CINA ALLA CACCIA DI UN PIANETA SIMILE ALLA TERRA - WHAT-U

Si chiama CHES il progetto che prevede di rilevare circa 50 pianeti simili alla Terra o le cosiddette super-Terre. L’idea è nata in seguito a studi e ricerche di un team di ricercatori cinesi guidati da Ji Jianghui del Purple Mountain Observatory presso l’Accademia cinese delle scienze ( CAS) a Nanchino.

Ad oggi nessun pianeta del genere è stato ancora trovato. Tra gli oltre 5.000 esopianeti, o pianeti al di fuori del nostro sistema solare, rilevati finora, molti sono molto più grandi della Terra o risiedono nella zona abitabile di stelle più piccole e più fredde come una nana rossa, condizioni che hanno meno probabilità di ospitare liquidi acqua o vita come la intendiamo noi. Oltre a CHES, ci sono almeno altre tre proposte relative al rilevamento di esopianeti attualmente allo studio dalla comunità scientifica in Cina. La Terra 2.0 utilizzerà sette telescopi per rilevare esopianeti nella Via Lattea, con un approccio di transito simile al telescopio Kepler, ma un campo visivo 10 volte più potente. Come CHES, anche Earth 2.0 sarà sottoposto a revisione del panel a giugno e mira al lancio nel 2026-2027, se approvato.

Sono invece ancora in fase di progettazione il progetto Miyin, che prevede di utilizzare più telescopi di piccole dimensioni per la ricerca di pianeti abitabili, e un telescopio spaziale molto ambizioso chiamato HABITATS (HABITable Terrestrial planetary ATmospheric Surveyor) che con un’apertura di 6 metri mira a rilevare le molecole di acqua, ossigeno e ozono nell’atmosfera degli esopianeti.

Alla caccia del buco nero

La Cina è un partner fondatore dell’East Asian Observatory (EAO), che gestisce uno degli otto telescopi utilizzati per catturare l’immagine del buco nero, un’impresa ritenuta impossibile solo una generazione fa. Purtroppo però il telescopio James Clerk Maxwell, il più grande del mondo progettato specificamente per osservare nella lunghezza d’onda submillimetrica, che fino ad oggi ha sostenuto numerosi progetti di ricerca innovativi, negli ultimi anni conta su un budget instabile e sempre in contrazione.

Il budget annuale originale era di 4 milioni di dollari, e Giappone e Cina erano i due maggiori finanziatori, poi il budget è sceso a circa 3 milioni di dollari e anche il contributo finanziario dei due paesi è diminuito in modo significativo.

Il James Clerk Maxwell ha aiutato scienziati internazionali a rilevare il gas fosfina, nell’atmosfera di Venere nel 2020

“Sono piuttosto triste nel vedere il contributo in diminuzione della Cina all’EAO”, ha affermato Xue Suijian dei National Astronomical Observatories of China, ex vicepresidente dell’EAO, forte sostenitore della partecipazione della Cina a progetti di ricerca.

“L’astronomia submillimetrica è un campo giovane e promettente. Le osservazioni a lunghezze d’onda di 0,4-1,4 mm, che si trovano tra infrarossi e onde radio, possono rilevare il materiale più freddo dell’universo e aiutare i ricercatori a comprendere meglio le nuvole scure, la formazione stellare e l’evoluzione delle galassie, tra le altre cose. Ci sono così tante cose che possiamo fare a casa”, ha detto un astronomo senior dell’Università di Pechino. “La Cina è ancora indietro nella maggior parte delle aree della ricerca astronomica e dobbiamo prima concentrarci sui nostri progetti e costruire i nostri muscoli”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!