it Italian
ar Arabicbg Bulgarianca Catalanzh-CN Chinese (Simplified)cs Czechda Danishen Englishtl Filipinofi Finnishfr Frenchde Germanhaw Hawaiianhi Hindiit Italianja Japaneseko Koreanpt Portugueseru Russiansk Slovaksl Slovenianes Spanishta Tamilth Thai
ZELENSKY PRONTO A NEGOZIARE LA FINE DIPLOMATICA DELLA GUERRA ANCHE SE I RUSSI HANNO "TORTURATO" GLI UCRAINI - WHAT-U

Questa immagine satellitare fornita da Maxar Technologies mostra una panoramica di un convoglio di veicoli blindati e camion che si muove verso sud, intorno a Velykyi Burluk, a est di Kharkiv, Ucraina orientale, l’8 aprile 2022. (Immagine satellitare ©2022 Maxar Technologies via AP)

La Russia sta prendendo di mira tutta l’Europa con la sua invasione dell’Ucraina e fermare l’aggressione di Mosca è essenziale per la sicurezza di tutte le democrazie, ha affermato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky mentre le forze russe si preparavano alla battaglia nell’est del suo paese. Rivolgendosi al “popolo libero di un paese coraggioso”, Zelensky ha detto in un videomessaggio a tarda notte agli ucraini che l’obiettivo bellico della Russia “non era inteso essere limitato alla sola Ucraina” e che “l’intero progetto europeo è un obiettivo”.

“Ecco perché non è solo dovere morale di tutte le democrazie, di tutte le forze europee, sostenere il desiderio di pace dell’Ucraina”, ha affermato. “Questa è, infatti, una strategia di difesa per ogni stato civile”. Il suo discorso è arrivato mentre i civili continuavano a fuggire dalle parti orientali del paese prima che un assalto previsto e gli operatori di emergenza cercassero sopravvissuti nelle città a nord della capitale ucraina, Kiev, che non sono più occupate dalle forze russe.

La Russia ha ritirato le sue truppe dalla parte settentrionale del paese e si è rifocalizzata sulla regione orientale del Donbas, dove i separatisti sostenuti da Mosca hanno combattuto le truppe ucraine per otto anni e controllato alcuni territori prima della guerra, giunta al suo 46° giorno.

Analisti militari occidentali hanno affermato che un arco di territorio nell’Ucraina orientale era sotto attacco, da Kharkiv, la seconda città più grande dell’Ucraina, a nord a Kherson, a sud. Le immagini satellitari Maxar Technologies, recentemente rilasciate, raccolte venerdì hanno mostrato un convoglio di veicoli militari di 8 miglia (13 chilometri) diretto a sud verso il Donbas attraverso la città di Velykyi Burluk. Una fossa comune con decine di corpi di civili ucraini è stata scoperta a Buzova, un piccolo centro liberato a pochi chilometri a ovest della capitale Kiev: lo hanno reso noto funzionari locali, secondo quanto riporta The Guardian.

Taras Didych, capo della comunità di Dmytrivka, che comprende Buzova e molti altri villaggi vicini, ha riferito alla tv ucraina che la fossa comune si trova vicino ad una stazione di servizio.

“A Mariupol, gli occupanti russi hanno organizzato una ‘operazione di pulizia’ tra i civili”, ha annunciato il consigliere del sindaco di Mariupol Petr Andryushchenko su Telegram, secondo quanto riporta l’agenzia Unian. “Questa è una ricerca di ‘nazisti’. Un nazista per i russi è chiunque ama la sua Ucraina e non si è sottomesso all’occupante”, ha detto, spiegando che questa ‘pulizia’ avviene in tutta la città e a questo scopo i russi hanno istituito diversi posti di blocco. “Nel processo di pulizia, gli occupanti non esitano a uccidere i civili proprio per strada, per poi scattare foto, vantandosi della ‘vittoria’”, ha spiegato.

La Nato intanto sta elaborando piani per schierare una presenza militare permanente ai propri confini per contrastare una futura aggressione della Russia. A dirlo è il segretario generale dell’Alleanza atlantica, Jens Stoltenberg, in un’intervista al britannico Telegraph. La Nato si trova “in mezzo a una trasformazione fondamentale” che riflette “le conseguenze a lungo termine” delle azioni del presidente russo Vladimir Putin, ha spiegato Stoltenberg, secondo cui “quella che abbiamo di fronte ora è una nuova realtà, una nuova normalità per la sicurezza europea”. Oggi il ministero della Difesa britannico ha dichiarato che l’esercito russo stava cercando di rispondere alle crescenti perdite aumentando il numero delle truppe con il personale che è stato congedato dal servizio militare dal 2012. In un aggiornamento su Twitter, il ministero ha anche affermato che gli sforzi dell’esercito russo per “generare più potenza di combattimento” includono anche il tentativo di reclutare dal Trans-Dniester, una regione separatista in Moldova che confina con l’Ucraina, dove la Russia mantiene circa 1.500 soldati.

