L'EUROPA INSERISCE IL DIRITTO ALL'ABORTO NELLA CARTA DEI DIRITTI FONDAMENTALI DELL'UE - WHAT-U

Dopo la decisione della Corte suprema statunitense di abolire il diritto all’aborto negli Stati Uniti per tutelare questo diritto e la salute delle donne nell’UE, i deputati hanno chiesto di inserirlo nella Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea.

Il testo, non legislativo, è stato approvato con 324 voti favorevoli, 155 contrari e 38 astensioni

I deputati hanno affermato che “ogni persona ha diritto all’aborto sicuro e legale” e attendono che il Consiglio europeo si riunisca per convocare una Convenzione per la revisione dei trattati, come già ribadito nella risoluzione del 9 giugno.

I deputati hanno espresso piena solidarietà e sostegno alle donne e alle ragazze negli Stati Uniti, nonché a coloro che sono coinvolti nella prestazione e nella promozione del diritto e dell’accesso all’assistenza legale e sicura all’aborto in circostanze così difficili, e chiedono al Congresso degli Stati Uniti di approvare un progetto di legge che tuteli l’aborto a livello federale. Forte è ora la preoccupazione di un possibile aumento del flusso di denaro per finanziare gruppi anti-genere e anti-scelta nel mondo, anche in Europa.

I Paesi UE hanno necessità di depenalizzare l’aborto, a eliminare e combattere le rimanenti restrizioni giuridiche, finanziarie, sociali e pratiche in alcuni Stati membri

Quali gli obiettivi? Garantire l’accesso a servizi di aborto sicuri, legali e gratuiti, a servizi di assistenza sanitaria prenatale e materna, alla pianificazione familiare volontaria e a servizi adatti ai giovani.

Il diritto alla salute, compresa la salute sessuale e riproduttiva, è tutelato a livello internazionale. L’accesso a beni e servizi di assistenza sanitaria sessuale e riproduttiva è una componente fondamentale dei diritti sessuali e riproduttivi. In base al diritto e agli standard internazionali sui diritti umani, gli Stati membri dell’Unione europea dovrebbero garantire l’accesso a un’assistenza sanitaria sessuale e riproduttiva sicura e di qualità. Una serie di trattati delle Nazioni Unite (ONU) vietano la discriminazione in termini generali, vietando di fatto la discriminazione nella salute e nei diritti sessuali e riproduttivi. Questi diritti includono il diritto alla salute e il diritto alla pianificazione familiare, la parità di accesso al servizio, la libertà dalla violenza e il diritto alla vita. Esistono specifiche protezioni dei trattati internazionali per combattere la discriminazione per motivi di sesso, razza, disabilità ma non per orientamento sessuale o identità di genere. A livello europeo, il Consiglio d’Europa tutela la salute ei diritti sessuali e riproduttivi attraverso la Convenzione europea dei diritti dell’uomo e la Convenzione sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e alla violenza domestica (Convenzione di Istanbul)

I deputati per i diritti delle donne e l’uguaglianza di genere sottolineano che alcuni stati membri hanno ancora leggi altamente restrittive che vietano l’aborto se non in circostanze strettamente definite, portando le donne a dover cercare aborti clandestini o portare a termine la gravidanza contro la loro volontà, il che è una violazione dei loro diritti umani . Quindi hanno esortato tutti gli Stati membri a garantire l’accesso universale all’aborto sicuro e legale e a garantire che l’aborto su richiesta sia legale all’inizio della gravidanza e a maggior ragione se la salute della persona incinta è in pericolo. 

Per i deputati eu il divieto totale delle cure per l’aborto è una forma di violenza di genere

Inoltre, i deputati hanno chiesto che i paesi dell’UE garantiscano l’accesso universale a una gamma di metodi e forniture contraccettive di alta qualità, consulenza familiare e informazioni sulla contraccezione.

E hanno esortato gli Stati membri a garantire l’accesso a un’educazione sessuale completa per i bambini delle scuole primarie e secondarie, poiché l’istruzione SRHR può contribuire in modo significativo a ridurre la violenza e le molestie sessuali.
”Nel testo adottato oggi, chiediamo chiaramente agli Stati membri di garantire a tutti l’accesso universale alla SRHR (Sexual and Reproductive Health and Rights, Ndr) e di dimostrare che c’è forza nel PE per contrastare coloro che si oppongono ai diritti umani fondamentali”, ha detto il relatore Pedrag Matić (S&D, HR):  “L’educazione sessuale, l’accesso alla contraccezione e ai trattamenti per la fertilità, nonché l’aborto, costituiscono alcune delle componenti chiave dei servizi SRHR. Si tratta di un passo importante per garantire che tutti i cittadini dell’UE abbiano accesso all’SRHR e che nessuna persona venga lasciata indietro nell’esercizio del proprio diritto alla salute”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!