RUSSIA E UCRAINA, IL CONFLITTO POTREBBE ESSERE RISOLTO CON LA MEDIAZIONE? - WHAT-U

(ph. AP Photo/Emilio Morenatti)

Le forze russe hanno intrapreso un’importante operazione militare per impadronirsi di parti significative dell’Ucraina meridionale e orientale dopo la loro mancata cattura di Kiev. Mariupol, una città portuale sul Mar d’Azov, è un obiettivo chiave per la sua posizione strategica vicino alla penisola di Crimea, che la Russia ha sequestrato all’Ucraina nel 2014. “Tutti i leader del mondo libero sanno cosa ha fatto la Russia a Mariupol. E la Russia non rimarrà impunita per questo”, ha detto Zelenskyy nel suo discorso video notturno. Ha avvertito che la Russia “stava raccogliendo forze aggiuntive per nuovi attacchi contro i nostri militari nell’est del paese”. Sabato sono state effettuate evacuazioni limitate dalla città, ma i dettagli non erano stati chiari dato il numero di parti coinvolte nei negoziati e la situazione instabile sul campo. Il ministero della Difesa russo ha affermato che un totale di 46 persone, un gruppo di 25 e un altro numero 21, sono state evacuate dalle aree vicino allo stabilimento di Azovstal. Un alto funzionario del reggimento Azov, l’unità ucraina che difende le acciaierie, ha detto sabato che 20 donne e bambini sono stati evacuati dall’impianto stesso. I civili si sono rifugiati in un labirinto di tunnel sotterranei mentre l’impianto era sotto assedio.

In un video pubblicato sul canale Telegram del reggimento, il vice comandante del reggimento Sviatoslav Palamar ha chiesto l’evacuazione dei combattenti ucraini feriti e dei civili.  Un giornalista dell’Associated Press ha visto donne e bambini arrivare a Bezimenne, un villaggio che è sotto il controllo dei separatisti sostenuti da Mosca nell’Ucraina orientale, accompagnati da rappresentanti delle Nazioni Unite e della Croce Rossa. L’ONU non ha confermato che le persone siano state in grado di lasciare Mariupol sabato.

Altrove nella regione orientale del Donbas, in Ucraina, circa 20 anziani e bambini con in mano i bagagli insieme ai loro cani e gatti sono saliti a bordo di un minivan sabato nella città di Lyman, dove almeno metà della popolazione è fuggita dai bombardamenti russi, Il furgone, contrassegnato da un cartello con la scritta “evacuazione dei bambini” in ucraino, si è diretta verso la città di Dnipro mentre si sentivano esplosioni in lontananza. Nancy Pelosi, la presidente della Camera degli Stati Uniti, ha rivelato di aver visitato il presidente dell’Ucraina per mostrare il sostegno incrollabile degli americani per la difesa del Paese contro l’aggressione russa.

La presidente della Camera Usa Nancy Pelosi assieme al premier ucraino Zelensky

C’è ancora la possibilità di un accordo

Le atrocità della Russia contro i civili ucraini e la sua escalation della guerra nel sud-est dell’Ucraina hanno spazzato via tutte le ipotesi di mediazione del mese scorso sulle opzioni di pace. Mentre gli analisti suggerivano di optare per la Cina, Israele, India come possibili mediatori alla fine solo la Turchia è rimasta l’intermediario, seppur più atipico, ma papabile. Perché atipico? Perché la Turchia è un membro della NATO, che il governo russo ha dichiarato nemico. La Turchia ha sostenuto l’Ucraina con gesti umanitari, evacuando circa 16.000 civili dalle zone di combattimento e ricevendo finora quasi 60.000 rifugiati ucraini . E ha persino venduto droni aerei armati di costruzione turca che gli ucraini hanno schierato contro le offensive di terra russe. Inoltre, Russia e Turchia hanno avuto i loro conflitti, sia storicamente che negli ultimi anni. Quindi dove sta il vantaggio?

