APPROVATO SESTO PACCHETTO DI SANZIONI CONTRO LA RUSSIA. OO7 USA: PUTIN È MALATO - WHAT-U

EPA/MIKHAIL METZEL / KREMLIN POOL / SPUTNIK

Il sesto pacchetto di sanzioni contro la Russia avrà un effetto autodistruttivo per l’Unione europea, ha affermato il ministero degli Esteri russo Sergej Lavrov in una dichiarazione rilasciata giovedì a seguito dei nuovi passi anti-russi dell’UE.

“Ovviamente, le componenti principali del prossimo pacchetto di restrizioni unilaterali anti-russe, concordate sotto lo slogan di combattere la dipendenza dalla Russia, avranno un effetto autodistruttivo per l’Unione Europea. Non c’è da stupirsi se Bruxelles ha impiegato quasi un mese per costringere il membro paesi a questa manifestazione “decisa” di solidarietà”, afferma il documento.

Il ministero degli Esteri ha osservato che un parziale rifiuto del petrolio russo, così come il divieto di assicurazione delle navi mercantili russe, attiverebbe ulteriori aumenti dei prezzi, destabilizzerebbe i mercati energetici e interromperebbe le catene di approvvigionamento.

“I prossimi ostacoli sulla via delle merci russe influenzeranno in particolare le forniture di prodotti agricoli. In definitiva, tali azioni otterranno il risultato opposto: mineranno l’economia e la sicurezza energetica dell’UE, accelereranno l’imminente crisi alimentare globale, che Bruxelles cerca verbalmente di prevenire”, ha affermato il ministero degli Esteri.

Il ministero sottolinea che Mosca resisterà adeguatamente alle conseguenze delle misure restrittive unilaterali dell’UE e rimarrà un partner commerciale affidabile sulla scena internazionale. “L’intera responsabilità per i rischi di esacerbazione dei problemi alimentari ed energetici globali provocati dalle azioni illegittime dell’Unione europea ricadrà esclusivamente su Bruxelles e sui suoi sponsor politici a Washington”, afferma il documento. Per Lavrov i risultati del vertice straordinario dell’Ue a Bruxelles del 30-31 maggio 2022 rappresentano un’ulteriore prova della degenerazione di questa associazione di integrazione in uno strumento di contenimento della Russia in linea con le linee geopolitiche di Stati Uniti e Nato.

Promesse a Kiev

Mosca ha sottolineato il fatto che il 30 maggio i leader dell’UE ancora una volta non hanno detto una parola sullo scenario per una soluzione pacificamente negoziata della situazione in Ucraina, che è stata bloccata da Kiev. “Al contrario, l’Unione Europea sta spingendo di proposito Kiev sempre più vicino all’orlo del baratro”, si legge nella nota. “L’UE sostiene le sue ambizioni militanti [di Kiev] con vaghe promesse di integrazione nell’UE, la fornitura di armi letali e promesse di denaro, compreso il denaro straniero, che Bruxelles non è contraria a confiscare alla Russia e pensa a come farlo mentre mette a tacere gli atroci crimini di guerra commessi quotidianamente dai combattenti neonazisti ucraini e le loro torture sui civili”.

Repressioni contro i mass media

Nella sua dichiarazione il ministero degli Esteri russo ha parlato anche delle repressioni contro giornalisti e media russi nei paesi dell’UE sono un altro esempio di doppio standard.”È stato approvato un nuovo divieto di trasmissione di altri tre canali televisivi russi. Questa, purtroppo, è già diventata la norma per il “faro” della democrazia e del pluralismo. In altre parole, lo spazio dell’informazione occidentale viene finalmente ripulito dal dissenso e segni di libertà di parola”, ha osservato il ministero.

Mosca ha affermato che le restrizioni unilaterali illegali di Bruxelles non solo sono inutili, ma danneggiano principalmente gli stessi residenti degli stessi paesi dell’UE, aggravando la loro già difficile situazione socio-economica.

“In questa situazione, l’UE chiede ai paesi terzi di sostenere le sanzioni anti-russe, indipendentemente dagli interessi della loro popolazione, suonano francamente cinici”, ha sottolineato il ministero degli Esteri.

Lunedì, i capi di Stato e di governo dell’UE hanno approvato il sesto pacchetto di sanzioni contro la Russia, che include un embargo parziale sulle importazioni di petrolio russo. I paesi dell’UE non sono riusciti a raggiungere un compromesso per quasi un mese, poiché l’Ungheria, con il sostegno di numerosi altri Stati, si è opposta al divieto totale delle importazioni di petrolio dalla Russia, ritenendo che i danni derivanti dalla sua introduzione sarebbero stati catastrofici per l’economia. La Commissione europea ha dovuto mitigare in modo significativo la sua posizione e ha annunciato che la fornitura di petrolio dall’oleodotto russo che Budapest riceve non sarà vietata per un po’.

Vladimir Putin è malato di cancro e si è sottoposto ad alcune cure in aprile

Vladimir Putin è malato di cancro e si è sottoposto ad alcune cure in aprile. Lo scrive il Newsweek citando l’intelligence americana secondo la quale il presidente russo sarebbe anche scampato a un attentato a marzo. Gli 007 statunitensi sono preoccupati da un Putin sempre “più paranoico” che rende la guerra in Ucraina imprevedibile. Nel riferire le loro valutazioni a Newsweek, i funzionari americani mettono in guardia sul fatto che il crescente isolamento di Putin rende più difficile per l’intelligence fornire una valutazione accurata sullo stato di salute fisica e mentale di Putin.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!