VOLI AEREI, CANCELLAZIONI RITARDI, ECCO COSA STA ACCADENDO E COME FARE VALERE I PROPRI DIRITTI - WHAT-U

Le cancellazioni e i ritardi dei voli sono aumentati in tutto il mondo. Impossibile impegnarsi a fare qualsiasi previsione soprattutto durante i periodi di viaggio intensi come in questo periodo e nei fine settimana e i giorni festivi. Dall’inizio di giugno, quasi 26.000 voli, ovvero il 2,2% di tutti i voli dei vettori statunitensi, sono stati cancellati e 260.000, o il 22%, hanno subito ritardi, secondo FlightAware, una società di monitoraggio dei voli oltreoceano.

“Nei miei 22 anni nel settore, ha detto un pilota, non ho mai visto un’estate come questa”, ha detto un dipendente di una nota compagnia aerea che è uno dei pochi a non essere stato contagiato dal Covid o variante che sia.  Ora c’è chi punta il dito contro i dirigenti delle compagnie aeree colpevoli secondo alcuni di avere programmato migliaia di voli aggiuntivi per incassare di più, senza potere contare di fatto sul personale necessario per soddisfare una domanda vertiginosamente in salita. Insomma, esattamente come è successo in molti altri settori, dove quando le produzioni si sono fermate ed è stata ridotta la forza lavoro, è stato difficile ripristinare tutte le catene di montaggio, ora anche nei trasporti tornare a regime in poco tempo è diventata una vera e propria impresa. “Con personale ridotto per necessità di risparmio prima e poi anche a causa dei nuovi contagi ora, viaggiare in questo periodo senza incorrere in brutte sorprese è un po’ come giocare alla roulette russa”, dice un dirigente che vuole restare nell’anonimato. In realtà c’è chi dice che i problemi non sono nuovi e che anche i tassi di cancellazione e ritardo hanno iniziato ad aumentare vertiginosamente dalla scorsa estate.

“È così frustrante andare in giro”, ha detto un turista residente a Los Angeles, rimasto bloccato con sua moglie e tre bambini per quasi 12 ore in Svizzera la scorsa settimana quando il loro volo per l’aeroporto di Heathrow è stato cancellato all’ultimo minuto. La famiglia ha quindi perso un volo in coincidenza per l’aeroporto internazionale di Los Angeles e per loro è stata un’impresa tornare a casa.

Anche in Italia i voli programmati sono stati improvvisamente cancellati dai tabelloni. Un vero incubo dice Steven S. in partenza dalla Sardegna che ha raccontato di avere dovuto fare scalo in una città che non era prevista nel suo itinerario obbligandolo ad affrontare anche spese impreviste oltre che a patire numerosi disagi.  

I numeri dei reclami depositati presso il Dipartimento dei trasporti degli Stati Uniti è balzato del 237% a maggio, con 4.344 reclami, rispetto ai 1.289 ricevuti a maggio 2019. Lo studio annuale sulla soddisfazione delle compagnie aeree di JD Power ha riportato a maggio che i livelli di soddisfazione tra i passeggeri delle compagnie aeree è sceso di oltre 20 punti, su una scala di 1.000 punti, rispetto a un anno prima. La società di ricerca e analisi ha attribuito il declino all’incapacità delle compagnie aeree di gestire l’aumento della domanda di viaggio.

La frustrazione tra i viaggiatori poi è stata aggravata anche dall’aumento dei prezzi dei biglietti aerei, causato principalmente dall’aumento dei costi del carburante

I problemi delle compagnie aeree sono iniziati nella primavera del 2020, quando la pandemia ha preso piede e il trasporto aereo si è quasi interrotto. Il governo federale ha approvato aiuti per 54 miliardi di dollari per le compagnie aeree a condizione che i vettori mantenessero i lavoratori a libro paga. Ma per risparmiare denaro, molte compagnie aeree hanno preferito offrire pacchetti di prepensionamento a piloti, assistenti di volo e altri lavoratori, tagliando in questo modo migliaia di posti di lavoro. Gli esperti del settore sottolineano che molte assunzioni recenti non sono riuscite a riempire molti gap perché sperare che lavoratori inesperti potessero funzionare in maniera eccelsa subito durante l’alta stagione è stato un grave errore.

I senatori Bernie Sanders, Edward J. Markey e Richard Blumenthal hanno scritto ai dirigenti delle compagnie aeree, esortandoli a ridurre i ritardi e le cancellazioni.

