IL RUSSIAGATE HA APERTO UN NUOVO VASO DI PANDORA - WHAT-U

Il processo a Michel Sussmann, l’ex avvocato che ha affiancato Hillary Clinton ai tempi della sua corsa alle presidenziali del 2016 ha aperto il vaso di Pandora all’interno dell’FBI che ora ha vari agenti coinvolti in un’indagine interna il cui obiettivo è verificare se ci sono state reticenze o sono state nascoste delle prove nel corso dell’inchiesta sulla campagna presidenziale del 2016 dell’’ex presidente Usa Donald Trump.

Nella morsa del dubbio è finito pure Curtis Heide che martedì ha testimoniato nel tribunale distrettuale degli Stati Uniti a Washington rivelando di non essere l’unico soggetto in FBI a essere coinvolto nella presunta collusione tra Trump e la Russia .

Heide ha spiegato di essere finito sotto indagine perché sospettato  di essere l’autore di “registrazioni consensuali” poi nascoste, (questa sarebbe l’accusa, Ndr) realizzate tramite un’applicazione di sorveglianza del Foreign Intelligence Surveillance Act  (FISA) allo scopo “di sorvegliare un obiettivo nell’indagine russa”. L’agente non ha nominato l’obiettivo dell’indagine, ma potrebbe trattarsi di Carter Page, un ex volontario della campagna elettorale di Donald Trump.

Heide che ha sempre negato di aver nascosto le informazioni in base ai documenti del Dipartimento di Giustizia, pare coinvolto anche in altre registrazioni che avrebbe commissionato per tenere sotto controllo George Papadopoulos, un consigliere della campagna elettorale di Trump. Quale il contenuto delle registrazioni? Discorsi, testimonianze di Papadopoulos nel corso delle quali l’uomo negava categoricamente che la campagna di Trump fosse coinvolta nell’hacking delle e-mail del Comitato nazionale democratico nel 2016, di fatto respingendo le affermazioni che Trump stesse lavorando con la Russia. Perché allora tenere nascoste informazioni che avrebbero potuto evitare all’ex presidente Usa di finire nello scandalo Russiagate?

Il 14 giugno 2017, il Washington Post rese noto che l’ufficio di Mueller stava indagando personalmente su Trump per una presunta ostruzione alla giustizia , in riferimento all’indagine russa. Ma il rapporto venne messo in discussione dall’avvocato del team legale di Trump, Jay Sekulow che all’epoca dei fatti disse  che Trump non era indagato per ostruzione. A causa del ruolo centrale della famiglia Trump nella campagna, nella transizione e nella Casa Bianca, anche il genero del presidente, Jared Kushner , venne coinvolto nelle indagini di Mueller. A giugno, Trump decise di far licenziare  Mueller, ma fece marcia indietro quando l’allora consigliere della Casa Bianca Don McGahn minacciò di dimettersi.

Il 30 ottobre 2017, Mueller sporse denuncia contro l’ex presidente della campagna Trump Paul Manafort e il co-presidente della campagna Rick Gates . Dodici le accuse che includevano cospirazione per riciclare denaro, violazioni del Foreign Agents Registration Act (FARA) del 1938 come agente non registrato di un preside straniero, dichiarazioni FARA false e fuorvianti e cospirazione contro gli Stati Uniti.

Il 1 ° dicembre 2017, Mueller giunse a un patteggiamento con l’ex consigliere per la sicurezza nazionale Michael Flynn , che si dichiarò colpevole di aver fornito false testimonianze all’FBI sui suoi contatti con l’ambasciatore russo Sergey Kislyak .Come parte dei negoziati di Flynn, suo figlio, Michael G. Flynn, non doveva essere accusato, e Flynn era pronto a testimoniare che funzionari di alto livello della squadra di Trump gli avevano ordinato di prendere contatto con i russi.  Il 16 febbraio 2018, Mueller incriminòo 13 individui russi e 3 società russe per aver tentato di indurre gli americani a consumare propaganda russa che prendeva di mira la candidata democratica Hillary Clinton e poi il presidente eletto Donald Trump.

Il 20 maggio 2018, Trump criticò Mueller, twittando “La caccia alle streghe più costosa del mondo non ha trovato nulla sulla Russia e su me, quindi ora il resto del mondo sta guardando!” 

Mueller iniziò a indagare sull’incontro dell’agosto 2016 tra Donald Trump Jr. e un emissario per i principi ereditari dell’Arabia Saudita e degli Emirati Arabi Uniti finito nel mirino della giustizia per avere presumibilmente offerto aiuto alla campagna presidenziale di Trump.

Il 18 dicembre 2018, il Washington Post pubblicò un articolo riguardante un rapporto preparato per il Senato degli Stati Uniti in cui si affermava che le squadre di disinformazione russe avevano preso di mira Mueller. 

Il 22 marzo 2019, Mueller concluse la sua indagine e consegnò il rapporto finale del consulente legale speciale al procuratore generale William Barr. Il 24 marzo, Barr presentò una sintesi dei risultati al Congresso degli Stati Uniti scrivendo nella sua lettera: “L’indagine del consigliere speciale non ha rilevato che la campagna di Trump o chiunque vi sia associato abbia cospirato o coordinato con la Russia nei suoi sforzi per influenzare le elezioni presidenziali statunitensi del 2016”. Secondo quanto riferito, anche il rapporto di Mueller non ha preso posizione sul fatto che Trump abbia commesso o meno un’ostruzione alla giustizia; Barr ha citato Mueller dicendo che “sebbene questo rapporto non concluda che il presidente abbia commesso un crimine, non lo esonera”. 

Il 18 aprile 2019, il Dipartimento di giustizia pubblicò finale del consigliere speciale e le sue conclusioni il Rapporto sull’indagine sull’interferenza russa nelle elezioni presidenziali del 2016.

Il 29 maggio 2019, Mueller annunciò che si sarebbe ritirato dalla carica di consigliere speciale e che l’ufficio sarebbe stato chiuso parlando per la prima volta pubblicamente del rapporto.  Dicendo “Il rapporto è la mia testimonianza, e non ho nulla da dire che non sia già nel rapporto”. E riguardo all’ostruzione alla giustizia, precisò che, “secondo la politica di lunga data del Dipartimento [di Giustizia], un presidente non può essere accusato di un crimine mentre è in carica”. Di conseguenza la sua conclusione ufficiale fu che il presidente non poteva né essere accusato né scagionato, aggiungendo che qualsiasi potenziale illecito presumibilmente commesso da Trump avrebbe dovuto essere affrontato da un “processo diverso dal sistema di giustizia penale”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!