“L’intera Europa – ha detto il presidente ucraino Zelensky in un video citato da Ukrinform – è un obiettivo per la Russia”. E “l’aggressione russa non doveva essere limitata alla sola Ucraina, alla distruzione della nostra libertà e delle nostre vite”, ha affermato, chiedendo all’Occidente azioni per ristabilire la pace.

Da parte sua l’Ucraina ha deciso di imporre un embargo sull’importazione di merci russe, come annunciato dalla ministra dell’Economia Yilia Svyridenko, citata dall’agenzia Unian. “Il divieto sulle importazioni russe – ha spiegato – bloccherà i guadagni annuali in valuta estera di Mosca per almeno 6 miliardi di dollari. Ciò significa che il nemico non riceverà questi fondi e non potrà utilizzarli per finanziare la guerra”. Un annuncio arrivato ieri, nel giorno della visita a sorpresa del primo ministro britannico Boris Johnson a Kiev, dove ha incontrato Zelensky.

La visita del primo ministro britannico è arrivata il giorno dopo che il Regno Unito ha promesso altri 100 milioni di sterline (130 milioni di dollari) in equipaggiamento militare di alta qualità. Johnson ha anche confermato un ulteriore sostegno economico, garantendo ulteriori $ 500 milioni di prestiti della Banca Mondiale all’Ucraina, portando la garanzia totale del prestito della Gran Bretagna fino a $ 1 miliardo.

Il premier ucraino ha anche ringraziato il presidente della Commissione europea e il primo ministro canadese per un evento globale di raccolta fondi che ha portato oltre 10 miliardi di euro (11 miliardi di dollari) per i milioni di ucraini che sono fuggiti dalle loro case. Zelensky ha ripetuto la sua richiesta di un embargo completo sul petrolio e sul gas russo, che ha definito la fonte della “fiducia in se stessi e impunità” della Russia. Alcuni paesi europei dipendono fortemente dall’energia russa importata. “La libertà non ha tempo di aspettare”, ha detto il premier. “Quando la tirannia inizia la sua aggressione contro tutto ciò che mantiene la pace in Europa, bisogna agire immediatamente”.

In un’intervista con l’Associated Press all’interno del suo complesso presidenziale, Zelensky ha affermato di essere impegnato a negoziare una fine diplomatica della guerra anche se la Russia ha “torturato” l’Ucraina.

Ha anche riconosciuto che la pace probabilmente non arriverà rapidamente. I colloqui finora non hanno incluso il presidente russo Vladimir Putin o altri alti funzionari. “Dobbiamo combattere, ma combattere per la vita. Non puoi combattere per la polvere quando non c’è niente e nemmeno la gente. Ecco perché è importante fermare questa guerra”, ha detto il presidente.

Le autorità ucraine hanno accusato le forze russe di aver commesso crimini di guerra contro migliaia di civili durante l’invasione, compresi attacchi aerei sugli ospedali, un attacco missilistico che ha ucciso 52 persone in una stazione ferroviaria venerdì e sparato a distanza ravvicinata ai residenti delle città del nord. Prove grafiche di uccisioni di civili sono emerse dopo che le forze russe si sono ritirate da Bucha e i vigili del fuoco stavano perquisendo edifici a Borodyanka, un altro insediamento fuori Kiev. La Russia ha negato di aver commesso crimini di guerra e sostenendo falsamente che quanto accaduto a Bucha erano una montatura degli ucraini per fare cadere la colpa sui russi. Le autorità ucraine hanno affermato che si aspettano di trovare altre uccisioni di massa una volta raggiunta la città portuale meridionale di Mariupol , anch’essa nel Donbas, soggetta a un blocco durato un mese e a intensi combattimenti. La posizione della città sul Mar d’Azov è fondamentale per stabilire un ponte terrestre dalla penisola di Crimea, che la Russia ha sequestrato all’Ucraina otto anni fa.

Durante la sua visita di sabato, il cancelliere austriaco Karl Nehammer (l’Austria è militarmente neutrale e non è membro della NATO), ha affermato di aspettarsi più sanzioni dell’UE contro la Russia, ma ha difeso l’opposizione del suo paese finora al taglio delle consegne di gas russo. Un pacchetto di sanzioni imposto questa settimana “non sarà l’ultimo”, ha affermato il cancelliere, riconoscendo che “finché le persone muoiono, ogni sanzione è ancora insufficiente”. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!