RUSSIA DICE NON VOGLIAMO BLOCCARE L'INVIO DEL GAS - WHAT-U

(AP Photo/Markus Schreiber)

La Russia ribadisce la sua posizione sul fronte della fornitura del gas commentando la dichiarazione dei giorni scorsi della presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen secondo la quale L’Europa già in autunno dovrà mettere in conto una forte frenata dell’arrivo del gas dalla Russia e prepararsi anche alla sua completa cessazione. “La Russia non è interessata a una completa cessazione delle forniture di gas ai paesi europei”, ha sottolineato lunedì ai giornalisti Dmitry Peskov, il ​​portavoce del presidente russo, “dal momento che Mosca garantisce in gran parte la sicurezza energetica dell’UE. La Russia”, ha proseguito Peskov, “è un fornitore di gas responsabile e, indipendentemente da ciò che si dice alla Commissione Europea, nelle capitali europee, negli Stati Uniti, la Russia era, è e continuerà ad essere il Paese che garantisce largamente la sicurezza energetica dell’Europa”, ha aggiunto. Ribadendo alla fine una conditio sine qua non. “D’altra parte se l’Europa continuerà sulla sua strada dell’imposizione totalmente sconsiderata di restrizioni e sanzioni che l’hanno colpita, la situazione sarà diversa. Ma la Russia non è interessata a questo”, ha assicurato.

Le consegne di Nord Stream raggiungeranno i limiti tecnicamente possibili dopo l’installazione della turbina

 Le consegne di gas attraverso il gasdotto Nord Stream raggiungeranno i limiti tecnologicamente possibili dopo l’installazione della turbina restituita dalle riparazioni, ha detto lunedì ai giornalisti il ​​portavoce presidenziale russo Dmitry Peskov. “Naturalmente, la turbina verrà installata. Sappiamo che ci sono ancora problemi con altre unità, di cui anche Siemens è a conoscenza. Ma, ovviamente, la turbina verrà installata dopo che tutte le formalità saranno state completate. E le consegne continueranno al quanto è tecnologicamente possibile”, ha risposto quando gli è stato chiesto se Gazprom sarà ora in grado di installare una turbina e aumentare le forniture di gas all’Europa.

A causa della restituzione tardiva delle turbine a gas Siemens dopo le riparazioni dovute alle sanzioni canadesi contro la Russia, il gasdotto funziona solo al 40% della sua capacità massima da metà giugno.

Dopo numerose richieste dalla Germania, il Canada ha deciso di restituire la turbina Siemens riparata il 9 luglio. Secondo la Commissione europea, la restituzione da parte del Canada della turbina Nord Stream non viola le sanzioni dell’UE alla Russia perché non riguardano le apparecchiature per il trasporto di gas

Il presidente russo Vladimir Putin ha affermato che se la turbina Nord Stream non verrà restituita alla Russia, lungo il gasdotto potranno essere consegnati solo 30 milioni di metri cubi di gas al giorno invece degli attuali 60 milioni di metri cubi.

presidente russo, Dmitry Peskov, “dal momento che Mosca garantisce in gran parte la sicurezza energetica dell’UE. La Russia è un fornitore di gas responsabile e, indipendentemente da ciò che si dice alla Commissione Europea, nelle capitali europee, negli Stati Uniti, la Russia era, è e continuerà ad essere il Paese che garantisce largamente la sicurezza energetica dell’Europa”, ha aggiunto Peskov, “D’altra parte se l’Europa continua sulla sua

Le consegne di gas attraverso il gasdotto Nord Stream raggiungeranno i limiti tecnologicamente possibili dopo l’installazione della turbina restituita dalle riparazioni, ha detto lunedì ai giornalisti il ​​portavoce presidenziale russo Dmitry Peskov.

“Naturalmente, la turbina verrà installata. Sappiamo che ci sono ancora problemi con altre unità, di cui anche Siemens è a conoscenza. Ma, ovviamente, la turbina verrà installata dopo che tutte le formalità saranno state completate. E le consegne continueranno al quanto è tecnologicamente possibile”, ha risposto quando gli è stato chiesto se Gazprom sarà ora in grado di installare una turbina e aumentare le forniture di gas all’Europa.

A causa della restituzione tardiva delle turbine a gas Siemens dopo le riparazioni dovute alle sanzioni canadesi contro la Russia, il gasdotto funziona solo al 40% della sua capacità massima da metà giugno.

Dopo numerose richieste dalla Germania, il Canada ha deciso di restituire la turbina Siemens riparata il 9 luglio. Secondo la Commissione europea, la restituzione da parte del Canada della turbina Nord Stream non viola le sanzioni dell’UE alla Russia perché non riguardano le apparecchiature per il trasporto di gas.

Il presidente russo Vladimir Putin ha affermato che se la turbina Nord Stream non verrà restituita alla Russia, lungo il gasdotto potranno essere consegnati solo 30 milioni di metri cubi di gas al giorno invece degli attuali 60 milioni di metri cubi.

