ZELENSKY AL FINANCIAL TIMES: "SONO PRONTO PER COLLOQUI DIRETTI CON PUTIN" - WHAT-U

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato in un’intervista al Financial Times pubblicata sul suo sito web del noto giornale ieri, “di essere ancora pronto per colloqui diretti con il leader russo Vladimir Putin”. “Sono pronto per negoziati diretti con il presidente Putin”, ha detto “se siamo pronti a discutere seriamente di porre fine a questa guerra. Non c’è tempo per parlare con Mosca di questioni non relative alla fine del conflitto, inclusa la possibile adesione dell’Ucraina alla NATO”. Poi Zelensky ha fatto un nuovo appello per avere un maggiore sostegno militare dall’Occidente. “Siamo inferiori in termini di equipaggiamento e quindi non siamo in grado di avanzare”, ha spiegato. “Soffriremo più perdite e le persone sono la mia priorità”. Parlando con la direttrice del Financial Times, Roula Khalaf alla conferenza Global Boardroom del FT ieri Zelenskyy ha affermato che riportare le forze russe nelle posizioni occupate prima dell’invasione del 24 febbraio equivarrebbe a una “seria vittoria temporanea” per l’Ucraina, ma la piena sovranità sul suo territorio è rimasta la sua massima obiettivo. La guerra è entrata in una fase di logoramento nella regione orientale del Donbas, la Russia utilizza forze di artiglieria superiori per schiacciare le truppe ucraine e ottenere guadagni territoriali incrementali”. Zelensky ha poi rivelato che l’Ucraina potrebbe perdere fino a 100 soldati al giorno. Funzionari ucraini hanno ripetutamente chiesto ai partner occidentali la rapida fornitura di armi pesanti a lungo raggio per respingere le forze russe, ma sono rimasti sgomenti per il ritmo lento delle consegne e il continuo timore in alcune capitali di provocare un’escalation russa. Zelenskyy ha poi proseguito dicendo che “qualsiasi guerra dovrebbe finire al tavolo dei negoziati”.

Il russo Putin si incontrerà presto per colloqui ufficiali con il presidente del Turkmenistan

Il presidente russo Vladimir Putin avrà un incontro nei prossimi due giorni con il presidente del Turkmenistan Serdar Berdymukhamedov, ha detto domenica il portavoce presidenziale Dmitry Medvedev.

Alla domanda se un incontro tra Putin e il presidente del Turkmenistan fosse programmato, Peskov ha risposto “Sì, [l’incontro] è pianificato”. Serdar Berdymukhamedov è stato eletto presidente del Turkmenistan alle elezioni presidenziali anticipate del 12 marzo, ottenendo il 72,97% dei voti. Le elezioni presidenziali anticipate sono state indette dopo che l’ex presidente e il padre di Serdar, Gurbanguly Berdymukhamedov, avevano annunciato la sua decisione di dimettersi dalla carica di presidente turkmeno per “cedere il passo ai giovani”. L’8 aprile il presidente russo ha avuto un colloquio telefonico con il neoeletto presidente del Turkmenistan ed entrambi hanno confermato la precedente rotta intrapresa per il futuro sviluppo delle relazioni bilaterali, compreso il partenariato strategico, tra i due Paesi.

Taglio alle restrizioni per il Covid-19

 Il primo ministro russo Mikhail Mishustin ha firmato un decreto che annulla tutte le restrizioni del coronavirus sulle comunicazioni di trasporto con Armenia e Kirghizistan, comprese le restrizioni di trasporto. Il documento è stato pubblicato martedì sul portale ufficiale delle informazioni legali. Le modifiche vengono introdotte al decreto del 20 maggio 2022 del gabinetto dei ministri che ha stabilito una “lista degli Stati esteri rispetto ai quali vengono revocate le restrizioni temporanee ai collegamenti introdotte dalla Russia”. Ora, Armenia e Kirghizistansono stati aggiunti a questo elenco che in precedenza, comprendeva nove paesi: Abkhazia, Bielorussia, Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, Kazakistan, Cina, Mongolia, Ucraina e Ossezia meridionale. Le restrizioni di trasporto vengono revocate dalla data in cui il paese è incluso in questo elenco.

Secondo il decreto, il documento è approvato ai sensi del decreto presidenziale del 15 giugno 2021 sulle misure temporanee sulla regolamentazione dello stato giuridico degli stranieri in Russia nel mezzo della diffusione dell’infezione da coronavirus. In particolare, tale decreto ha sospeso la durata del periodo di efficacia dei permessi di soggiorno temporanei e permanenti per gli stranieri. È stato notato che è stato sospeso per il periodo “fino alla scadenza di 90 giorni dopo la revoca delle restrizioni temporanee della Russia alle comunicazioni di trasporto” con l’estero.

L’elenco dei paesi rispetto ai quali vengono revocate le restrizioni dovrebbe essere definito dal governo russo. Ora che l’elenco è stato approvato, dopo 90 giorni, riprenderà la durata dei periodi effettivi di soggiorno in Russia per i residenti di questi paesi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!