it Italian
ar Arabicbg Bulgarianca Catalanzh-CN Chinese (Simplified)cs Czechda Danishen Englishtl Filipinofi Finnishfr Frenchde Germanhaw Hawaiianhi Hindiit Italianja Japaneseko Koreanpt Portugueseru Russiansk Slovaksl Slovenianes Spanishta Tamilth Thai
UN NUOVO STUDIO DELLA COLUMBIA UNIVERSITY SVELA LE CAUSE CHE COLLEGANO L'ICTUS AL MORBO DI ALZHEIMER - WHAT-U

Da oltre 20 anni, gli scienziati sanno che le persone con ipertensione, diabete, colesterolo alto o obesità, tutte le condizioni possono colpire il cervello, danneggiare i vasi sanguigni e portare a ictus, hanno una maggiore probabilità di sviluppare il morbo di Alzheimer. Ma la connessione tra la malattia vascolare nel cervello e l’Alzheimer è rimasta per anni inspiegabile nonostante gli intensi sforzi dei ricercatori.

Ora, uno studio guidato dai ricercatori del Vagelos College of Physicians and Surgeons della Columbia University ha scoperto un possibile collegamento tra le due patologie. Tutta colpa di un gene chiamato FMNL2 che impedendo l’eliminazione efficiente delle proteine ​​​​tossiche dal cervello, causerebbe il morbo di Alzheimer. Un scoperta importante che potrebbe aiutare a prevenire l’Alzheimer nelle persone con ipertensione, diabete, obesità o malattie cardiache.

“Non solo abbiamo un gene, ma abbiamo un potenziale meccanismo”, ha detto l’autore della ricerca Richard Mayeux , MD, presidente di neurologia presso la Columbia e il NewYork-Presbyterian/Columbia University Irving Medical Center. “Le persone hanno cercato di capirlo per un paio di decenni e penso che ora abbiamo il piede nella porta. Riteniamo che debbano essere coinvolti altri geni e che abbiamo appena scalfito la superficie”.

Mayeux e i suoi colleghi hanno trovato FMNL2 in una caccia all’intero genoma progettata per scoprire i geni associati sia ai fattori di rischio vascolare che al morbo di Alzheimer. La ricerca ha coinvolto cinque gruppi di pazienti che rappresentano diversi gruppi etnici.

“Questo gene, FMNL2, è risultato l’interfaccia tra il morbo di Alzheimer nel cervello ei fattori di rischio cerebrovascolare”, ha aggiunto Caghan Kizil, PhD, professore associato in visita alla Columbia. “Avevamo pensato che FMNL2 potesse operare nella barriera ematoencefalica, dove le cellule cerebrali incontrano il sistema vascolare”.

I ricercatori hanno studiato il cervello umano post mortem e hanno riscontrato una maggiore espressione di FMNL2 nelle persone con malattia di Alzheimer. Il team ora sta studiando altri geni che potrebbero essere coinvolti nell’interazione tra l’Alzheimer e le malattie cerebrovascolari, che, insieme a FMNL2, potrebbero fornire approcci futuri per lo sviluppo di farmaci.

Ecco i sintomi

ogia.

  1. Il segnale più comune? La perdita di memoria, in particolare quando si ha difficoltà a ricordare le cose appena accadute o le informazioni apprese da poco
  2. Un altro campanello di allarme, è la difficoltà a portare avanti un programma e a lavorare con i numeri
  3. Anche la difficoltà a portare a compimento le attività quotidiane in casa, al lavoro e nel tempo libero può essere un segnale da non sottovalutare
  4. Confusione e disorientamento: dimenticare il luogo in cui ci si trova e perdersi non vanno presi sotto gamba
  5. Difficoltà relative alla visione: occorre fare attenzione ai problemi di lettura e alle difficoltà legate al riconoscimento di un colore
  6. Disturbi relativi al linguaggio e alla scrittura: il malato di Alzheimer spesso non è capace di seguire o prendere parte a una conversazione
  7. Riduzione della vita sociale e mancanza di motivazione: chi si ammala di Alzheimer spesso rinuncia a seguire hobby, sport o attività sociali
  8. Cambiamenti del tono dell’umore e della personalità: il paziente affetto da Alzheimer spesso ha allucinazioni (vede o sente cose che non ci sono) o delusioni (crede cose non vere)
  9. Incapacità nel trovare gli oggetti personali: chi ha l’Alzheimer spesso dimentica le proprie cose in posti insoliti e, in genere, non è in grado di tornare sui propri passi per recuperarle
  10. Riduzione della capacità di giudizio: chi è affetto dalla malattia di Alzheimer può sperimentare mutamenti nei processi decisionali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!