Il segretario ai trasporti degli Stati Uniti Pete Buttigieg ha incontrato virtualmente i dirigenti delle compagnie aeree per discutere il problema. Giorni dopo, il suo volo da Washington, DC, a New York è stato cancellato. Dopo il fine settimana del 4 luglio, un dirigente della United Airlines ha detto in una nota del personale che la maggior parte dei ritardi e delle cancellazioni erano dovuti alla carenza di manodopera nel sistema di controllo del traffico aereo.

“Fino a quando ciò non sarà risolto, prevediamo che il sistema dell’aviazione statunitense rimarrà problematico quest’estate e oltre”, ha affermato Jon Roitman, chief operations officer di United, in una nota pubblicata da Reuters e altri organi di stampa.

La Federal Aviation Administration, che sovrintende al sistema di controllo del traffico aereo, ha ribattuto all United Airlines accusandola di avere confuso i problemi legati alle condizioni meteorologiche con i problemi di personale.

“La realtà è che molteplici fattori sovrapposti hanno influenzato il sistema, inclusi i livelli di personale delle compagnie aeree, le condizioni meteorologiche, il volume elevato e la capacità dell’ATC, ma la maggior parte dei ritardi e delle cancellazioni non è dovuta al personale della FAA”, ha affermato l’agenzia in una nota.

L’Air Line Pilots Assn., che rappresenta 59.000 piloti di 35 compagnie aeree statunitensi e canadesi, ha respinto l’ipotesi che sia la carenza di piloti la causa delle cancellazioni e dei ritardi, definendolo una “narrativa che molti nel settore stanno usando come copertura solo per ragioni legate al profitto”. Anche perché il numero dei piloti è aumentato di 1.700 unità dal 2019. La colpa quindi sarebbe delle compagnie aeree si sono assunte la responsabilità di programmare troppi voli, senza avere abbastanza personale per sostenere la nuova domanda. Il taglio del 16% dei voli di linea dovrebbe alleviare i problemi di ritardo e cancellazione, così come l’assunzione di più personale per trasportare il carico di lavoro, ha affermato Pinkerton, aggiungendo che le compagnie aeree sanno che i viaggiatori sono frustrati.

L’aeroporto londinese di Heathrow a metà luglio ha comunicato alle compagnie aeree di smettere di vendere biglietti quest’estate per mantenere il numero di passeggeri a livelli gestibili, mentre l’intero settore lottava contro ritardi, interruzioni e cancellazioni in un contesto di ripresa dei viaggi e di carenza di personale insolito.

 La compagnia aerea Emirates ha scelto la strada del compromesso per risolvere i contrasti con l’aeroporto di Londra Heathrow. Nessun taglio ai voli programmati, ma prezzi ridotti fino a metà agosto per tutti i voli n partenza da Londra.

HAI UN RECLAMO DA FARE? ECCO TUTTO QUELLO CHE DEVI SAPERE…


Opuscolo “Diritti dei passeggeri: Piccola guida al trasporto aereo”

Il settore del trasporto aereo è soggetto a molti reclami da parte dei passeggeri. Per questo motivo il CEC ha spiegato in un opuscolo a cosa fare attenzione già prima della partenza, ad esempio quando si prenota il volo, ma anche in aeroporto oppure in caso di reclamo.

Informazioni sui biglietti aereiTutto quello che dovete sapere sul Vostro biglietto aereo

Cancellazioni, ritardi e overbooking – i Vostri dirittiPurtroppo succede abbastanza frequentemente che un volo venga inaspettatamente cancellato, che arrivi a destinazione con un ritardo importante o che delle compagnie aeree accettino prenotazioni in numero maggiore rispetto ai posti in aereo. Vediamo quali sono i diritti dei passeggeri aerei in questi casi.

Ritardo, smarrimento o danneggiamento del bagaglioQuali sono i Vostri diritti e cosa fare in caso di ritardo, smarrimento o danneggiamento del bagaglio?

Prenotazione voli su piattaforme onlineLe offerte delle piattaforme online sembrano essere piuttosto allettanti, ma spese di gestione, servizi aggiuntivi ed altri ostacoli fanno lievitare i costi del presunto affare.

