LAVROV, LA RUSSIA SPOSTERÀ PIÙ LONTANO I SUOI OBIETTIVI. NEGOZIATI CON KIEV? DIFFICILISSIMI - WHAT-U

Il ministro degli Esteri Serghei Lavrov

“La Russia proporrà condizioni più difficili in termini sia di sostanza che di tempo se i colloqui con l’Ucraina riprenderanno”, ha affermato martedì Leonid Slutsky, leader del Partito liberaldemocratico russo (LDPR) e membro della delegazione russa ai colloqui con l’Ucraina. “Oggi le condizioni da parte nostra saranno più dure sia per la smilitarizzazione che per la denazificazione, più dure nella sostanza e nel momento della loro esecuzione. Sottolineo che ciò accadrà se il processo negoziale verrà ripreso”, ha detto Slutsky in una conferenza stampa.

“Finora, i funzionari di Kiev non hanno mostrato alcuna volontà di riprendere i colloqui”, ha aggiunto. In precedenza, l’ex diplomatico sovietico Yury Ushakov ha affermato che Mosca non vede alcun interesse da parte di Kiev e dell’Occidente a riprendere i colloqui russo-ucraini, ma ha avvertito che le condizioni per tali contatti sarebbero già diverse. Ushakov ha anche ricordato che i colloqui russo-ucraini sono stati interrotti “dopo l’accordo di principio sugli accordi di Istanbul”.

“Finché l’Occidente continuerà ad inviare all’Ucraina “armi a raggio sempre più lungo, come i missili Himars”, la Russia sposterà “ancora più lontano gli obiettivi strategici” in Ucraina rispetto alla linea attuale”, ha detto il ministro degli Esteri Serghei Lavrov in un’intervista a Russian Today. “Questo perché non possiamo permettere che in quella parte dell’Ucraina che sarà controllata da Zelensky o chi lo sostituirà, ci siano armi che rappresentano una minaccia diretta al nostro territorio e il territorio di quelle repubbliche [del Donbass] che hanno dichiarato la loro indipendenza. Gli obiettivi militari russi sono cambiati e non si concentrano più “solo” sull’Ucraina orientale e il Donbass ma riguardano “una serie di altri territori”, ha aggiunto il ministro.

“La Russia ci sta ricattando sul gas ma l’Europa è preparata”, ha detto la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, presentando il piano d’emergenza sul gas. “Non iniziamo da zero, ma dobbiamo fare di più. Dobbiamo prepararci ad una interruzione integrale del gas russo. È uno scenario probabile, che andrebbe ad avere un impatto su tutta l’Unione”, ha aggiunto la leader europea.

Nel frattempo la Commissione Ue ha dato il via a un emendamento al quadro temporaneo di crisi sugli aiuti di Stato per sostenere le imprese più colpite dal caro energia esacerbato dalla guerra in Ucraina. Vengono così aumentati i massimali degli aiuti e ampliate le possibilità di investimento nelle rinnovabili e nella diversificazione. “La situazione è grave e dobbiamo intensificare i nostri sforzi per eliminare gradualmente i combustibili fossili. Con l’emendamento di oggi aiuteremo ad accelerare l’introduzione delle rinnovabili e la decarbonizzazione delle industrie, in linea con il RePowerEu”, ha detto la vicepresidente Margrethe Vestager.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!