LA COREA DEL SUD È IL PAESE CON LA MIGLIORE ASSISTENZA SANITARIA AL MONDO - WHAT-U

L’Organizzazione mondiale della sanità ha pubblicato la sua  ultima serie completa di statistiche sulla salute mondiale  fino al 2020, il primo anno della pandemia di COVID-19, che ha portato a circa 4,5 milioni di morti in eccesso in quell’anno. Le statistiche rivelano la misura in cui la pandemia ha colpito i sistemi sanitari di tutto il mondo, in alcuni casi limitando gravemente l’accesso ai servizi vitali. È probabile che queste interruzioni ostacoleranno il progresso globale sia sull’aspettativa di vita che sull’aspettativa di vita in buona salute realizzati nei primi 20 anni del secolo.

L’aspettativa di vita globale alla nascita è aumentata da 66,8 anni nel 2000 a 73,3 anni nel 2019 e l’aspettativa di vita in buona salute è aumentata da 58,3 anni a 63,7 anni. Ciò è stato in gran parte dovuto ai guadagni in materia di salute materna e infantile, nonché a importanti investimenti e miglioramenti nei programmi di malattie trasmissibili, come l’HIV, la tubercolosi e la malaria. Ma i dati del 2020 mostrano come le interruzioni del servizio abbiano contribuito a un aumento dei decessi per tubercolosi e malaria tra il 2019 e il 2020. Prima della pandemia, c’erano state anche tendenze incoraggianti a livello globale nella riduzione dell’arresto della crescita infantile, del consumo di alcol e del consumo di tabacco, nonché in un maggiore accesso all’acqua potabile gestita in modo sicuro, servizi igienici gestiti in sicurezza, igiene di base e combustibili e tecnologie pulite per cucinando.

Questi progressi sono stati in parte sostenuti da un raddoppio della spesa sanitaria globale tra il 2000 e il 2019, raggiungendo il 9,8% del prodotto interno lordo globale. Ma circa l’80% di quella spesa è avvenuta nei paesi ad alto reddito, la maggior parte di essa (circa il 70%) proveniva dai bilanci pubblici. Nei paesi a basso reddito, la spesa viva è stata la principale fonte di spesa sanitaria (44%), seguita dagli aiuti esterni (29%). Mentre la copertura dei servizi è migliorata negli ultimi 20 anni, la spesa sanitaria catastrofica è peggiorata. Con l’attuale recessione economica globale e i sistemi sanitari che lottano per fornire la continuità dei servizi sanitari, è probabile che la pandemia di COVID-19 fermi i progressi compiuti nella copertura dei servizi e peggiori ulteriormente la protezione finanziaria a livello globale. Questo perché alcune persone non sono affatto in grado di accedere alle cure perché non possono permettersele. Inoltre, tra coloro che cercano e ottengono servizi, c’è un rischio maggiore di affrontare difficoltà finanziarie a causa della spesa sanitaria viva rispetto a prima della pandemia.  Allo stesso tempo, un fallimento cronico nel riconoscere il ruolo centrale dell’assistenza sanitaria di base e nel finanziare adeguatamente elementi chiave come il personale sanitario, ha rallentato l’efficacia della risposta al COVID-19 e ha innescato interruzioni delle cure di routine che minacciano di compromettere ulteriormente la capacità dei paesi di raggiungere gli Obiettivi di sviluppo sostenibile per la salute al 2030.

Quanto conta la qualità dell’assistenza sanitaria?

L’accesso all’assistenza sanitaria è visto come un diritto umano fondamentale da molte persone e governi. Le persone che non dispongono di un’assistenza sanitaria di qualità hanno spesso una qualità di vita inferiore e un’aspettativa di vita inferiore rispetto alle persone che godono di un sistema sanitario stabile, accessibile e conveniente. I paesi con sistemi sanitari efficienti ed efficaci hanno risultati sanitari complessivamente migliori rispetto ai paesi i cui sistemi sanitari sono in ritardo.

La qualità dell’assistenza sanitaria è determinata considerando un’ampia gamma di fattori, tra cui il processo assistenziale (misure di assistenza preventiva, cure sicure, cure coordinate e coinvolgimento e preferenze dei pazienti), l’accesso (accessibilità e tempestività), l’efficienza amministrativa, l’equità e l’assistenza sanitaria esiti (salute della popolazione, mortalità suscettibile di assistenza sanitaria ed esiti sanitari specifici della malattia).

Identificare un sistema sanitario di prim’ordine è abbastanza facile. Sebbene i sistemi sanitari siano complessi, diversi fattori possono essere utilizzati per determinare quali sono i più efficaci. I sistemi in gioco sono incredibilmente complessi e c’è un dibattito significativo su quali fattori siano più importanti e che aspetto abbia un sistema perfetto. Ma l’assistenza sanitaria è di vitale importanza, quindi le organizzazioni incentrate sulla salute continuano a cercare quel sistema migliore e sfuggente.

Quali paesi hanno la migliore assistenza sanitaria al mondo?

L’Health Care Index di CEOWorld Magazine “è un’analisi statistica della qualità complessiva del sistema sanitario, comprese le infrastrutture sanitarie; le competenze degli operatori sanitari (medici, personale infermieristico e altri operatori sanitari); i costi (USD paper capita); disponibilità di medicinali di qualità e disponibilità del governo”.

Ad ogni paese viene assegnato un punteggio per ciascuno dei suddetti fattori e quindi un punteggio totale su 100. Secondo questo indice, i dieci paesi con la migliore assistenza sanitaria sono:

  1. Corea del Sud
  2. Taiwan
  3. Danimarca
  4. Austria
  5. Giappone
  6. Australia
  7. Francia
  8. Spagna
  9. Belgio
  10. Regno Unito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!