SEGNALI DI PACE TRA LA COREA DEL NORD E QUELLA DEL SUD. DESTINATI PERÒ A DURARE POCO - WHAT-U

Il leader nordcoreano Kim Jong Un, a sinistra, stringe la mano al presidente sudcoreano Moon Jae-in all’interno della Casa della Pace al villaggio di confine di Panmunjom nella Zona Demilitarizzata, Corea del Sud in una vecchia foto risalente al 27 aprile 2018.
(Pool stampa del vertice della Corea tramite AP, file)

Prove di pace tra i due leader delle Coree rivali che si sono scambiati lettere in cui esprimevano la speranza di un miglioramento delle relazioni bilaterali, che sono crollate negli ultimi tre anni a causa del congelamento dei negoziati nucleari e dell’accelerazione dello sviluppo di armi della Corea del Nord.

I media statali della Corea del Nord hanno detto che il leader Kim Jong Un mercoledì ha ricevuto una lettera personale dal presidente uscente della Corea del Sud Moon Jae-in e giovedì lui gli ha risposto manifestandogli soddisfazione per gli sforzi di pace che ha manifestato durante il suo mandato. Secondo Seoul, Moon nella sua lettera a Kim ha riconosciuto le battute d’arresto nelle relazioni intercoreane, ma ha insistito sul fatto che i loro voti di pace discussi nel corso dei vertici nel 2018 e un accordo militare di accompagnamento volto a disinnescare gli scontri nell’area di confine rimangono rilevanti come base per la futura cooperazione. Moon ha anche espresso la speranza di una ripresa dei colloqui sul nucleare tra Washington e Pyongyang e il desiderio che Kim prosegua la cooperazione con il prossimo governo di Seoul guidato dal presidente eletto conservatore Yoon Suk Yeol , ha detto il portavoce di Moon, Park Kyung-mee. “Considerando le indicazioni che la Corea del Nord si sta preparando per il suo settimo test nucleare , è discutibile se fosse appropriato che il presidente Moon inviasse una lettera al presidente Kim per esprimere i suoi cordiali saluti”, ha detto Cheong.

Yoon, che entrerà in carica il 10 maggio, ha descritto duramente la politica estera di Moon come “sottomessa” nei confronti della Corea del Nord e ha detto che non avrebbe portato avanti “colloqui per il bene dei colloqui”. Ha promesso di rafforzare la difesa della Corea del Sud in collaborazione con la sua alleanza con gli Stati Uniti, che secondo lui includerebbe il rafforzamento delle capacità di attacco preventivo e dei sistemi antimissilistici per scoraggiare gli attacchi della Corea del Nord. Le tensioni nella penisola coreana sono aumentate da una serie di test sulle armi della Corea del Nord quest’anno, incluso il suo primo test di volo di un missile balistico intercontinentale dal 2017 a marzo, rilanciando il rischio nucleare volto a costringere gli Stati Uniti ad accettarlo come potenza nucleare e rimuovere le sanzioni paralizzanti. L’esercito sudcoreano ha anche rilevato segnali che indicano che la Corea del Nord sta ricostruendo tunnel in un campo di test nucleari che ha parzialmente smantellato settimane prima del primo incontro di Kim con l’allora presidente Donald Trump nel giugno 2018, un possibile indicatore che il paese si sta preparando a riprendere i test di esplosivi nucleari. Moon ha incontrato Kim tre volte nel 2018 e ha fatto pressioni per aiutare a organizzare gli incontri di Kim con Trump. Ma la diplomazia non si è mai ripresa dal crollo del secondo incontro Kim-Trump nel 2019 in Vietnam, dove gli americani hanno respinto le richieste della Corea del Nord di sgravare maggiori sanzioni in cambio dello smantellamento di un vecchio impianto nucleare, che sarebbe stato un parziale abbandono della sua capacità nucleari. Da allora Kim ha promesso di rafforzare il suo deterrente nucleare per contrastare la pressione statunitense che ha definito “da gangster” accelerando lo sviluppo delle sue armi nonostante le risorse limitate e le difficoltà legate alla pandemia. L’inviato speciale di Biden per la Corea del Nord, Sung Kim, si è recato a Seoul questa settimana per incontri con alti funzionari sudcoreani e ha affermato di essere d’accordo sulla necessità di una risposta forte per contrastare il “comportamento destabilizzante” della Corea del Nord. Dopo aver mantenuto un tono conciliante per anni, quest’anno il governo di Moon si è opposto più fortemente ai test sulle armi della Corea del Nord, criticando il governo di Kim per aver posto fine alla sospensione autoimposta dei test missilistici a lungo raggio e sollecitando un ritorno alla diplomazia.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!