I diritti dei viaggiatoriLa normativa europea tutela i passeggeri che viaggiano nell’ambito dell’Unione Europea a bordi di treni, autobus, navi ed aerei riconoscendo loro dei diritti qualora incorrano in inconvenienti durante il tragitto. Le irregolarità del viaggio possono riguardare le ipotesi di ritardo e di cancellazione così come i casi di perdita o danneggiamento di bagagli ed infine le circostanze dannose derivanti da incidenti. Questi diritti sono riconosciuti soprattutto dai Regolamenti europei ossia la fonte legislativa europea direttamente applicabile in ogni Stato membro: di conseguenza, essi sono identitci per tutti i passeggeri all’interno dei confini UE e, dunque, indipendentemente dal fatto che la valigia venga persa a Praga o che il volo venga cancellato a Parigi.


Novità per i consumatori Trasporto in aereo

05.07.2022 – Caos nei trasporti aerei – La guida completa per chi vola nell’estate 2022

Carenza di personale negli aeroporti e delle compagnie aeree, scioperi in tutta Europa, aumento della domanda da parte dei passeggeri dopo due anni di pandemia: sono molte le ragioni del caos nel settore del trasporto aereo per l‘estate 2022… E risulta difficile ipotizzare che possano risolversi a breve termine. Il Centro Europeo Consumatori (CEC) Italia spiega quali sono i diritti dei viaggiatori aerei nell’UE e cosa si può fare per viaggiare con meno preoccupazioni possibili.

20.04.2022 – La Corte di giustizia dell’Unione Europea (CGUE) rafforza di nuovo i diritti dei passeggeri aerei

In una recente sentenza, la Corte di giustizia dell‘Unione Europea (CGUE) ha stabilito che i passeggeri di un volo in grave ritardo al di fuori dell’UE possono fare richiesta di risarcimento anche a una compagnia aerea non europea, se il viaggio è iniziato nell’UE.

13.04.2022 – Volotea e Blue Panorama sanzionate dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM)

Le due sanzioni amministrative ammontano a 500 mila euro per la compagnia aerea spagnola Volotea e 10 mila euro per l’italiana Blue Panorama.

19.11.2021 – Covid-voucher: il fondo di garanzia è una realtà ma non per tutti

È stato finalmente pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto che implementa, definendone le modalità di accesso, il fondo di garanzia previsto dalla legge 77/2020 per indennizzare i titolari dei cosiddetti Covid-voucher non rimborsati a causa dell’insolvenza o fallimento dell’operatore commerciale emittente.

29.09.2021 – I viaggi fai da te e il prezzo della flessibilità – Il CEC spiega cosa considerare quando si organizza la propria vacanza

Le richieste di informazioni ricevute dal Centro Europeo Consumatori (CEC) nell’estate 2021 mostrano una situazione molto chiara: sono sempre di più le persone a cui piace organizzare le proprie vacanze da sé e prenotare servizi come voli, hotel e auto a noleggio su internet. Tuttavia, non tutto va sempre liscio.

20.08.2021 – Viaggiare in aereo – Consigli e informazioni sui bagagli

Può capitare che il proprio bagaglio registrato non arrivi a destinazione, che arrivi troppo tardi oppure sia danneggiato. Per questo motivo il Centro Europeo Consumatori (CEC) fornisce informazioni su cosa fare per effettuare un reclamo.

22.07.2021 – Volo cancellato oltre un anno fa? – La Rete dei Centri Europei Consumatori ECC-Net consiglia come muoversi.

Il trasporto aereo è stato fortemente colpito dalla pandemia: il 2020 è stato un anno orribile, senza precedenti per il settore. Ma cosa è meglio fare se ci si è visti cancellare un viaggio in quel periodo?

30.06.2021 – Relazione speciale della Corte dei conti europea: i diritti dei passeggeri dell’UE non sono stati tutelati durante la pandemia di coronavirus nonostante gli sforzi della Commissione europea

In un rapporto speciale pubblicato ieri, la Corte dei conti europea ha espresso chiare critiche agli Stati membri dell’UE e alle compagnie aeree. Nel corso della pandemia di coronavirus, i diritti dei passeggeri sono stati messi in secondo piano e, in alcuni casi, sono stati massicciamente disattesi, nonostante il sostegno finanziario delle tasse.

03.06.2021 – Sanzioni milionarie dell‘AGCM per Volotea e Ryanair

L‘Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha comminato una sanzione amministrativa di 1,4 milioni di euro alla compagnia aerea spagnola Volotea e una di 4,2 milioni di euro alla compagnia irlandese Ryanair.

28.05.2021 – Viaggi e turismo: Il Centro Europeo Consumatori Italia pubblica le FAQ sulle novità introdotte dal Decreto Sostegni


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!