"MARIUPOL NON È CADUTA NELLA MANI DEI RUSSI", DICE IL SINDACO. MA ORA PUTIN VUOLE CONQUISTARE IL DONBAS - WHAT-U

Nuove immagini satellitari mostrano delle profonde voragini nel terreno che di fatto somigliano a delle fosse comuni vicino a Mariupol, dove funzionari locali hanno accusato la Russia di aver seppellito fino a 9.000 civili ucraini per nascondere il massacro che ha avuto luogo nella città portuale in rovina che è quasi interamente sotto il controllo russo.

Le immagini sono emerse poche ore dopo che il presidente russo Vladimir Putin ieri ha rivendicato la vittoria nella battaglia per Mariupol, nonostante la presenza di circa 2.000 combattenti ucraini ancora rintanati in una gigantesca acciaieria. Putin ha ordinato alle sue truppe di sigillare la roccaforte “in modo che nemmeno una mosca passi” invece di assaltarla. La decisione di Putin di bloccare l’acciaieria Azovstal indica probabilmente il desiderio di contenere la resistenza ucraina a Mariupol e liberare le forze russe da schierare altrove nell’Ucraina orientale, ha affermato venerdì il ministero della Difesa britannico. Il fornitore di immagini satellitari Maxar Technologies ha rilasciato le foto, che mostravano più di 200 fosse comuni in una città in cui funzionari ucraini affermano che i russi hanno seppellito i residenti di Mariupol uccisi nei combattimenti. Le immagini mostravano lunghe file di tombe che si estendevano da un cimitero esistente nella città di Manhush, fuori Mariupol.

Il sindaco di Mariupol, Vadym Boychenko ha accusato i russi di “nascondere i loro crimini militari” prelevando i corpi dei civili dalla città e seppellendoli a Manhush. Le tombe potrebbero contenere fino a 9.000 morti, ha affermato giovedì il consiglio comunale di Mariupol in un post sull’app di messaggistica di Telegram. Boychenko ha etichettato le azioni russe in città come “la nuova Babi Yar”, un riferimento al luogo di molteplici massacri nazisti in cui quasi 34.000 ebrei ucraini furono uccisi nel 1941. Senza sortire nessuna reazione immediata da parte del Cremlino. Quando tre settimane fa sono state scoperte fosse comuni e centinaia di civili morti a Bucha e in altre città intorno a Kiev dopo che le truppe russe si erano ritirate, i funzionari russi hanno negato che i loro soldati avessero ucciso civili lì e hanno accusato l’Ucraina di inscenare le atrocità. In una dichiarazione, Maxar ha affermato che una revisione delle immagini precedenti indica che le tombe di Manhush sono state scavate a fine marzo e ampliate nelle ultime settimane.

Dopo quasi due mesi letali di bombardamenti che hanno in gran parte ridotto Mariupol a una rovina fumante , le forze russe sembrano controllare il resto della strategica città meridionale, compreso il suo porto vitale ma ora gravemente danneggiato. Ma alcune migliaia di soldati ucraini, secondo le stime di Mosca, hanno ostinatamente resistito per settimane all’acciaieria, nonostante i bombardamenti delle forze russe e le ripetute richieste di resa. Anche circa 1.000 civili sono rimasti intrappolati lì, secondo funzionari ucraini. Funzionari ucraini hanno ripetutamente accusato la Russia di aver lanciato attacchi per bloccare l’evacuazione dei civili da Mariupol. La città ha catturato l’attenzione di tutto il mondo come teatro di alcune delle peggiori sofferenze della guerra, inclusi attacchi aerei mortali su un ospedale pediatrico e un teatro. Boychenko ha respinto qualsiasi idea che Mariupol fosse caduta nelle mani dei russi. “La città era, e rimane ucraina”, ha dichiarato. “Oggi i nostri coraggiosi guerrieri, i nostri eroi, stanno difendendo la nostra città”.

La cattura di Mariupol rappresenterebbe la più grande vittoria del Cremlino della guerra in Ucraina. Aiuterebbe Mosca a proteggere più costa, a completare un ponte di terra tra la Russia e la penisola di Crimea, che la Russia si è impadronita nel 2014, e a liberare più forze per unirsi alla battaglia più ampia e potenzialmente più consequenziale ora in corso per il cuore industriale orientale dell’Ucraina, il Donbas.

In un’apparizione congiunta con il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu, Putin ha dichiarato: “Il completamento del lavoro di combattimento per liberare Mariupol è un successo” e si è congratulato con Shoigu. Funzionari russi per settimane hanno affermato che catturare il Donbas, per lo più di lingua russa, è l’obiettivo principale della guerra. Le forze di Mosca hanno aperto la nuova fase dei combattimenti questa settimana lungo un fronte di 300 miglia (480 chilometri) dalla città nord-orientale di Kharkiv al Mar d’Azov. Nonostante la nuova impennata russa sul fronte militare pare che le truppe russe stiano ancora soffrendo per le perdite subite all’inizio del conflitto. Dagli Stati Uniti, il presidente Joe Biden ha promesso un ulteriore 1,3 miliardi di dollari per nuove armi e assistenza economica per aiutare l’Ucraina, e ha promesso di chiedere molto di più dal Congresso per mantenere le armi, le munizioni e il flusso di denaro.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!