it Italian
ar Arabicbg Bulgarianca Catalanzh-CN Chinese (Simplified)cs Czechda Danishen Englishtl Filipinofi Finnishfr Frenchde Germanhaw Hawaiianhi Hindiit Italianja Japaneseko Koreanpt Portugueseru Russiansk Slovaksl Slovenianes Spanishta Tamilth Thai
ORA ANCHE IL GATTO PUÒ TRASMETTERE IL VIRUS DEL COVID - WHAT-U

 ph. Vachira Vachira/NurPhoto/Getty

Prima c’erano criceti che starnutivano , ora i gatti, colpevoli secondo un team di ricercatori in Thailandia di trasmettere il virus del Covid (SARS-CoV-2) alle persone.

I ricercatori dicono che i risultati sono convincenti. La trasmissione può verificarsi, la capacità del virus di saltare tra le specie animali e tra gatti e persone è conclamata. “Sappiamo che questa era una possibilità da due anni”, afferma Angela Bosco-Lauth, ricercatrice di malattie infettive presso la Colorado State University di Fort Collins. Gli studi all’inizio della pandemia hanno scoperto che i gatti potevano diffondere particelle di virus infettive e infettare altri gatti. E nel corso della pandemia, molti sono stati i paesi che hanno segnalato infezioni da SARS-CoV-2 in dozzine di gatti domestici. Ma stabilire la direzione della diffusione virale – da gatto a persona o da persona a gatto – non è stato semplice. 

La scoperta del contagio, pubblicata su Emerging Infectious Diseases il 6 giugno, è avvenuta per caso, afferma il coautore Sarunyou Chusri, ricercatore di malattie infettive e medico presso la Prince of Songkla University di Hat Yai, nel sud della Thailandia. Ad agosto, un padre e un figlio risultati positivi al SARS-CoV-2 sono stati trasferiti in un reparto di isolamento dell’ospedale dell’università. Anche il loro gatto di dieci anni è stato sottoposto a tampone ed è risultato positivo. Durante il tampone, il gatto ha starnutito di fronte a un veterinario, che indossava una maschera e guanti ma non una protezione per gli occhi.

Tre giorni dopo, il veterinario ha sviluppato febbre, raffreddore e tosse e in seguito è risultato positivo al SARS-CoV-2, ma nessuno dei suoi contatti stretti ha sviluppato COVID-19, suggerendo che fosse stata infettato dal gatto. L’analisi genetica ha anche confermato che il veterinario era stato infettato dalla stessa variante del gatto e dei suoi proprietari e che le sequenze genomiche virali erano identiche. I ricercatori hanno poi dichiarato che “questi casi di trasmissione da gatto a uomo sono probabilmente rari”. Studi sperimentali hanno dimostrato che i gatti infetti non diffondono pesantemente il virus perché la carica virale dura solo pochi giorni”, ha detto Leo Poon, virologo dell’Università di Hong Kong. Tuttavia, Chusri ha sottolineato che vale la pena prendere precauzioni quando si maneggiano gatti che si pensa siano infetti. Le persone “non dovrebbero abbandonare i loro gatti, ma prendersi più cura di loro”, ha aggiunto.

Quali gli altri animali finiti nella lista nera dei possibili diffusori di virus? I visoni d’allevamento in Europa e Nord America, i criceti domestici a Hong Kong e i cervi selvatici dalla coda bianca in Canada. L’aggiunta di gatti all’elenco “amplia la nostra comprensione del potenziale zoonotico di questo virus”, ha aggiunto Poon. Ma i ricercatori affermano che questi sono tutti eventi rari e gli animali non svolgono ancora un ruolo significativo nella diffusione del virus. “Gli esseri umani sono chiaramente ancora la principale fonte del virus”, ha concluso Bosco-Lauth.

COVID-19

La malattia da coronavirus (COVID-19) è una patologia infettiva causata dal virus SARS-CoV-2.

La maggior parte delle persone che contraggono il virus sviluppa sintomi lievi o moderati e guarisce senza avere bisogno di cure particolari. Tuttavia, alcune sviluppano una forma di malattia grave e necessitano di assistenza sanitaria.

COME SI DIFFONDE

Il virus può diffondersi in piccole particelle liquide che fuoriescono dalla bocca o dal naso di una persona infetta, ad esempio tossendo, starnutendo, parlando, cantando o respirando. Tali particelle sono di varie dimensioni, dalle più grandi goccioline respiratorie fino ai più piccoli aerosol.

Si può contrarre l’infezione respirando il virus se ci si trova nelle vicinanze di una persona affetta da COVID-19, oppure toccando una superficie contaminata e poi toccandosi gli occhi, il naso o la bocca. Il virus si diffonde più facilmente al chiuso o in ambienti affollati.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!