USA, SEGRETARIO AL TESORO: "CON BIDEN L'AMERICA È RIPARTITA" - WHAT-U

Il Segretario al Tesoro Janet L. Yellen

“In questo momento, ci troviamo in un momento importante per la nostra economia e rappresenta un’opportunità per tutti noi di fare il punto. Entrando con i cali della pandemia, gli Stati Uniti hanno vissuto una storica ripresa economica. Un rimbalzo che non ha eguali nella storia moderna della nostra nazione per velocità e portata. In questo momento, anche di fronte a venti contrari globali, tra cui una guerra in Europa e successive varianti della pandemia, la nostra economia rimane resiliente. Il nostro tasso di disoccupazione si attesta al 3,6%, le finanze delle famiglie sono solide e la produzione industriale continua a crescere”, queste sono state le prime parole parole pronunciate oggi dal Segretario al Tesoro Janet L. Yellen durante la sua conferenza stampa.

“Questo risultato non era previsto nel gennaio 2021, quando il presidente Biden e questa amministrazione sono entrati in carica, il tasso di disoccupazione era del 6,4%, in media 834.000 nuove richieste di sussidio di disoccupazione venivano presentate ogni settimana e 20 milioni di americani ricevevano sussidi di disoccupazione. Solo l’1% degli americani era stato completamente vaccinato contro il COVID-19 e oltre 3000 persone morivano a causa del virus ogni giorno. Per molti aspetti, quando il presidente Biden è entrato in carica, la nostra economia si era fermata”, ha spiegato la Yellen.

“Al centro, i nostri notevoli progressi da allora sono stati guidati dalle politiche di questa amministrazione, in particolare attraverso un sostegno fiscale tempestivo e mirato nel piano di salvataggio combinato con gli sforzi di vaccinazione che hanno consentito alle aziende di riaprire e agli americani di tornare al lavoro. Nel corso dell’Amministrazione, la nostra economia ha creato oltre 9 milioni di posti di lavoro e il mercato del lavoro è ora a pieno regime. Nel 2021 abbiamo assistito al più grande calo registrato della disoccupazione in un solo anno e al più grande anno di crescita economica in quasi quattro decenni. Gli investimenti fissi sono tornati al trend pre-pandemia in soli due anni. In confronto, nelle ultime due recessioni, questo non è mai accaduto. E durante questo periodo, abbiamo anche ridotto il deficit di 1,5 trilioni di dollari”.

Poi citando di nuovo Biden, ha aggiunto: “Siamo entrati in una nuova fase della nostra ripresa, incentrata sul raggiungimento di una crescita stabile e costante senza sacrificare i guadagni degli ultimi 18 mesi. Sappiamo che ci sono sfide davanti a noi. La crescita sta rallentando a livello globale, l’inflazione rimane inaccettabilmente alta ed è la massima priorità di questa amministrazione ridurla. Sappiamo quanto possano essere difficili i prezzi più alti per le famiglie, come possono mettere a dura prova il budget familiare e quanto siano stati difficili gli ultimi due anni di interruzione causata dal COVID-19. Gli stessi fattori che hanno portato l’inflazione a livelli record a livello internazionale – in paesi come il Canada, il Regno Unito nell’eurozona – stanno danneggiando anche gli americani. Queste sfide includono anche la guerra illegale e vergognosa di Vladimir Putin in Ucraina. Più della metà dell’inflazione registrata nel 2022 riflette l’aumento dei costi alimentari ed energetici e riflette anche gli impatti persistenti della pandemia, in particolare in Cina, dove ripetuti blocchi hanno fermato la loro economia”.

Il segretario al Tesoro ha poi parlato del 1 milione di barili al giorno rilasciati dalla Strategic Petroleum Reserve, che ha contribuito a ridurre il prezzo del gas tra 17 e 42 centesimi per gallone, secondo un’analisi del Tesoro questa settimana. “Nelle ultime settimane i prezzi sono diminuiti di oltre 60 centesimi al gallone in totale. I nostri sforzi includono anche il lavoro che abbiamo svolto per sviluppare un tetto al prezzo del petrolio russo, un modo per garantire un flusso costante di petrolio sul mercato globale, negando al contempo le entrate del pool per il suo esercito. In un momento di ansia globale per i prezzi elevati”.

“Il pacchetto di riconciliazione annunciato ieri”, ha raccontato la Yelle, “aiuterà anche ad allentare le pressioni inflazionistiche riducendo alcuni dei maggiori costi che le famiglie devono affrontare, tra cui energia, assistenza sanitaria e farmaci da prescrizione, il tutto facendo investimenti storici nella lotta al cambiamento climatico e riducendo il deficit. È importante sottolineare che questo disegno di legge garantirà anche che finalmente abbiamo le risorse di cui abbiamo bisogno per garantire che i ricchi americani non siano in grado di evitare di pagare le tasse che devono. Questi sforzi sono attesi da tempo e il Congresso dovrebbe approvarli immediatamente”.

“Negli ultimi tre mesi la nostra economia ha creato oltre 1,1 milioni di posti di lavoro”, ha proseguito la funzionaria. “Nei tre mesi che iniziano ogni moderna recessione al di fuori della pandemia, la nostra economia ha perso in media 240.000 posti di lavoro. La spesa delle imprese e dei consumatori, fulcro della nostra attività economica, è cresciuta del 3% nel primo trimestre di quest’anno e continua ad espandersi nel secondo. La produzione industriale – la misura del nostro settore manifatturiero minerario e dei servizi pubblici – ha mostrato una forte crescita media nella prima metà dell’anno rispetto ai forti cali medi durante le recessioni passate. Nel contesto del rapporto di oggi, è importante guardare oltre il numero del titolo per capire cosa sta succedendo. La contrazione del PIL è stata trainata principalmente dalla variazione delle scorte private, componente volatile del PIL che ha sottratto oltre due punti percentuali alla crescita trimestrale. Il rapporto di oggi mostra una continua espansione della spesa al consumo in generale e in servizi in particolare, oltre a una notevole forza e alle esportazioni nette.
Nel complesso, con un rallentamento della domanda privata, questo rapporto indica un’economia che sta passando a una crescita più stabile e sostenibile. Questo percorso è coerente con quello di allentamento delle pressioni inflazionistiche, pur mantenendo l’andamento del mercato del lavoro degli ultimi 18 mesi”, ha aggiunto la Yellen.

Sebbene la nostra economia sia stata resiliente di fronte a numerosi shock negli ultimi due anni, dovrei anche sottolineare che ci sono numerosi rischi all’orizzonte che includono l’esito della guerra in Ucraina, i blocchi COVID in Cina e i ringhi della catena di approvvigionamento legati alla pandemia. Questi fattori rendono difficile prevedere il futuro e dobbiamo essere chiari e vigili sulle minacce che rappresentano. Inoltre, non possiamo perdere di vista i notevoli progressi che abbiamo fatto dalle profondità della pandemia e l’enorme resilienza che la nostra economia ha dimostrato grazie al duro lavoro e alla perseveranza dei lavoratori, delle famiglie e delle imprese americane, nonché a una politica efficace. Questo progresso ci offre una solida base per affrontare le sfide che ci attendono. E credo che nei prossimi mesi, con abilità e fortuna, sia possibile mantenere quella forza, in particolare nel mercato del lavoro, allentando la tensione che ha guidato l’inflazione”, ha concluso il segretario.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!