it Italian
ar Arabicbg Bulgarianca Catalanzh-CN Chinese (Simplified)cs Czechda Danishen Englishtl Filipinofi Finnishfr Frenchde Germanhaw Hawaiianhi Hindiit Italianja Japaneseko Koreanpt Portugueseru Russiansk Slovaksl Slovenianes Spanishta Tamilth Thai
DRAGHI, MACRON, SCHOLZ E lOHANNIS A KIEV CON ZELENSHY PER UN CAMMINO DI PACE - WHAT-U

Il premier italiano, Mario Draghi, il Presidente della Repubblica francese, Emmanuel Macron, il Cancelliere della Repubblica Federale di Germania, Olaf Scholz, e il Presidente della Romania, Klaus Iohannis, dopo la visita alle rovine della città di Irpin, hanno incontrato a Kiev il presidente ucraino Vladimir Zelensky.

Un’occasione importante per il premier ucraino per discutere probabilmente delle prospettive del suo Paese di entrare nell’UE. “La Commissione europea annuncerà presto se l’Ucraina otterrà lo status di candidato all’UE”, scrive Izvestia sulla scia dei commenti della dichiarazione di Zelensky al termine dell’incontro con gli omologhi capi di Stato. “Credo che oggi Macron e gli altri colleghi Draghi, Scholz e Iohannis siano tutti qui per sostenere in maniera aperta lo status di candidato (dell’Ucraina). Il cancelliere lo ha sottolineato, tutto dipende da una decisione comune, quindi spero che i 27 siano capaci di raggiungere questo obiettivo. Anche perché qui ci sono 4 grandi Paesi Ue che sono al nostro fianco. E questo è un risultato storico”, ha detto il leader ucraino nel corso della conferenza stampa nel giardino del palazzo presidenziale a Kiev.

 “Siamo qui per portare sostegno incondizionato al popolo ucraino”, ha replicato Draghi. “Un popolo che si è fatto esercito per respingere l’aggressione della Russia e vivere in libertà. E l’Europa deve avere lo stesso coraggio che ha avuto Zelensky. L’Ue”, ha aggiunto il premier italiano, “ha dimostrato e dimostra oggi una straordinaria unità per sostenere l’Ucraina in ogni modo. Lo hanno fatto i governi, i parlamenti e i cittadini. Voglio ricordare la grande solidarietà mostrata dagli italiani e da tutti gli europei per accogliere chi scappava dai bombardamenti”. Poi sulla crisi del grano ha detto: “Bisogna assicurare l’uscita delle navi dai porti ucraini, sminare i porti, custodire l’uscita di queste navi da parte di paesi terzi perché non diventi un pretesto per le navi russe di attaccare le navi ucraine”. Invece ha cercato di smorzare le polemiche sul fronte dei rifornimenti di gas precisando: “Siamo arrivati al 52% dei livelli di stoccaggio del gas, il che ci rende abbastanza tranquilli nell’immediato e per l’inverno”.

Tra gli argomenti discussi anche la necessità di porre fine alle ostilità e di mettersi al tavolo dei negoziati.

“Le posizioni ufficiali dei paesi occidentali stanno cambiando molto lentamente, quindi non possiamo registrare alcun cambiamento cruciale”, ha spiegato il direttore generale del Consiglio per gli affari internazionali della Russia Andrey Kortunov. “Tuttavia, se guardiamo allo stato d’animo generale di coloro che possono essere descritti come l’élite politica, è possibile percepire un leggero cambiamento nel loro tono rispetto a un mese fa perché ora crescono i dubbi riguardo al fatto che l’Ucraina sia in grado di lanciare un’offensiva di successo e attuare i piani che aveva annunciato subito dopo lo scoppio del conflitto”, ha aggiunto.

L’esperto non esclude che la visita dei vertici tedesco, italiano e francese sia volta “a testare le acque per capire quanto sia flessibile la posizione di Kiev”. La domanda è se la posizione possa essere ammorbidita perché, pur cambiando la loro retorica, i paesi occidentali stanno intensificando l’assistenza militare all’Ucraina, ha sottolineato Kortunov.

“Quello che è certo”, scrive Vedomosti, citando un sondaggio condotto per il Consiglio europeo per le relazioni estere, “è che le persone nei paesi europei non sono più unite sulla questione del sostegno agli ucraini e del proseguimento delle attività militari”. Il sondaggio, condotto in dieci paesi europei, mostra che il 35% degli intervistati è favorevole al ripristino della pace il prima possibile e il 25% vuole che la Russia venga punita.