Nel fatto che ipotizzando un eventuale accordo russo-ucraino la Turchia in qualità di membro della NATO, potrebbe giocarsi la carta vincente per assicurarsi il sostegno sia dei suoi alleati statunitensi sia di quelli europei. La Turchia ha costruito la sua credibilità sviluppando una specifica capacità di mediazione negli ultimi decenni e mostrandosi alla Russia e all’Ucraina come un attore indipendente, che pur essendo membro della NATO, non è indebitamente influenzato dagli Stati Uniti o dall’Europa.

Perché la Turchia vuole giocare il ruolo dell’intermediario?

La Turchia è desiderosa di svolgere un ruolo di mediazione nella speranza di abbreviare una guerra che minaccia i suoi interessi strategici ed economici vitali. Se la Russia riuscirà nella sua offensiva per impadronirsi della costa meridionale dell’Ucraina, si avvicinerà a ripristinare il dominio sulla regione del Mar Nero che l’Unione Sovietica esercitava durante la Guerra Fredda. Una tale rinascita al potere del principale concorrente storico della Turchia nel Mar Nero è una prospettiva profondamente sconfortante per il governo turco. Anche il governo del presidente Recep Tayyip Erdogan è ansioso di impedire che questa guerra moltiplichi enormemente l’ attuale crisi economica della Turchia , già la peggiore degli ultimi 20 anni, in previsione delle elezioni presidenziali e parlamentari del 2023. Il Partito per la giustizia e lo sviluppo di Erdogan ha consolidato il suo governo a partire dal 2002 guidando La Turchia è uscita dalla sua precedente recessione, ma la pandemia di COVID e lo stallo delle riforme essenziali hanno fatto salire l’inflazione e il debito e il tenore di vita dei turchi è peggiorato.

Un grave onere economico per tre decenni sono stati i costi sostenuti dalla Turchia dalle guerre vicine: Georgia, Nagorno-Karabakh , Iraq e Siria. Questi costi includono l’interruzione del commercio e l’arrivo in Turchia di circa 4 milioni di rifugiati. La nuova guerra nel nord della Turchia taglierà il turismo straniero, più di un quarto proveniente da Russia e Ucraina, che porta entrate vitali. Potrebbe mettere a rischio forniture energetiche critiche, poiché la Turchia importa quasi la metà del suo gas naturale dalla Russia. Inoltre, la Russia sta costruendo la prima centrale nucleare della Turchia ad Akkuyu, sulla costa meridionale della Turchia. 

La Turchia si è consapevolmente costruita un ruolo di mediatore nei conflitti negli ultimi due decenni ed è stata attenta a sostenere il dialogo con la Russia nonostante le relazioni spesso combattive dei due paesi. L’ex ambasciatore della Turchia presso la NATO, Tacan Ildem, descrive una “cooperazione competitiva”  in cui Turchia e Russia lavorano, questione per questione, su base transazionale. Questa relazione ha permesso ai paesi di gestire i loro ruoli in competizione nei conflitti dalla regione del Caucaso meridionale alla Libia e alla Siria . Hanno modulato le crisi sorte nel 2016, dopo che le forze turche hanno abbattuto un jet russo sulla Siria e l’ambasciatore russo ad Ankara è stato assassinato.

Le relazioni tra i paesi sono migliorate in modo significativo negli ultimi sei anni, in particolare con l’acquisto da parte della Turchia di missili russi per la difesa aerea S-400 a scapito delle tensioni nella sua alleanza con gli Stati Uniti e la NATO. I presidenti Erdogan e Vladimir Putin hanno costruito un rapporto, soprattutto dopo il sostegno di Putin a Erdogan sulla scia del tentativo di colpo di stato del luglio 2016 in Turchia. I successi turco-russi nel praticare la “tensione controllata” sono parte del motivo per cui il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha cercato l’aiuto della Turchia con la Russia anche prima del rilancio della guerra da parte di Mosca a febbraio.

