LAVROV NON VUOLE FAR PERDERE TERRENO AL GAS RUSSO E CERCA NUOVI ALLEATI


Il presidente russo Vladimir Putin ieri ha nominato cinque governatori ad interim nelle regioni di Tomsk, Saratov, Ryazan, Kirov e nella repubblica di Mari El, secondo i decreti pubblicati martedì sul sito web del Cremlino. Nella regione di Tomsk, Vladimir Mazur, vice capo del Dipartimento presidenziale russo per la politica interna, succederà a Sergey Zhvachkin, in carica per due mandati dal 2012 e dimessosi all’inizio della giornata, da governatore ad interim. Busargin, vice governatore e capo del governo regionale, è stato nominato governatore ad interim nella regione di Saratov. In precedenza, Valery Radayev, che guidava la regione da dieci anni, aveva rassegnato le dimissioni. Pavel Malkov, capo del Servizio federale russo per le statistiche statali, è stato nominato governatore ad interim nella regione di Ryazan. L’ex governatore Nikolai Lyubimov ha annunciato all’inizio della giornata di aver deciso di non candidarsi alle imminenti elezioni. In un altro decreto, Alexander Sokolov, che ha lavorato per la direzione presidenziale per le attività di supporto del Consiglio di Stato, è stato nominato governatore ad interim nella regione di Kirov. A Mari El, il presidente del governo regionale di Kalmykia Yury Zaitsev è diventato governatore ad interim per succedere ad Alexander Yevstifeev, che ha anche rassegnato le dimissioni all’inizio della giornata.

Lavrov cerca nuove sponde per il gas russo

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov è arrivato in visita a Mascate, capitale dell’Oman, per incontrare il vice primo ministro dell’Oman Fahd bin Mahmoud al Said, nonché il ministro degli Esteri Sayyid Badr Albusaidi.

Russia, Algeria e altri membri del Forum dei paesi esportatori di gas (GECF) che aderiscono agli accordi internazionali sul gas “sperano di mantenere l’impegno in futuro di continuare a fornire gas al mercato mondiale”, ha detto martedì il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov durante una conferenza stampa dopo la sua visita in Algeria. “Per quanto riguarda la fornitura di gas al mercato mondiale, noi [Russia], Algeria e altri partecipanti al Forum dei paesi esportatori di gas rispettiamo gli accordi. E sono sicuro che continuerà ad essere così”, ha detto Lavrov.

Il Giappone

Dopo la recente decisione del G7 di porre fine alla dipendenza delle risorse energetiche russe, il Giappone ha reso noto che “non può rifiutare completamente le forniture petrolifere russe immediatamente, ma le ridurrà costantemente”, ha affermato martedì il ministro dell’Economia, del Commercio e dell’Industria Koichi Hagiuda.

“Ora non possiamo rifiutarci di importare petrolio russo, ma siamo pronti ad abbandonare gradualmente la dipendenza dalle risorse energetiche russe, trovando al contempo fonti di approvvigionamento alternative”. Hagiuda ha ribadito la posizione espressa in precedenza dal primo ministro Fumio Kishida, che ha affermato che il Giappone è unito agli altri paesi del G7 nella decisione di rinunciare alle importazioni di petrolio russo, anche se questa è e sarà una mossa difficile per Tokyo. Per quanto riguarda una tempistica e misure specifiche per ridurre le forniture di energia dalla Russia, Hagiuda ha affermato che il governo giapponese studierà la questione in dettaglio nel prossimo futuro promettendo che la riduzione della dipendenza dalle risorse energetiche russe terrà conto degli interessi nazionali.

Il petrolio russo rappresenta circa il 3% delle importazioni totali di petrolio del Giappone

In una dichiarazione congiunta a seguito della riunione virtuale del fine settimana, il G7 ha promesso di porre fine gradualmente alla dipendenza dalle importazioni di energia russe, affermando che avrebbe perseguito tale obiettivo in modo ordinato.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!