“I cittadini europei si preoccupano del costo delle sanzioni economiche e della minaccia di un’escalation nucleare. E a meno che qualcosa non cambi radicalmente, si opporranno a una guerra lunga e prolungata”, afferma il sondaggio. “Perché l’aumento dei tassi di inflazione, dei prezzi del carburante e dei servizi pubblici, sta influenzando pesantemente e direttamente la loro vita”, spiega Alexander Kamkin, ricercatore senior presso l’Istituto nazionale di ricerca sull’economia mondiale e le relazioni internazionali “Gli europei si stanno anche stancando delle ingenti spese di bilancio per i rifugiati ucraini e iniziano a chiedersi se i loro governi stiano facendo la cosa giusta. Inoltre, negli ultimi 30 anni gli europei hanno visto la Russia più come un partner che come una minaccia”.

Leader mondiali, organizzazioni internazionali ed esperti parlano sempre più di una crisi alimentare non solo come una potenziale minaccia, ma come una realtà che è già qui, osserva Vedomosti. I leader occidentali incolpano principalmente la Russia per la crisi alimentare. Tuttavia, le cause sistemiche della crisi includono la continua crescita della popolazione e il crescente uso di cereali per la produzione di mangime per il bestiame, ha sottolineato il consigliere del presidente del Center for Strategic Research Yelena Razumova. A ciò si aggiungono le attuali difficoltà derivanti dall’aumento dei prezzi globali di quasi tutte le materie prime e le risorse energetiche.

“Alcuni paesi stanno introducendo restrizioni all’esportazione nel tentativo di regolare i prezzi interni, il che esacerba la situazione alimentare globale”, ha spiegato Nadezhda Orlova, responsabile delle innovazioni economiche agricole presso l’Istituto per gli studi agrari della Scuola superiore di economia.

“Il conflitto tra Russia e Ucraina ha portato a interruzioni delle esportazioni e della logistica, compromettendo gravemente l’accessibilità globale del cibo”, ha dichiarato Aghasi Harutyunyan, vicedirettore dell’Ufficio di collegamento dell’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) con la Russia. “Inoltre le sanzioni hanno anche influito sui finanziamenti per gli accordi di grano russi poiché i pagamenti sono diventati più complicati e costosi a causa dell’esclusione delle banche russe dal sistema di messaggistica SWIFT”, ha aggiunto la Razumova, sottolineando l’aumento dei costi assicurativi per navi e merci dai porti del Mar Nero che potrebbero essere un motivo significativo per fare prendere la decisione a molte società internazionali di logistica rifiutarsi di spedire prodotti alimentari russi.

Harutyunyan ritiene che tutti i paesi debbano aumentare la produzione per risolvere la questione alimentare. I paesi dovrebbero cambiare tempestivamente i loro sistemi agricoli e alimentari per renderli più efficaci, inclusivi e più resistenti agli shock, ha sottolineato l’esperto

Il timore che la Cina si stia preparando alla conquista di Taiwan

Il presidente cinese Xi Jinping ha firmato un’ordinanza che fornisce un quadro giuridico per le azioni insolite delle forze armate. “Ergo una giustificazione per quel tipo di operazioni che la Russia ha definito “operazioni speciali” secondo i media statunitensi, una sorta di inizio dei preparativi per la riunificazione di Taiwan con la Cina sul modello delle azioni della Russia in Ucraina”, osserva la Nezavisimaya Gazeta.

Secondo il People’s Daily, il giornale ufficiale del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese, il documento riguarda disposizioni provvisorie “sulle attività dell’esercito di natura non militare”.

 Il giornalista americano Andrew Thornebrooke ritiene che Xi potrebbe creare una base legale che consentirà di impegnarsi in combattimenti senza chiamare il conflitto una guerra. È anche possibile che tutto si riferisca a Taiwan o al crescente controllo di Pechino sul Mar Cinese Meridionale.

“In effetti, i cinesi hanno già addestrato l’uso delle forze armate per scopi non militari. In particolare, per aiutare ad affrontare i disastri naturali. E ora pianificano di utilizzare le loro forze armate per raggiungere obiettivi politici, che è una cosa nuova “, ha sottolineato Pavel Kamennov, ricercatore di spicco presso l’Istituto di studi sull’Estremo Oriente dell’Accademia russa delle scienze.

“Una cosa da notare è che Pechino ha esperienza nel riunire Hong Kong e Macao con la Cina continentale. Pechino ha ottenuto quei territori senza usare la forza militare. Anche la Cina non è interessata a risolvere la questione di Taiwan con mezzi militari. Nessuno ha bisogno di Taiwan in rovina. La Cina ha bisogno di Taiwan così com’è ora. È un importante fornitore di chip e altri dispositivi elettronici con un’economia forte. Inoltre, il commercio tra Cina e Taiwan ha raggiunto i 320 miliardi di dollari nel 2021. Più di un milione di taiwanesi gestisce attività commerciali nella Cina continentale. lo stesso numero di cittadini cinesi lavora a Taiwan”, ha spiegato l’esperto. Detto questo, la Cina è interessata a una riunificazione pacifica, ma non esclude di utilizzare l’esercito senza impiegare potenza di fuoco, ha sottolineato Kamennov.

.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!