DRAGHI ALLA RICERCA DI ALLEATI COMMERCIALI NEI PAESI IN VIA DI SVILUPPO - WHAT-U

I gruppo dei G7 in riunione

Terza giornata del Vertice G7, che si tiene ad Elmau, in Germania, da domenica 26 a martedì 28 giugno. Ieri, nel pomeriggio, a margine del Summit, il Presidente Mario Draghi ha avuto un incontro bilaterale con il Primo Ministro britannico, Boris Johnson, e in seguito con il Presidente della Repubblica Argentina, Alberto Fernández. Il premier italiano, domenica ha elogiato gli sforzi dei paesi del G7, definendo questo gruppo “il più grande finanziatore nell’assistenza a progetti di investimento nei paesi in via di sviluppo”. Ma poi ha aggiunto che occorre fare di più affinché tutti i paesi del G7 vengano ampiamente riconosciuti nei partenariati con i paesi in via di sviluppo. “Le banche multilaterali di sviluppo, e in particolare la Banca mondiale, saranno ulteriormente mobilitate, insieme al settore privato”. I i settori sui quali verranno intrapresi maggiori progetti di investimento saranno due: energia e sanità. “È abbastanza chiaro”, ha precisato Draghi, “che nella situazione attuale, avremo bisogni a breve termine che richiederanno ingenti investimenti nelle infrastrutture del gas nei paesi in via di sviluppo e altrove, ma dobbiamo assicurarci che possano essere [convertiti] per trasportare idrogeno, quindi questo è un modo per conciliare le esigenze a breve termine con le esigenze climatiche a lungo termine. Inoltre, molti paesi in via di sviluppo e un continente, l’Africa, sono particolarmente adatti per investimenti nelle energie rinnovabili. È lì che mi aspetto che tutti i nostri paesi finanzino e progettino, identifichino e progettino molti progetti di investimento in quest’area”. Poi Draghi ha fatto una chiosa sui vaccini.

“Per quanto riguarda i vaccini, ancora una volta questo gruppo di paesi, l’Unione Europea e gli Stati Uniti, (inclusi Canada e Giappone), sono stati di gran lunga i più grandi donatori di vaccini. Continueremo a promuovere molte iniziative in questo campo”, ha detto in conclusione il premier, “ma ora è chiaro che è necessario fare di più, in particolare per consentire ai paesi africani e ad altri paesi di produrre i vaccini sulla propria terra in modo che possano essere prontamente disponibili per la loro popolazione”.

Moody’s dichiara che la Russia è in default, ma i russi contestano

Nessuna parola invece è stata spesa riguardo al default russo per il debito di circa 100 milioni di dollari di obbligazioni non pagate che la Russia ha in valuta estera. 

Il default è scattato alla scadenza del periodo di grazia, ma il fallimento accusa la Russia sarebbe dovuto non alla mancanza di denaro da parte del debitore, ma alla chiusura dei canali di trasferimento da parte dei creditori. “Le accuse di default della Russia sono illegittime, il pagamento in valuta estera è stato effettuato a maggio”, ha replicato il Cremlino, contestando il default. In particolare, i mancati pagamenti degli Eurobond “sono imputabili a terzi. I pagamenti delle obbligazioni 2026 e 2036 sono stati trasferiti il 20 maggio”. Lo riporta Bloomberg citando il Ministero delle Finanze russo, dopo le notizie sul default. Mosca aveva già sfiorato la stessa probabilità nei primi mesi di quest’anno, ma aveva gestito la situazione modificando i metodi di pagamento. A maggio, il Tesoro americano non ha rinnovato la licenza che esentava gli investitori americani dalle sanzioni: da quel momento per i russi è diventato impossibile pagare il debito in dollari o nelle valute citate nei prospetti delle emissioni.

Moody’s ha affermato che la Russia non ha rispettato i suoi obblighi di debito estero, secondo una dichiarazione pubblicata lunedì sul sito web dell’agenzia

“Il 27 giugno, i detentori del debito sovrano russo non avevano ricevuto pagamenti di cedole su due eurobond per un valore di 100 milioni di dollari prima della scadenza del periodo di grazia di 30 giorni di calendario, che consideriamo un evento di default secondo la nostra definizione”, afferma la dichiarazione. A maggio, gli Stati Uniti hanno revocato la loro licenza di pagare gli obbligazionisti che ha consentito alla Russia di onorare il proprio debito estero. La scorsa settimana, la Russia ha utilizzato per la prima volta un nuovo meccanismo per pagare il coupon Eurobond in rubli. Il ministro delle finanze Anton Siluanov ha affermato che non si trattava in alcun modo di un default. Secondo Siluanov, gli Stati Uniti e l’Unione Europea stanno escogitando ostacoli fittizi al servizio del debito estero della Russia al fine di “apporre l’etichetta ‘predefinita’ su di esso.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!