UCRAINA, DONNE SI ADDESTRANO PER RIMUOVERE LE MINE, NUOVE RESTRIZIONI PER LA RUSSIA - WHAT-U

Lunedì 25 aprile 2022, l’istruttore di sminamento Artur Tigani informa un gruppo di personale femminile ucraino dei servizi di emergenza per la formazione specialistica sull’eliminazione degli ordigni esplosivi.
(Foto AP/Visar Kryeziu)

I paesi della NATO stanno facendo di tutto per impedire il completamento dell’operazione speciale russa in Ucraina mediante accordi politici, ha affermato il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov nell’intervista all’agenzia di stampa Xinhua . “Stiamo assistendo alla manifestazione del classico doppio standard e dell’ipocrisia dell’establishment occidentale in questo momento. Esprimendo pubblicamente sostegno al regime di Kiev, i paesi della NATO stanno facendo di tutto per impedire il completamento dell’operazione attraverso il raggiungimento di accordi politici”, ha affermato il ministro russo.

Oggi le forze ucraine hanno combattuto per respingere l’avanzata dei soldati russi in a regione orientale dell’Ucraina e nella zona meridionale di Mairupol, dove sia i combattenti sia i civili sono barricati dentro un’acciaieria ora gravemente danneggiata dove ora vivono in condizioni precarie. Le Nazioni Unite hanno continuato a cercare di mediare l’evacuazione dei civili dall’estero. I russi stimano che ci siano circa duemila soldati ucraini nello stabilimento.

Nel frattempo le donne ucraine si addestrano per sminare le mine

La guerra della Russia in Ucraina ha spinto molte donne a rendersi utili e poiché non possono andare a combattere al fianco degli uomini, hanno pensato di frequentare un corso pratico sulla rimozione di mine e altri pericoli che potrebbero rimanere nascosti nel loro paese una volta terminato il conflitto per dare una mano. “Perché la guerra finirà presto”, dicono. Il campo di addestramento di 18 giorni è stato attivato in un campo nella città occidentale di Peja, dove un’azienda con sede a Malta offre regolarmente corsi per persone in cerca di lavoro. L’istruttore si chiama Artur Tigani ed è un ufficiale altamente qualificato ed esperto ingegnere che ha lavorato nell’ex esercito jugoslavo negli anni ’80, oltre che nel suo nativo Kosovo, in Sri Lanka, Uganda, Congo, Ruanda e Kenya, e ha anche condotto missioni di addestramento in Siria e Iraq.

Durante una lezione la scorsa settimana, ha portato i suoi tirocinanti in un campo minato improvvisato prima di trasferirsi in un’aula all’aperto dove ha mostrato vari campioni di esplosivi e mine. “Individuare (ordigni inesplosi) in mezzo alle macerie e raccoglierli tra una vasta gamma di oggetti di uso quotidiano, molti dei quali sono fatti di materiale simile è un compito pericoloso, oneroso e spesso estremamente dispendioso in termini di tempo”, ha affermato la Croce Rossa . Gli analisti militari affermano che le forze russe abbiano impiegato mine antiuomo e anti-veicolo, mentre l’Ucraina ha usato mine anticarro per cercare di impedire ai russi di guadagnare terreno.

 “Bisogna fermarsi, questo è il primo punto sul quale bisogna mettersi d’accordo. Tu vuoi un maggiore invio di armi o vuoi che la guerra si fermi?”. È la domanda che Michele Santoro, ospite di Corrado Formigli a PiazzaPulitasu La7, ha rivolto a Paolo Mieli. “Sì, io voglio più armi“, ha risposto l’ex direttore del Corriere della Sera, che poi ha spiegato che è più facile che due Paesi trovino un accordo (o che non si facciano la guerra) se hanno una forza militare equivalente. “Perché quando ci fu Baghdad (la guerra in Iraq, ndr) – ha domandato Mieli – tu dicevi che era Bush che doveva fermarsi? Adesso perché non dici che Putin deve fermarsi?“. “Perché all’epoca era Bush che si doveva fermare”, è stata la replica di Santoro. “E qua?”. “In questo momento è Biden che si deve fermare“.

Negli Usa il Senato e la Camera statunitense hanno approva la misura che consentirà a Joe Biden di usufruire di una legge risalente alla Seconda Guerra Mondiale per fornire più velocemente armi all’Ucraina. L’autorizzazione è stata sancita con 417 voti a favore e 10 contrari. Ora manca solo la firma del presidente americano.