Sin dal primo attacco della Russia all’Ucraina nel 2014 – la sua presa della Crimea e il suo assalto sottilmente velato nella regione meridionale del Donbas – la Turchia ha svolto ruoli sia pubblici che segreti come intermediario. Da quell’anno, sono stati i diplomatici turchi a dirigere la principale missione diplomatica internazionale nel conflitto, quella dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE). In quel ruolo, due ambasciatori turchi successivi hanno guidato l’arduo lavoro quotidiano di riduzione dei conflitti e facilitazione della comunicazione tra il governo ucraino e le forze separatiste sostenute dalla Russia nel Donbas più meridionale. Funzionari turchi hanno anche assistito altri scambi tra Russia e Ucraina durante gli otto lunghi anni di guerra, mantenendo quel ruolo estremamente discreto per evitare che fosse considerato in competizione con il processo di pace di Minsk sostenuto dall’OSCE .

All’interno della propria regione, la Turchia dal Duemila ha svolto un ruolo di mediatore tra Israele e palestinesi, Israele e Siria, combattendo fazioni in Libano e in Iraq, e tra Bosnia-Erzegovina e Serbia. La Turchia ha anche facilitato i colloqui tra Afghanistan e Pakistan e tra la Somalia e la regione separatista del Somaliland. Sebbene questa priorità sulla mediazione sia diminuita con le modifiche alla politica estera turca dal 2016, l’esperienza della Turchia negli ultimi due decenni è diventata utile per il suo ruolo Ucraina-Russia. Gli Stati Uniti e l’Europa possono aiutare la Turchia a sostenere la sua utilità come mediatore mentre il governo turco deve affrontare tre sfide specifiche. Uno è come gestire la campagna globale senza precedenti di sanzioni economiche contro la Russia. La Turchia tradizionalmente ha aderito solo ai regimi sanzionatori approvati dalle Nazioni Unite, rifiutandosi di applicare sanzioni imposte da singoli stati o coalizioni. La Turchia ha imposto due proprie sanzioni specifiche, incentrate sull’esercito russo. A febbraio, il governo turco ha invocato la Convenzione di Montreux del 1936 per chiudere lo stretto del Bosforo alle navi militari durante la guerra, impedendo alla Russia di rafforzare la sua flotta del Mar Nero. La scorsa settimana ha annunciato una chiusura di tre mesi del suo spazio aereo agli aerei da guerra russi o ai trasporti di truppe che volano in Siria.

Se i responsabili politici sono inclini a fare pressioni sulla Turchia per rafforzare la sua adesione alle sanzioni, dovrebbero considerare se un tale passo potrebbe avere un basso valore, ma ad alto costo. Le esportazioni della Turchia in Russia sono in gran parte frutta, tessuti e beni industriali leggeri , piuttosto che prodotti o materiali strategici. Tuttavia, costringere la Turchia a imporre sanzioni più complete potrebbe chiudere il canale di comunicazione più chiaro del mondo per un’eventuale soluzione negoziata.  Sostenere un canale turco per la pacificazione significa anche rimanere aperti alle opzioni per una soluzione, una preferenza che l’Ucraina ha segnalato , anche tra le recenti scoperte delle atrocità russe. 

Infine, la Turchia deve affrontare il tradizionale dilemma di qualsiasi mediatore: l’equilibrio tra pace e giustizia. Man mano che altre atrocità verranno alla luce in Ucraina, la necessità di responsabilità complicherà i negoziati con un regime considerato sempre più di natura criminale. La Turchia dovrà affrontare questo dilemma insieme al resto del mondo nel determinare il modo migliore per porre fine al peggior spargimento di sangue dell’Europa da generazioni, preservando e rafforzando allo stesso tempo le salvaguardie del mondo contro guerre future e crimini di questo tipo orribile.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!