it Italian
ar Arabicbg Bulgarianca Catalanzh-CN Chinese (Simplified)cs Czechda Danishen Englishtl Filipinofi Finnishfr Frenchde Germanhaw Hawaiianhi Hindiit Italianja Japaneseko Koreanpt Portugueseru Russiansk Slovaksl Slovenianes Spanishta Tamilth Thai
DOPO ANDREA, ORA È IL PRINCIPE CARLO AL CENTRO DELLE CRONACHE PER UN MALDESTRO INCASSO DI FONDI PER BENEFICÈNZA - WHAT-U

Il principe Carlo e Sheikh Hamad bin Jassim bin Jaber Al Thani nella sua residenza fuori Doha, 2013
ph. ALAMI

Oggi campeggia in prima pagina sul Sunday Times una notizia che ha fatto sobbalzare sulla sedia molti sudditi e sicuramente anche la regina Elisabetta che pensava di essersi lasciata alle spalle tutti i grattacapi, dopo avere escluso dalla vita di corte il figlio Andrea. Invece ecco che un’altra tegola cade sulle teste reali.  “Carlo, il Principe di Galles ha accettato una valigia contenente 1 milione di euro in contanti da un controverso politico del Qatar, per la precisione l’ex primo ministro del ricco paese degli Emirati Arabi, lo sceicco Hamad bin Jassim bin Jaber Al Thani”, questo è quanto ha rivelato il Sunday Times. In realtà i lotti di denaro erano 3, spiega poi il Times, e questo denaro è stato consegnato personalmente dallo sceicco, soprannominato “HBJ”, tra il 2011 e il 2015.  

Sabato sera Clarence House ha detto che il denaro è stato “passato immediatamente a uno degli enti di beneficenza del principe che ha svolto gli opportuni patti e ci ha assicurato che tutti i processi corretti sono stati seguiti”. Dopo che l’erede al trono ha accettato la piccola valigia, è stata data a due consiglieri della casa reale che hanno contato a mano il denaro che risulta fosse sotto forma di banconote da € 500.

Gli aiutanti del palazzo hanno poi contattato la Coutts & Co. Che è una delle Banche del Regno Unito che esercitano anche attività di private banking e wealth management. La banca privata, che ha sede nello Strand, nel centro di Londra, e ha servito la famiglia reale per secoli, avrebbe recuperato la valigia dalla residenza londinese di Carlo e successivamente ogni pagamento è stato depositato sui conti del The Prince of Wales’s Charitable Fund (PWCF) Prince of Wales’s Charitable Fund (PWCF), una fondazione di beneficienza che concede sovvenzioni e finanzia i progetti preferiti del principe. Quindi tutto legale. Ma la domanda che sorge spontanea è come mai un ricco politico del Qatar debba consegnare del denaro in contante e non fare direttamente un bonifico alla Coutts & Co.?

Il denaro pone anche domande sulla governance dell’ente di beneficenza di punta di Charles. Gli amministratori hanno il dovere legale di proteggere la reputazione di un ente di beneficenza. Uno degli amministratori della PWCF all’epoca disse di non essere a conoscenza dei doni dello sceicco Hamad.

Sir Ian Cheshire, presidente dell’ente, ha dichiarato: “Con un preavviso di poche ore dal Sunday Times, abbiamo verificato questo evento del passato e confermiamo che i precedenti amministratori del PWCF hanno discusso della governance e del rapporto con i donatori, (confermando che il donatore era una controparte legittima e verificata) e i nostri revisori hanno approvato la donazione dopo un’indagine specifica durante l’audit. Non c’è stato un fallimento di governance”. E poi ha aggiunto: “La donazione è stata fatta in contanti ed è stata una scelta del donatore. La certezza della donazione del 2015 è stata verificata dai registri. Credo che la stessa garanzia sia stata applicata alle donazioni precedenti e non vedo l’ora di confermarlo a tempo debito”.

