto dozzine di cadaveri intorno a Bucha, dove le forze russe si sono ritirate la scorsa settimana. Le immagini, che includevano alcuni con le braccia legate, hanno inorridito il mondo. Molte vittime sembravano essere state colpite da colpi di arma da fuoco a distanza ravvicinata, alcune alla testa. Almeno due avevano le mani legate.

Le immagini satellitari ad alta risoluzione di Maxar Technologies hanno mostrato che molti dei corpi erano rimasti all’aperto per settimane, durante il periodo in cui le forze russe erano in città https://www.pbs.org/wgbh/frontline/interactive/ap-russia-war-crimes-ukraine/medical-events-ap/#resize=war-crimes-watch

Funzionari ucraini hanno affermato che i corpi di almeno 410 civili sono stati trovati nelle città intorno a Kiev che sono state riconquistate dalle forze russe negli ultimi giorni. L’ufficio del procuratore generale ucraino ha descritto una stanza scoperta a Bucha come una “camera di tortura”.

Le immagini macabre di cadaveri maltrattati e bruciati lasciati all’aperto o seppelliti frettolosamente hanno portato a richieste di sanzioni più severe contro il Cremlino, in particolare un taglio delle importazioni di carburante dalla Russia. Germania e Francia hanno reagito espellendo dozzine di diplomatici russi, suggerendo che fossero spie, e il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha detto che Putin dovrebbe essere processato per crimini di guerra.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy questa settimana ha lasciato Kiev per il suo primo viaggio segnalato dall’inizio della guerra, quasi sei settimane fa, per vedere di persona quello che ha chiamato il “genocidio” e i “crimini di guerra” a Bucha.

Il procuratore capo della Corte penale internazionale dell’Aia ha aperto un mese fa un’indagine su possibili crimini di guerra in Ucraina.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!