ILYICHEV SULLE ESPORTAZIONI ALIMENTARI MONDIALI, RUSSIA RESTERÀ NEL MERCATO - WHAT-U

Ecco dove si sta svolgendo la 12a conferenza ministeriale dell’Organizzazione mondiale del commercio che si è aperta domenica a Ginevra

La Russia, uno dei principali esportatori alimentari mondiali, non ha intenzione di lasciare il mercato, ha dichiarato alla TASS, queste le parole del viceministro dello sviluppo economico Vladimir Ilyichev, alla 12a conferenza ministeriale dell’Organizzazione mondiale del commercio che si è aperta domenica a Ginevra.

Le cause della crisi alimentare

“In qualità di principale fornitore di cibo sul mercato mondiale, intendiamo rimanere lì, per fornire i nostri prodotti ai partner, ai nostri consumatori tradizionali, e siamo pronti a intraprendere tutte le azioni a nostra disposizione a tal fine, come abbiamo più volte affermato “, ha detto il funzionario. “Ma affinché il sistema funzioni, è necessario che tutti i partecipanti al processo si impegnino per ottenere risultati”.

La questione dell’approvvigionamento alimentare sarà discussa nell’attuale conferenza dell’OMC. Tuttavia, le opinioni sulle cause della crisi alimentare “differiscono in modo significativo”, ha affermato Ilyichev. La Russia presume che le ragioni dell’aumento dei prezzi dei generi alimentari nel mercato mondiale “siano in gran parte legate all’inflazione, che è stata causata dall’iniezione di denaro, che non era supportato da beni, per eliminare le conseguenze della pandemia nei paesi sviluppati”.

“Fino all’anno scorso, c’erano grossi problemi con il livello dei prezzi del grano e di alcuni altri beni. Questo, ovviamente, è anche correlato alle interruzioni della catena di approvvigionamento durante la pandemia, ma ora, purtroppo, questo è stato esacerbato da quella che è essenzialmente una guerra di sanzioni”, ha spiegato il viceministro. “Quando cercano di incolparci della crisi alimentare e della sua possibile intensificazione nel prossimo futuro, diciamo: “Signori, in primo luogo, eliminate le conseguenze che avete escogitato rompendo le catene di approvvigionamento, impedendo la spedizione del grano e assicurando spedizioni di generi alimentari”. “Non ci aspettiamo davvero che una soluzione [del problema alimentare] venga trovata sulla piattaforma dell’OMC”, ha aggiunto Ilyichev, facendo notare che nel momento in cui la questione è stata discussa su una serie di altre piattaforme internazionali, l’Unione europea ha adottato il sesto pacchetto di sanzioni contro la Russia e una delle più grandi banche del paese, Rosselkhozbank, è stata disconnessa dal sistema SWIFT. “Come allora dovrebbe essere spedito il cibo, se diventa estremamente difficile pagarlo?”, ha domandato il capo della delegazione.

Sanzioni alla Russia

Il viceministro ha affermato che la questione delle sanzioni alla Russia “sarà ovviamente discussa in diversi formati” nell’attuale conferenza dell’OMC. I rappresentanti dei paesi occidentali, a quanto pare, cercheranno ancora una volta di utilizzare il forum per sostenere che i problemi sorti nei mercati mondiali sono una conseguenza delle azioni della Russia. “Ovviamente il nostro parere è diverso. Stiamo cercando di spiegare che intendiamo continuare a partecipare al sistema del commercio internazionale”, ha affermato Ilyichev. La Russia “non si staccherà dal mondo e romperà i legami tradizionali”, ha proseguito. Mosca vede ancora “benefici nel partecipare al commercio internazionale e alla divisione del lavoro”.

Alla domanda se ci si dovrebbe aspettare che i paesi occidentali cerchino di utilizzare la piattaforma dell’OMC per imporre, come fanno in altre organizzazioni internazionali, una discussione politicizzata sugli eventi in Ucraina, Ilyichev ha detto: “Sì, presumiamo che [loro] faranno esattamente gli stessi discorsi che hanno fatto negli ultimi mesi. Ma a nostro avviso, ora è necessario accettare di tornare alla normale applicazione delle regole del commercio”. La politica delle sanzioni degli stati che la Russia ha designato come ostili, distrugge di fatto questo sistema, ha affermato il viceministro. Mosca ritiene che “occorre discutere su come preservare questo sistema, perché nessuno trarrà vantaggio dalla disgregazione del mondo in blocchi”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!