it Italian
ar Arabicbg Bulgarianca Catalanzh-CN Chinese (Simplified)cs Czechda Danishen Englishtl Filipinofi Finnishfr Frenchde Germanhaw Hawaiianhi Hindiit Italianja Japaneseko Koreanpt Portugueseru Russiansk Slovaksl Slovenianes Spanishta Tamilth Thai
SRI LANKA, RAJAPAKSA SI DIMETTE E SCAPPA CON LA MOGLIE ALLE MALDIVE - WHAT-U

Il presidente dello Sri Lanka Gotabaya Rajapaksa oggi ha formalizzato le sue  dimissioni e ha reso noto al presidente del parlamento Mahinda Yapa Abeywardena, di avere nominato presidente ad interim del paese, il primo ministro Ranil Wickremesinghe annunciandolo.

La notizia è stata confermata anche dal quotidiano Daily Mirror. “Il presidente Gotabaya Rajapaksa ha nominato il primo ministro Ranil Wickremesinghe presidente ad interim in conformità con l’articolo 37.1 della Costituzione”, ha affermato il quotidiano Daily Mirror. Il massimo legislatore ha anche riferito che il presidente lo ha informato della nomina del primo ministro quando “era già lontano dal Paese”. Rajapaksa e sua moglie e due guardie del corpo nelle prime ore di stamattina sono fuggiti alle Maldive su un aereo dell’aviazione. La maggior parte dei maldiviani è scontenta dell’arrivo di Rajapaksa a Male, (la capitale delle Maldive) e si sono opposti alla mossa del loro governo di fornirgli un luogo sicuro dove restare in sicurezza. “In questo momento dovremmo essere al fianco dei nostri fratelli e sorelle in Sri Lanka che hanno costretto il presidente a fuggire”, ha detto un residente che ha voluto mantenere l’anonimato riferendo che questo è anche il pensiero di molti maldiviani arrabbiati per la sponda fornita all’ex presidente dello Sri Lanka.

Sabato migliaia di manifestanti sono scesi nelle strade di Colombo, chiedendo le dimissioni del capo dello Stato. Più di 100 persone sono rimaste ferite nelle proteste. Hanno anche preso d’assalto le residenze del presidente e del primo ministro, dando fuoco alla villa di Wickremesinghe.

Le proteste innescate dalla crisi finanziaria ed economica hanno travolto il Paese dall’inizio di aprile. In un’intervista esclusiva con l’agenzia russa Tass, il primo ministro ha ammesso che lo Sri Lanka è stato duramente colpito dalla peggiore crisi della storia moderna e i politici della nazione insulare non riescono ancora a trovare paralleli con una crisi del genere in questo secolo, nel secolo scorso o nel secolo prima. 

Wickremesinghe ha sottolineato che lo Sri Lanka è in grande difficoltà manca denaro, carburante e prodotti petroliferi, fertilizzanti, cibo per alcuni gruppi della popolazione e medicinali. Secondo le sue stime, ci vorranno tre anni o anche più per riprendersi dalla crisi economica.

Decine di migliaia di manifestanti hanno raggiunto Colombo con difficoltà per la mancanza di mezzi di trasporto circolanti per unirsi alla protesta per la protesta “Go Home Gota”. Ci sono state scene di rabbia in diverse stazioni ferroviarie, tra cui Kandy e Galle, quando la folla che cercava di raggiungere Colombo ha scoperto che non c’erano i treni. Alla fine, tuttavia, un treno è partito da Kandy trasportando i manifestanti mentre un treno da Matara li ha prelevati a Galle. Coloro che non sono riusciti ad arrivare a Colombo sono scesi in piazza in altre parti del Paese, dove si sono svolte proteste, grandi e piccole.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!