CLIMA, ORA OCCORRE COMBATTERE ANCHE LO SBIANCAMENTO DEI CORALLI - WHAT-U

Combattere i cambiamenti climatici è una vera e propria impresa. Non solo per la siccità che è una delle tante conseguenze. Anche lo sbiancamento dei coralli è uno dei tanti segni tangibili dell’aumento della temperatura dell’acqua. Là dove maggiori sono stati gli effetti del riscaldamento globale è stata riscontrata una maggiore incidenza dello sbiancamento, che può peraltro avere luogo in presenza di altri fattori: irraggiamento solare (radiazione fotosinteticamente attiva o esposizione a radiazione ultravioletta), cambiamenti nella composizione chimica dell’acqua (specialmente del grado di salinità) o della sua opacità, cambiamento di correnti (che, a causa dell’accumulo di sedimenti, finiscono per deviare l’acqua calda della laguna verso la barriera), malattie del corallo, oppure uno slittamento degli strati di silt. 

È anche successo che quando la temperatura è tornata normale dopo pochi giorni, il corallo abbia ripreso rapidamente il suo colore. Ma questi sono casi particolari. Perché la prassi purtroppo mostra che una volta iniziato lo sbiancamento, il corallo continua a espellere le alghe simbiotiche anche se la temperatura torna normale. E ciò avviene in particolare se lo stress dura parecchi giorni consecutivi. In questo caso, se la colonia di corallo sopravvive, possono passare settimane o mesi prima che la concentrazione dei simbionti torni a livelli normali. Il corallo morto, invece, diventa rapidamente oggetto dell’azione distruttiva della fauna ittica (in particolare dei pesci mangiatori di corallo come il pesce pappagallo) e soprattutto del mare, e si sgretola in poche settimane, andando così ad innalzare il livello di base della barriera e, alla lunga, finendo per produrre nuovo materiale per la formazione delle isole. Non sempre su una barriera morta il corallo ricresce, ma quando ciò avviene passano diversi anni prima che la concentrazione corallina torni al livello iniziale.

In seguito agli effetti del Niño, nel 1998 oltre il 90% del genere Acropora fu distrutto in molte aree dell’Oceano Indiano

Ora l’isola di Wasini è diventata una delle numerose linee di partenza delle missioni di quattro subacquei, che hanno concentrato i loro gli sforzi di ripristino della barriera corallina nell’Oceano Indiano occidentale portando apparecchiature di misurazione, scarpe e spazzolini da denti e sono scesi a turno al sito di ripristino della barriera corallina del fondale marino sul canale Shimoni.

“Utilizziamo frammenti di corallo raccolti da popolazioni selvatiche per stabilire i vivai”, ha detto il subacqueo Yatin Patel, prima di scivolare nelle acque turchesi. “Dopo essere cresciuti, vengono portati al giardino dei coralli”. Patel e il suo team, che fanno parte della fondazione REEFolution, puliscono i vivai di coralli e misurano le dimensioni dei coralli in crescita, che sono supportati da tubi di plastica e reti d’acciaio a struttura piramidale.

L’area marina, gestita congiuntamente dalla fondazione e dalla comunità dell’isola, ha piantato oltre 8.000 coralli all’anno dal 2012 e ha posizionato circa 800 strutture artificiali di barriera corallina nel canale nel tentativo di ripristinare i giardini di corallo di Wasini. Ma il progetto è minacciato dai costi crescenti e dal previsto porto di pesca a Shimoni, a soli 3 chilometri (1,9 miglia) di distanza sulla costa del Kenya.

La minaccia di un calo delle popolazioni ittiche a causa della morte dei coralli si aggiunge ai guai delle comunità dell’Africa orientale, milioni delle quali stanno già affrontando una crisi alimentare in peggioramento a causa di una prolungata siccità nell’est e nel Corno d’Africa, nonché gli effetti a catena della guerra in Ucraina . All’inizio di marzo, il Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici ha emesso un terribile avvertimento sulle minacce affrontate dalle nazioni costiere e insulari africane e sul completo collasso dei coralli nell’Oceano Indiano occidentale.

L’iniziativa del corallo dell’isola di Wasini è una delle tante sparse sulle coste occidentali dell’Africa, dopo una serie di gravi periodi di sbiancamento dei coralli a causa del riscaldamento delle acque oceaniche. Dopo un anno particolarmente devastante nel 1998, dovuto in gran parte al fenomeno meteorologico naturale El Nino, enormi distese di coralli dell’Oceano Indiano – dalla Somalia al Sud Africa – sono state gravemente colpite.

Tim McClanahan, zoologo conservatore senior presso la Wildlife Conservation Society, ha affermato che il 1998 non è stato il primo evento del genere: ce n’è stato uno nel 1983 e da allora ce ne sono stati tre negli ultimi due decenni, nel 2005, 2010 e 2016. la prevalenza dello sbiancamento di massa dei coralli lungo l’Oceano Indiano occidentale preoccupa gli scienziati da decenni e sono in corso studi intensivi per comprendere e mappare gli interventi per frenare i fenomeni. “Molti di questi eventi di sbiancamento sono direttamente collegati al cambiamento climatico”, ha sottolineato McClanahan.

Il progetto di restauro del corallo Wasini ha seguito le orme di Nature Seychelles, un’organizzazione non governativa per la conservazione nell’arcipelago delle Seychelles che ha avviato il primo esercizio di reimpianto dei coralli nell’Oceano Indiano occidentale nello stesso anno ed è ancora in corso oltre un decennio dopo. Un progetto simile è stato intrapreso anche in Tanzania.

“I coralli di Wasini in particolare sono in cattive condizioni”, ha proseguito McClanahan.“Ci sono alcune aree in Tanzania, Mozambico e Madagascar che sono in condizioni migliori. Stiamo lavorando per proteggere quelle barriere coralline, Molti dei coralli che abbiamo piantato sono morti”, ha aggiunto McClanahan. “Gli sforzi di ripristino non risolveranno questo problema su larga scala”. Il progetto di ripristino delle barriere coralline di Wasini affronta anche la minaccia di distruzione e inquinamento derivante dalla proposta costruzione di un porto per la pesca d’altura a Shimoni. Il porto è uno degli impegni chiave che il governo keniota ha fatto al primo vertice oceanico delle Nazioni Unite a Nairobi nel 2018 ed è stato ribadito lo scorso giugno durante il vertice di Lisbona.

Secondo un rapporto di valutazione dell’impatto ambientale ottenuto dall’Associated Press, la costruzione del porto minerà coralli, pesci e altri organismi marini a causa degli enormi pennacchi che verranno generati dal dragaggio.

Quanto cambierà il livello del mare nei prossimi anni e come influenzerà la nostra popolazione?

Florent Lavergne  ha realizzato una serie di visualizzazioni proprio per mostrare come il cambiamento climatico abbia già provocato l’innalzamento del livello del mare in tutto il mondo.  Qui vi spiega come è passato dall’idea all’infografica.  Questi grafici utilizzano i dati di uno studio del 2019 di Scott Kulp e Benjamin Strauss. Il loro studio ha utilizzato CoastalDEM, uno strumento di grafica 3D utilizzato per misurare la potenziale esposizione di una popolazione a livelli estremi delle acque costiere, ed ha esaminato l’aumento del livello del mare sotto diversi livelli di emissioni di gas serra (GHG).

Quali paesi saranno più gravemente colpiti dall’innalzamento del livello del mare?

Se le cose continuano così, scrive Visual Capitalist, circa 360 milioni di persone in tutto il mondo potrebbero essere a rischio di alluvioni annuali entro il 2100.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!