AZOVSTAL, DOPO LA RESA SI TEME PER L'INCOLUMITÀ FISICA DEI SOLDATI UCRAINI. ZELENSKY AFFERMA: "LI PORTEREMO A CASA" - WHAT-U

In questa foto fornita dal reggimento delle forze speciali Azov dell’ufficio stampa della Guardia nazionale ucraina, un gruppo di soldati ucraini che si trovavano all’interno dell’acciaieria in rovina Azovstal, su un pullman, dopo la resa alle forze russe a Mariupol. Per quasi tre mesi, dentro l’Azovstal un soldato-fotografo ucraino ha documentato tutto quello che succedeva dentro l’acciaieria inviando le foto al mondo. Ora anche lui è prigioniero dei russi. (Dmytro Kozatski / Reggimento delle forze speciali Azov dell’ufficio stampa della Guardia nazionale ucraina tramite AP)

 

L’acciaieria Azovstal di Mariupol è totalmente sotto il controllo delle forze armate russe. Lo ha affermato il ministero della Difesa di Mosca, citato dalla Tass, diffondendo anche un video della resa. Il ministro della Difesa russo Seghei Shoigu ha comunicato al presidente Vladimir Putin “la fine dell’operazione e la completa liberazione dell’acciaieria Azovstal di Mariupol dai militanti ucraini”. “L’ultimo gruppo di 531 militanti dell’Azovstal si è arreso oggi”, ha riferito il portavoce della Difesa russa Igor Konashenkov. In totale sono 2.439 i combattenti che si sono arresi, secondo Mosca. Konashenkov ha aggiunto che il comandante del reggimento Azov, Denis Prokopenko, è stato portato via dall’impianto in un veicolo blindato a causa del presunto odio dei residenti locali nei suoi confronti, ma non è emersa alcuna prova dell’antipatia ucraina nei confronti del reggimento nazionalista.

“Li porteremo a casa. Questo è quello che dobbiamo fare con i nostri partner che si sono presi la responsabilità”. Queste le parole del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, in un’intervista alle tv del suo paese, come riportato da Ukrainska Pravda, dopo che ieri Mosca ha annunciato l’uscita di tutti i militari asserragliati nell’acciaieria Azvostal. “I ragazzi”, ha detto Zelensky, “hanno ricevuto l’ordine dai militari di uscire allo scoperto e salvarsi la vita”.

Venerdì il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelenskyy, ha espresso gratitudine al suo omologo statunitense, Joe Biden, che sabato ha firmato per una nuova tornata di aiuti da 40 miliardi di dollari per la nazione devastata dalla guerra, e ha chiesto di nuovo che la Russia paghi “in un modo o nell’altro per tutto ciò che ha distrutto in Ucraina. Ogni casa bruciata. Ogni scuola in rovina, ospedale in rovina. Ogni casa della cultura e delle infrastrutture esplose. Ogni impresa distrutta”.

“Naturalmente, lo stato russo non riconoscerà nemmeno di essere un aggressore”, ha continuato. “Ma il suo riconoscimento non è richiesto”.

Mariupol, che fa parte del Donbas, dall’inizio della guerra è diventata la città simbolo e capro espiatorio per i russi che hanno così voluto mostrare agli ucraini cosa sarebbe spettato loro in altri luoghi se i russi avessero circondato le loro comunità. Le acciaierie sul mare, che occupavano circa 11 chilometri quadrati (4 miglia quadrate), sono state un campo di battaglia per settimane. Attirando attacchi aerei russi, artiglieria e fuoco di carri armati, il gruppo in diminuzione di combattenti senza armi ha resistito con l’aiuto di lanci aerei prima che il loro governo ordinasse loro di abbandonare l’impianto.

Zelensky ha rivelato in un’intervista pubblicata venerdì che i piloti di elicotteri ucraini hanno sfidato il fuoco della contraerea russa per trasportare medicinali, cibo e acqua all’acciaieria, nonché per recuperare corpi e salvare combattenti feriti. Un numero “molto grande” di piloti è morto durante le loro audaci missioni, ha detto. “Sono persone assolutamente eroiche, che sapevano che sarebbe stato difficile, sapevano che volare sarebbe stato quasi impossibile”, ha detto Zelensky. Con la Russia che controlla la città, è probabile che le autorità ucraine debbano affrontare ritardi nel documentare le prove di presunte atrocità russe a Mariupol, compresi gli attentati a un ospedale per la maternità e un teatro, dove si erano rifugiati centinaia di civili . Le immagini satellitari di aprile hanno mostrato quelle che sembravano essere fosse comuni appena fuori Mariupol, dove funzionari locali hanno accusato la Russia di aver nascosto il massacro seppellendo fino a 9.000 civili. All’inizio di questo mese, centinaia di civili sono stati evacuati dall’impianto durante il cessate il fuoco umanitario e hanno parlato del terrore dei bombardamenti incessanti, delle condizioni di umidità nel sottosuolo e del timore che non ne uscissero vivi. Anche papa Francesco si è lamentato del fatto che Mariupol fosse diventata una “città di martiri”. L’amministratore delegato di Metinvest, multinazionale proprietaria dello stabilimento Azovstal e di un’altra acciaieria, Ilyich, a Mariupol, ha parlato della devastazione della città in un’intervista pubblicata sabato sul Corriere della Sera.

“I russi stanno cercando di ripulirla [la città] per nascondere i loro crimini”, ha affermato il quotidiano Yuriy Ryzhenkov, CEO di Metinvest. “Gli abitanti stanno cercando di far funzionare la città, di far funzionare di nuovo l’approvvigionamento idrico. Ma il sistema fognario è danneggiato, ci sono state inondazioni e si temono infezioni” dal bere l’acqua, ha detto. L’acciaieria di Ilyich ha ancora alcune infrastrutture intatte, ma se i russi cercheranno di farla funzionare, gli ucraini si rifiuteranno di tornare al loro lavoro lì, ha detto Ryzhenkov. “Non lavoreremo mai sotto l’occupazione russa”, ha detto Ryzhenkov.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!