UK È INIZIATA LA CORSA DEI CANDIDATI PER DIVENTARE PREMIER, SUNAK TRA I FAVORITI - WHAT-U

Un po’ come era successo per Theresa May, anche a Boris Johnson è toccato dire addio allo scranno di primo ministro. E ora che una delle settimane più caotiche della storia politica nel Regno Unito è terminata, la domanda è: chi occuperà il prossimo numero 10?

Rishi Sunak ha avvertito i conservatori di non credere alle promesse “da favola” di maggiori spese e minori tasse da parte dei suoi rivali. L’ex cancelliere ha promesso “onestà, serietà e determinazione” in un lancio sui social media in cui si è messo in contrasto con Boris Johnson, dicendo: “Qualcuno deve cogliere questo momento e prendere le decisioni giuste”.

Un video di tre minuti prodotto con cura, con lo slogan Ready for Rishi, che raccontava la storia dell’arrivo della sua famiglia in Gran Bretagna, solo ieri sera prima della mezzanotte è stato visto più di due milioni di volte.

 Ma ovviamente, in politica può succedere di tutto: come ha detto Johnson al leggio giovedì scorso, il branco è potente e quando il branco si muove, si muove. In ogni caso Sunak al momento è il candidato più credibile per succedere a Johnson anche se nulla si può dare per certo visto che sul campo di battaglia dovrà competere nella corsa alla leadership con una dozzina di parlamentari. Ma lui piace perché perlomeno non promette nulla che qualunque persona di buon senso capirebbe che non potrebbe realizzare. Come per esempio il taglio delle tasse, per lui una missione impossibile, finché l’economia non migliorerà.

“Affrontiamo questo momento con onestà, serietà e determinazione? O ci raccontiamo fiabe confortanti che potrebbero farci sentire meglio in questo momento, ma che lasceranno i nostri figli peggio domani? Qualcuno deve cogliere questo momento e prendere le decisioni giuste”, ha dichiarato sottolineando che la Gran Bretagna ne ha “abbastanza di divisioni”, aggiungendo una frecciatina a Johnson, affermando che i suoi valori, patriottismo, equità e duro lavoro, non sono negoziabili”. Il lancio è stato accompagnato dall’approvazione di 11 parlamentari conservatori delle circoscrizioni del muro rosso, del sud e di tutte le ali del partito, inclusi Leavers, Remainers e un ministro di gabinetto.

Al Times è stato detto che i sostenitori di Sunak hanno contattato la squadra di Javid nel tentativo di convincerlo a unire le forze . Javid ha respinto le anticipazioni e dovrebbe lanciare la sua campagna domenica.

Ieri sera ci sono state affermazioni da campi rivali secondo cui Tugendhat, presidente della commissione per gli affari esteri, avrebbe sostenuto Sunak in cambio del ruolo di ministro degli esteri se fosse stato eliminato nei primi turni. Le affermazioni sono state definite come “spazzatura completa” dal team di Tugendhat. Il concorso per la leadership dei Tory, che inizierà la prossima settimana, sarà accelerato con un massimo di 12 candidati ridotti a quattro nell’arco di una settimana. La campagna è già sulla buona strada per essere una faccenda sanguinosa, con i candidati che lanciano accuse e allusioni infondate l’uno sull’altro. Un sostenitore ha affermato che Sunak ha offerto “una netta rottura con Boris Johnson” e “farebbe sentire bene i conservatori riguardo alla leadership del nostro partito. Lui potrebbe essere l’unico candidato in grado di battere Starmer.

Truss è tornato in Gran Bretagna questa sera dopo aver partecipato al vertice del G20 in Indonesia, scrive il The Times. I suoi sostenitori hanno iniziato a sollecitare il sostegno, proponendo Truss come un falco fiscale, “vigoroso difensore dei diritti delle donne” – un obiettivo vincente per i membri Tory refrattari a discorsi sull’identità di genere.

La mossa è stata interpretata come un attacco a Penny Mordaunt, che ha sostenuto i diritti dei transgender ma si sta proponendo come una Brexiteer più autentica di Truss, che ha sostenuto il Remain.

I sostenitori di Wallace hanno detto che sarà un candidato unificante che riporterà “integrità” al numero 10 senza essere “appariscente”,  elogiato come “un chiacchierone in grado di ottenere consensi da tutto lo spettro”. Tugendhat ha cercato di rivendicare uno slancio precoce su Hunt e dimostrare che l’ex ministro degli esteri è “morto nell’acqua” nella battaglia per essere il candidato di One Nation Conservatives.

