LA GIUSTIZIA INGLESE HA DETTO SÌ ALL'ESTRADIZIONE DI ASSANGE NEGLI STATI UNITI, CHE ORA RISCHIA UNA CONDANNA A 175 ANNI - WHAT-U

Julian Assange

Il tribunale dei magistrati di Westminster di Londra ha emesso un ordine per l’estradizione del fondatore di WikiLeaks, Julian Assange negli Stati Uniti, lo ha annunciato oggi Paul Goldspring, il giudice a cui è stato assegnato il suo caso, dopo una breve udienza.

Il ministro dell’Interno britannico Priti Patel si occuperà ora del caso di estradizione contro Assange, che rischia 175 anni di carcere negli Stati Uniti con l’accusa di divulgazione di informazioni riservate. Anche se il ministro dell’Interno concede l’estradizione di Assange, la sua squadra di difesa avrà comunque l’opportunità di presentare ricorso all’Alta Corte. “Ho il dovere di inviare il suo caso al Segretario di Stato per avere una risposta positiva o negativa sull’estradizione”, ha detto il giudice ad Assange che ha assistito all’udienza tramite collegamento video dalla prigione di Belmarsh aggiungendo che avendo inviato il suo caso al Segretario di Stato, lui ha il diritto di ricorrere in appello all’Alta Corte. “Se lei decide di esercitare il ​​suo diritto di appello”, ha proseguito il giudice, “non sarà ascoltato fino a quando il Segretario di Stato non avrà preso la sua decisione ai sensi della legge”.

Processo di estradizione di Assange

Nel gennaio 2021, la Corte dei magistrati di Westminster aveva stabilito che Assange non avrebbe dovuto essere estradato negli Stati Uniti perché soffre di autismo e depressione clinica e potrebbe suicidarsi in una prigione statunitense di massima sicurezza. Tuttavia, la sentenza è stata impugnata con successo dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti. Il 10 dicembre 2021, la Corte d’Appello di Inghilterra e Galles ha deciso di estradare Assange negli Stati Uniti che aveva assicurato che il fondatore di WikiLeaks non avrebbe dovuto affrontare un trattamento severo. Assange è stato successivamente autorizzato a impugnare la decisione presso la Corte Suprema, che, tuttavia, gli ha negato il permesso di farlo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!