Aperta la via del grano

“Gli accordi firmati il 22 luglio a Istanbul da parte dell’Ucraina, della Russia, della Turchia e delle Nazioni Unite sono un’ottima notizia per tutta la comunità internazionale”, questa la nota pubblicata sul sito del Governo Italiano 3 giorni fa. “Lo sblocco di milioni di tonnellate di grano ferme nei porti del Mar Nero è essenziale per permettere a questi carichi di raggiungere i cittadini di molti Paesi a medio e basso reddito e evitare una crisi alimentare mondiale. Il successo di questo piano dipenderà dalla rapida e piena attuazione degli accordi firmati oggi. L’Italia si è fortemente impegnata negli scorsi mesi per sostenere l’iniziativa di mediazione della Turchia con il ruolo centrale delle Nazioni Unite. Auspichiamo che questi accordi rappresentino un primo passo verso concrete prospettive di pace, in termini che siano accettabili per l’Ucraina”.

“La Russia ha insistito affinché le questioni delle esportazioni di grano ucraine e delle esportazioni agricole russe vengano risolte in un pacchetto, ha affermato domenica il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov dopo i colloqui con la controparte egiziana Sameh Shoukry.

“Alla fine, abbiamo insistito affinché entrambe le questioni fossero risolte esattamente in un pacchetto. Le questioni del grano ucraino saranno risolte attraverso l’istituzione di un centro di coordinamento a Istanbul, verranno fornite garanzie che gli ucraini libereranno dalle mine le loro acque territoriali e consentiranno navi a partire e durante il loro passaggio in mare aperto, Russia e Turchia garantiranno la loro sicurezza con le loro forze navali”, ha detto Lavrov che ha anche affermato che la Russia non ha alcun pregiudizio sulla ripresa dei colloqui con Kiev su questioni diverse dall’insediamento alimentare, ma Kiev insiste sulla sua vittoria militare sulla Russia.

“Non abbiamo alcun pregiudizio contro la ripresa dei negoziati su una più ampia gamma di questioni [con l’Ucraina], ma non dipende da noi, dal momento che le autorità ucraine, a cominciare dal presidente e finendo con i suoi numerosi consiglieri, affermano che ci sarà nessun negoziato fino a quando l’Ucraina non sconfiggerà la Russia sul campo di battaglia”, ha spiegato Lavrov.

La Russia ha ribadito che i suoi esportatori di grano sono impegnati nelle loro responsabilità contrattuali, ha proseguito Lavrov dopo i colloqui con il suo omologo egiziano. “Abbiamo ribadito l’impegno degli esportatori di grano russi a tutte le loro responsabilità”, ha sottolineato il ministro. “Diversi giorni fa è stato firmato a Istanbul un documento corrispondente. In particolare, quando i lavori erano prossimi al completamento, alcuni nostri colleghi occidentali hanno iniziato a cercare di risolvere solo il problema del grano ucraino e rimandare le questioni legate alle forniture di grano russo ai mercati mondiali , che sono molto più grandi di quelli dell’Ucraina”, ha detto. “Abbiamo anche sentito che la delegazione dell’Onu, che stava lavorando a Istanbul, stava per intraprendere questa strada, ovvero rimandare a una data successiva le questioni legate al grano russo. È stata una palese violazione dell’idea espressa dallo stesso segretario generale E, a lungo termine, abbiamo insistito per affrontare entrambi i problemi come un pacchetto” ha sottolineato il ministro russo.

Il problema delle sanzioni

“La Russia spera che il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres riesca a risolvere il problema delle sanzioni, che ostacolano le operazioni di grano dalla Russia”, ha affermato Lavrov.

“Quelle sanzioni illegittime che sono state imposte [contro la Russia] e che hanno impedito le operazioni con il grano russo, comprese le assicurazioni, compreso lo scalo delle nostre navi nei porti stranieri e delle navi straniere nei porti russi”, ha detto Lavrov. Ora, dopo la firma degli accordi a Istanbul, il segretario generale dell’Onu “si è offerto volontario per chiedere la rimozione di queste restrizioni illegittime. Speriamo che ci riesca”, ha detto Lavrov.

Interessi di tutte le parti

“L’Egitto comprende ciò che sta accadendo in Ucraina, comprese le motivazioni dell’Occidente, e rappresenta un accordo precoce in Ucraina che tenga conto degli interessi legittimi di tutte le parti”, ha affermato Lavrov.

“I nostri colleghi egiziani capiscono cosa sta succedendo [in Ucraina], capiscono il contesto, che è connesso con la geopolitica, che è connesso con la politica dell’Occidente per garantire il suo dominio negli affari internazionali, e sostengono, cosa che apprezziamo, per la più rapida ricerca di una soluzione pacifica che tenga conto degli interessi fondamentali e legittimi di tutti i partecipanti a questo processo nel contesto della costruzione di un’architettura di sicurezza europea sostenibile su basi equa”, ha concluso Lavrov.

Il ministro degli Esteri russo ieri ha iniziato il suo tour africano con una visita in Egitto. Russia ed Egitto mantengono tradizionalmente stretti contatti. La precedente visita di Lavrov al Cairo è avvenuta nell’aprile 2021 e l’alto diplomatico egiziano ha visitato Mosca nell’aprile 2022 come leader di un gruppo di contatto ministeriale della Lega araba sull’Ucraina.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!