Cosa prevede la legge del 1941

Il provvedimento invoca il Lend-Lease Act del 1941, legge che ha permesso agli americani di armare l’esercito britannico contro Hitler. La misura consente dunque di prestare equipaggiamento militare ai governi stranieri la cui difesa “sia valutata dal presidente come vitale per gli Stati Uniti”.

Tra le nuove armi che gli Stati Uniti invieranno all’Ucraina ci sono altri sistema di difesa antiaerea. Ad annunciarlo è il segretario della Difesa americana Lloyd Austin nel corso di una conferenza stampa al Pentagono. Con questi strumenti “gli ucraini sono riusciti ad evitare che la Russia dominasse i cieli. Noi dobbiamo fare in modo di rifornirli e far avere loro sistemi a corto ma soprattutto a lungo raggio”, ha spiegato. I sistemi, ha precisato, non sono di un nuovo tipo ma sempre “S-300”.

La Germania sostiene l’embargo dell’UE sulle importazioni di petrolio dalla Russia

Il governo tedesco sostiene i piani dell’Unione Europea (UE) di imporre un embargo sulle importazioni di petrolio dalla Russia. Durante gli ultimi colloqui preliminari sul sesto pacchetto di sanzioni contro la Russia, Berlino si è espressa a favore di un divieto, ha riportato l’agenzia di stampa DPA, citando fonti diplomatiche nell’UE. E questo fa pensare che la ricerca di fornitori di petrolio alternativi stia dando buoni risultati. La scorsa settimana, il vice cancelliere tedesco, il ministro federale dell’economia e dell’azione per il clima Robert Habeck, ha affermato che la dipendenza del paese dalle importazioni di petrolio russe è diminuita dal 35% prima che la Russia lanciasse un’operazione militare speciale in Ucraina al 12%. Secondo il DPA, al momento solo paesi come Ungheria, Austria e Slovacchia, così come Spagna, Italia e Grecia hanno sospeso l’embargo sulle forniture di petrolio dalla Russia. Secondo fonti diplomatiche, Slovacchia e Ungheria si sono finora opposte a un taglio immediato delle forniture, principalmente a causa della loro forte dipendenza dalle importazioni russe di petrolio. La Tass scrive che negli stati dell’Europa meridionale, la preoccupazione è alta per la prevista crescita dei prezzi dell’energia.

La Commissione europea intende presentare al più presto una bozza di un nuovo pacchetto di sanzioni contro la Russia al fine di aumentare la pressione su Mosca sullo sfondo dell’attualità in Ucraina, ha osservato l’agenzia. L’introduzione dei prezzi massimi per il petrolio russo potrebbe anche essere una possibile alternativa al divieto di importazione di petrolio, ha scritto DPA. Tuttavia, affinché tale piano funzioni, è necessario, scrive la Tass, che il petrolio russo non venga acquistato a prezzi superiori al limite anche da paesi extra UE. Il nuovo pacchetto di sanzioni contro la Russia, oltre all’eliminazione graduale delle forniture petrolifere russe, potrebbe includere ulteriori sanzioni contro il settore bancario, in particolare Sberbank, nonché restrizioni contro un numero maggiore di persone fisiche e giuridiche.

Secondo un articolo del Washington Post, i paesi europei non hanno abbastanza alternative che consentano loro di sostituire le forniture russe di gas naturale ed evitare seri problemi economici questo inverno. “In quasi tutti gli scenari, i prossimi 18 mesi saranno un periodo straziante per l’Europa, poiché gli impatti dei prezzi elevati si ripercuotono in tutto il mondo e i governi lottano per alimentare le loro fabbriche, riscaldare le loro case e mantenere in funzione le loro centrali elettriche. Ci sono non abbastanza alternative a breve termine per evitare gravi problemi economici nel prossimo inverno se la Russia interromperà l’approvvigionamento”, afferma l’articolo.

“Questo è un gioco molto pericoloso che si sta svolgendo”, ha affermato Edward Chow, uno studioso di sicurezza energetica presso il Center for Strategic and International Studies, del Washington Post, che afferma che è difficile che l’attuale volume delle forniture globali di gas cambi drasticamente in tempi brevi. “Nessuno sarà in grado di produrre più gas naturale liquefatto rapidamente, indipendentemente dalle fantasie che i governi vogliono inventare”, ha affermato l’esperto.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!