Tugendhat, presidente del comitato ristretto per gli affari esteri, è stato il primo a dichiarare formalmente la sua candidatura alla leadership dopo mesi di preparazione, con le prime approvazioni dell’ex vice primo ministro Damian Green, nonché di Robert Largan e Aaron Bell. Ma i parlamentari che sostengono Hunt, presidente del comitato per la salute e che è stato capo sia del ministero degli Esteri sia del dipartimento della salute, affermano che ha ottenuto il sostegno di un massimo di 50 dei loro colleghi.

Patel sta valutando se lanciare il suo cappello sul ring dopo che una fonte vicina al segretario degli interni ha affermato di essere stata esortata a sostenere coloro che volevano che “continuasse l’eredità di Boris”.

Boris Johnson ha rifiutato le richieste di dimettersi immediatamente e continuerà a ricoprire la carica di primo ministro fino a quando non sarà eletto un nuovo leader Tory, ha detto il suo portavoce.

Il primo ministro ha respinto gli inviti a farsi da parte e consentire a Dominic Raab, il suo vice, di guidare un governo provvisorio. In un briefing di Downing Street con i giornalisti, il portavoce ha confermato che Johnson sarebbe rimasto in carica fino alla fine delle elezioni per la leadership dei Tory.

“Il primo ministro sta agendo in linea con la convenzione”, ha detto il portavoce. “Rimane primo ministro fino a quando non sarà in carica un nuovo leader del partito e il lavoro del governo continuerà mentre ciò avrà luogo”. Nel frattempo, Johnson ha promesso di portare avanti le politiche del governo, inclusa la deportazione dei migranti in Ruanda. “Questa è una politica del governo pre-concordata”, ha detto il portavoce. “La convenzione non impedisce o preclude al governo di cercare di adempiere a tale politica e ciò includerebbe la difesa dei casi in tribunale come richiesto”.

L’elenco degli aspiranti leader si allunga

Sono ben 16 i candidati che stanno valutando di lanciardi nella corsa per la premiership, ha detto al Times un membro del Comitato del 1922. La sfida di sorpassare il primo turno di votazioni prima della pausa dei parlamentari per la pausa estiva sembra essere diventata molto più difficile dopo che un altro candidato inaspettato ha messo il cappello sul ring. John Baron, il deputato di Basildon e Billericay, non ha mai presieduto un ministero in tutti i suoi 21 anni in parlamento eppure, ha sorpreso molti quando ha annunciato oggi una potenziale leadership in diretta televisiva. Alla domanda su chi avrebbe sostenuto su BBC Politics Live, Baron ha risposto: “Non ho ancora deciso e parte del motivo è che sono stato contattato da me stesso per prenderlo in considerazione”, ha detto. “Ma se decidessi di lanciare il mio cappello sul ring sarei un nuovo arrivato. Al momento non ho ancora otto firme, quindi verificherò i sondaggi durante il fine settimana”.

Il nuovo ministro delle finanze britannico, Nadhim Zahawi, ha definito le sue priorità per l’economia in una serie di interviste mercoledì, poche ore dopo essere stato nominato per sostituire Rishi Sunak.

Di seguito i punti salienti riportati da Reuters

“Devo ricostruire e far crescere l’economia. Siamo appena usciti dall’equivalente di una guerra mondiale e abbiamo una guerra in corso in Europa a causa dell’invasione illegale dell’Ucraina da parte di Putin (il presidente russo Vladimir)”, ha detto Zahawi.

“L’importante è tenere sotto controllo l’inflazione, essere fiscalmente responsabili”. Aggiungendo: “La prima cosa che dobbiamo fare è assicurarci di stare davvero attenti, sia che si tratti di retribuzioni del settore pubblico, sia per l’inflazione affinché non continui a essere alimentata. Oggi tutti siamo di fronte a una battaglia globale contro l’inflazione”. Poi alla domanda su un previsto aumento dell’aliquota dell’imposta sulle società, ha detto: “Niente è fuori discussione; guarderò tutto. Quando i consigli di amministrazione investono, le aziende investono, investono a lungo termine e confrontano le aliquote dell’imposta sulle società”, ha detto a Times Radio . “Il Primo Ministro vuole assicurarsi che abbiamo disciplina fiscale. Condivido quell’attenzione con lui”, ha detto alla BBC. “Ovviamente cercherò di fare in modo che l’economia rimanga competitiva e dinamica con i nostri vicini europei e anche con il resto del mondo. Niente è fuori discussione”. Poi riguardo l’inflazione e il debito ha aggiunto: “Il debito che stiamo affrontando quest’anno sarà di 83 miliardi. L’anno scorso era di 20 miliardi. Quindi si tratta di un aumento del debito quadruplicato. Un danno per le famiglie più svantaggiate della società che stiamo cercando di aiutare”, ha detto a LBC Radio.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!