it Italian
ar Arabicbg Bulgarianca Catalanzh-CN Chinese (Simplified)cs Czechda Danishen Englishtl Filipinofi Finnishfr Frenchde Germanhaw Hawaiianhi Hindiit Italianja Japaneseko Koreanpt Portugueseru Russiansk Slovaksl Slovenianes Spanishta Tamilth Thai
REGNO UNITO STANZIA 1,3 MILIARDI PER SOSTENERE L'UCRAINA, BOMBARDATA SCUOLA NEL LUGANSK - WHAT-U

Il governo del Regno Unito sosterrà l’Ucraina con ulteriori 1,3 miliardi di sterline (1,6 miliardi di dollari) come parte dei suoi aiuti militari, economici e umanitari, lo ha dichiarato durante un’intervista sulla radioemittente britannica il ministro delle finanze britannico, Rishi Sunak.”Siamo incrollabili nel nostro sostegno al popolo ucraino e questi 1,3 miliardi in più ci assicureranno di continuare a fornire il necessario supporto militare e operativo di cui hanno bisogno…”, ha detto il Cancelliere dello Scacchiere. “Il Regno Unito è in prima linea nel fornire supporto economico, umanitario e difensivo all’Ucraina e stiamo lavorando instancabilmente per porre fine a questo conflitto”, ha aggiunto. Secondo il rapporto della stazione radio LBC “la somma di 1,3 miliardi, verrà stanziata per il rifornimento di sistemi radar anti-batteria per prendere di mira l’artiglieria russa, il GPS apparecchiature di disturbo e dispositivi per la visione notturna.”

Per il giorno della vittoria cosa faranno russi e ucraini?

I leader ucraini hanno avvertito che gli attacchi potrebbero solo che peggiorare in vista del Giorno della Vittoria, quando la Russia celebrerà la sconfitta della Germania nazista nel 1945 con parate militari. Si ritiene che il presidente russo Vladimir Putin voglia proclamare una sorta di trionfo in Ucraina quando lunedì si rivolgerà alle truppe sulla Piazza Rossa.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha dichiarato sabato che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky e il suo popolo “incarnano lo spirito di coloro che hanno prevalso durante la seconda guerra mondiale”. Ha accusato Putin di aver cercato di “torcere la storia per tentare di giustificare la sua guerra brutale e non provocata contro l’Ucraina”.

“Mentre la guerra infuria di nuovo in Europa, dobbiamo aumentare la nostra determinazione a resistere a coloro che ora cercano di manipolare la memoria storica per portare avanti le proprie ambizioni”, ha affermato Blinken in una dichiarazione mentre Stati Uniti e Regno Unito commemorano la vittoria degli Alleati in Europa .

I combattimenti più intensi degli ultimi giorni sono stati nell’Ucraina orientale, dove le due parti sono trincerate in una feroce battaglia per conquistare o rivendicare il territorio. L’offensiva di Mosca si è concentrata sul Donbas, dove i separatisti sostenuti dalla Russia combattono dal 2014. Il governatore di Lugansk, Serhiy Haidai, ha denunciato il bombardamento da parte dei russi di una scuola nel villaggio di Belogorovka, nel distretto di Lugansk. Nei sotterranei dell’edificio avevano trovato rifugio 90 persone. Secondo quanto riferito dai servizi di emergenza ucraini il bilancio è, al momento, di due morti. Il governatore Haidai, su Telegram, ha scritto: «Oggi i russi “hanno combattuto” contro civili disarmati e hanno lanciato una bomba su una scuola dove si nascondeva quasi l’intero villaggio». Il governatore di Lugansk ha riferito che sinora «30 persone sono state tratte in salvo, ma le operazioni di soccorso proseguono» alla ricerca di superstiti. Haidai ha poi aggiunto che due ragazzi di 11 e 14 anni sono stati uccisi dai bombardamenti russi nella città di Pryvillia, mentre due ragazze di 8 e 12 anni e una donna di 69 anni sono rimaste ferite. Nella vicina Moldova, le truppe russe e quelle dei separatisti sono in “piena allerta”, ha avvertito domenica l’esercito ucraino. La regione è diventata sempre più al centro delle preoccupazioni che il conflitto possa espandersi oltre i confini dell’Ucraina. Le forze filo-russe hanno interrotto la sezione Transnistria della Moldova nel 1992 e da allora le truppe russe sono state di stanza lì, apparentemente come forze di pace, pronte a combattere ora contro gli ucraini.

L’acciaieria di Azovstal

Non è chiaro cosa accadrà ai circa 2.000 combattenti ad Azovstal, sia quelli ancora in combattimento sia alle centinaia che si ritiene siano ora ferite. Negli ultimi giorni il governo ucraino ha contattato le organizzazioni internazionali per cercare di garantire loro un passaggio sicuro. I combattenti hanno più volte promesso di non arrendersi.

Zelenskyy ha riconosciuto la difficoltà, ma ha detto: “Non stiamo perdendo la speranza, non ci fermiamo. Ogni giorno cerchiamo qualche opzione diplomatica che potrebbe funzionare”. Nel frattempo però le forze russe pare siano riuscite a sondare l’impianto e hanno persino a raggiungere il suo dedalo di tunnel, secondo i funzionari ucraini. Gli ucraini stanno facendo progressi nel garantire posizioni intorno alla città. L’esercito ucraino ha affermato di aver ripreso il controllo di cinque villaggi e parte di un sesto.

Un think tank con sede a Washington, l’Institute for the Study of War, ha affermato che l’Ucraina potrebbe essere in grado di spingere le forze russe fuori dal raggio di artiglieria di Kharkiv nei prossimi giorni, fornendo una tregua alla città e un’opportunità per rafforzare lo slancio dei difensori “in una controffensiva di successo e più ampia”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!