Lo sceicco è stato primo ministro e ministro degli affari esteri del Qatar tra il 2007 e il 2013. Durante quel periodo, ha controllato il fondo sovrano del paese da 250 miliardi di dollari e ha supervisionato gli investimenti di alto profilo dello stato del Golfo ad Harrods, lo Shard e il villaggio olimpico di Londra. Ha anche stretto legami con i reali britannici, con il Qatar che ha dato a Charles un cavallo da 147.000 sterline chiamato Dark Swan e ha contribuito al mantenimento di uno dei suoi castelli in Scozia. Lo sceicco Hamad, la cui ricchezza personale una volta era stimata in 12 miliardi di dollari, continua a trascorrere del tempo nel Regno Unito, che considera la sua seconda casa.

Hamad in passato ha dovuto affrontare polemiche, riguardo anche al fatto che potesse avere sponsorizzato anche il terrorismo sotto la sua sorveglianza nel suo Paese.  Una volta ha detto che il Qatar “forse” ha finanziato il Fronte di Nusra, il ramo siriano di al-Qaeda, mentre era in carica, ma poi ha dichiarato di non saperne nulla. I suoi avvocati in queste ore hanno respinto le accuse definendole “distorsione, esagerazione e fabbricazione all’ingrosso”.

Hamad è stato anche coinvolto nell’investimento del Qatar in Barclays al culmine della crisi finanziaria del 2008 che ha provocato indagini normative e penali da parte delle autorità britanniche per oltre 364 milioni di sterline in pagamenti segreti. Va detto che ad oggi le indagini sono in corso e non vi è alcun suggerimento che lo sceicco Hamad si sia comportato in modo improprio, ma queste tematiche ripetutamente dibattute  hanno lasciato una zona d’ombra.

Uno degli ex consiglieri di Charles che ha gestito parte del denaro ha detto che “tutti si sono sentiti molto a disagio per la situazione”, aggiungendo che “l’unica cosa che potevamo fare era contare i soldi e fare un registro reciproco di ciò che avevamo fatto. E poi chiamare la banca”.

Sir Alistair Graham, l’ex presidente del comitato, ha affermato che le rivelazioni sono state “veramente scioccanti” e sarebbero “inconcepibili” per la maggior parte delle persone. Graham, 79 anni, ha aggiunto: “Non farei distinzione tra un politico e un membro della famiglia reale. Se il governo del Qatar vuole fare un regalo alla sua fondazione, allora ci sono modi adeguati per fare queste cose piuttosto che gestire ingenti somme di denaro”.

Ora queste rivelazioni metteranno a dura prova molte delle precedenti affermazioni di Clarence House sui rapporti di Charles con i suoi enti di beneficenza. In passato, il portavoce del principe ha affermato che tutti i suoi enti di beneficenza “operano indipendentemente dal principe stesso in relazione a tutte le decisioni sulla raccolta fondi” e che i loro amministratori “sono responsabili di tutti i doveri operativi e di governo”. La stessa PWCF ha sempre detto che il principe viene consultato solo “di tanto in tanto”. Non vi è alcun riferimento ai doni nei conti della PWCF. Non vi è alcun riferimento pubblico al fatto che lo sceicco Hamad sia un donatore dell’ente di beneficenza, che non è obbligato a rivelare i suoi sostenitori.

Un portavoce di Clarence House ha dichiarato: “Siamo delusi di non aver avuto più tempo per esaminare questa questione, che risale a un decennio fa. Nelle poche ore che abbiamo avuto di sabato, abbiamo confermato che le donazioni di beneficenza sono state ricevute dallo sceicco Hamad bin Jassim, e queste sono state passate immediatamente a una delle associazioni di beneficenza del principe che ci ha assicurato che tutti i processi sono stati eseguiti correttamente”.

Charles e lo sceicco Hamad hanno una relazione che risale a diversi decenni fa. In queste ore un portavoce di Coutts ha dichiarato: “Sebbene manteniamo la massima riservatezza in relazione ai clienti della banca e non possiamo commentare casi specifici, abbiamo politiche e controlli di lunga data e solidi per valutare l’origine, la natura e lo scopo di transazioni grandi e insolite. In particolare, la ricezione di pagamenti in contanti da parte della banca riceve un’analisi e un controllo approfonditi”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!