it Italian
ar Arabicbg Bulgarianca Catalanzh-CN Chinese (Simplified)cs Czechda Danishen Englishtl Filipinofi Finnishfr Frenchde Germanhaw Hawaiianhi Hindiit Italianja Japaneseko Koreanpt Portugueseru Russiansk Slovaksl Slovenianes Spanishta Tamilth Thai
PERDITE IN AUMENTO PER L'ESERCITO UCRAINO. MACRON REPLICA: "NON UMILIAMO LA RUSSIA" - WHAT-U

Un gruppo di soldati ucraini

Il presidente Volodymyr Zelensky oggi ha detto che il numero di soldati morti in l’Ucraina è in aumento, va dai 60 ai 100 al  giorno, poco meno del doppio, del numero di soldati americani morti in media ogni giorno nel 1968 durante l’anno più mortale della guerra in Vietnam per le forze statunitensi.

L’Ucraina aveva circa 250.000 uomini e donne in uniforme prima della guerra e stava per aggiungerne altri 100.000. Il governo non ha detto a quanto ammonti il totale delle perdite in più di 14 settimane di combattimenti, ma la media giornaliera riesce comunque a dare un’idea di come stiano andando ora le cose per le forze ucraine.

Gli analisti occidentali stimano le perdite militari russe siano molto più alte, nell’ordine di molte migliaia. Tuttavia, mentre le perdite dell’Ucraina aumentano, la cupa matematica della guerra richiede che si trovino al più presto dei sostituti. “Il problema è reclutare, addestrare e metterli in prima linea”, ha affermato il colonnello della marina statunitense in pensione Mark Cancian, consulente senior presso il Center for Strategic and International Studies di Washington.

“Se la guerra si sta ora trasformando in una lotta di logoramento a lungo termine, allora devi costruire sistemi per ottenere sostituti”, ha detto. “Questo è stato un momento difficile per ogni esercito in combattimento”.

Un generale ucraino sulle perdite accumulate ha parlato di “fase critica” aggiungendo che gli icraini sono forti. “Più gli ucraini sanno cosa sta succedendo al fronte, più crescerà la volontà di resistere”, ha detto. “Sì, le perdite sono significative. Ma con l’aiuto dei nostri alleati, possiamo minimizzarli e ridurli e passare a offensive di successo. Ciò richiederà armi potenti”.

“Le forze ucraine stanno cercando di ristabilire il pieno controllo di Severodonetsk”, ha detto il sindaco Olexandr Stryuk. “Le truppe russe sono riuscite ad entrare e ad impadronirsi di buona parte della città, dividendola in due. Ma i nostri soldati sono riusciti a ridistribuirsi, a costruire una linea di difesa. Attualmente, si sta facendo di tutto per respingere il nemico”.

“I responsabili dei crimini di guerra, gli autori diretti e i mandanti, devono affrontare la giustizia. Gli Stati Uniti sostengono le indagini internazionali per assicurare la responsabilità delle atrocità commesse in Ucraina”, ha dichiarato l’ambasciatrice statunitense in Ucraina, Bridget Brink, che oggi ha visitato Borodyanka, uno dei luoghi più colpiti.

Il presidente francese
Emmanuel Macron

Le truppe russe hanno lanciato quattro missili contro un aeroporto civile nella regione di Kharkiv. “Secondo l’indagine”, ha riferito l’ufficio del procuratore regionale citato da Ukrainska Pravda, “l’esercito russo ha sparato quattro missili contro un aeroporto civile nella regione di Kharkiv e diversi hangar e aerei civili sono stati danneggiati”. La Russia oggi ha denunciato “violazioni dei diritti dei cittadini russi” che vivono in Italia e “un’aperta campagna anti-russa da parte dei media italiani”. Lo ha scritto l’ambasciata russa a Roma sul suo profilo Facebook pubblicando stralci di un rapporto del ministero degli esteri di Mosca “sulle violazioni dei diritti dei cittadini russi e dei connazionali all’estero” che evidenzia “la crescita di sentimenti russofobi nella società italiana”. Il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, oggi si è scagliato contro il presidente francese Emmanuel Macron che ha ribadito la sua convinzione di non dover “umiliare” la Russia per giungere alla fine del conflitto. “Gli appelli per evitare l’umiliazione della Russia possono solo umiliare la Francia e ogni altro paese che lo richieda”, ha detto Kuleba. 

“Kiev vuole rafforzare le sue posizioni sul campo con l’aiuto di nuove consegne di armi dai Paesi occidentali, prima di riprendere i colloqui di pace con la Russia”, ha detto alla tv di Stato il negoziatore David Arakhamia, il politico e imprenditore georgiano ucraino di origine russa, segretario del Consiglio nazionale per gli investimenti dell’Ucraina dall’agosto 2019, membro della squadra negoziale inviata a Pripyat , al confine tra Ucraina e Bielorussia, per colloqui su un potenziale cessate il fuoco. “Le nostre forze armate sono pronte all’uso delle nuove armi, penso che potremo avviare un nuovo round di colloqui da una posizione rafforzata”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!