it Italian
ar Arabicbg Bulgarianca Catalanzh-CN Chinese (Simplified)cs Czechda Danishen Englishtl Filipinofi Finnishfr Frenchde Germanhaw Hawaiianhi Hindiit Italianja Japaneseko Koreanpt Portugueseru Russiansk Slovaksl Slovenianes Spanishta Tamilth Thai
SI ALZA LA TENSIONE TRA USA E CINA PER LA VISITA DELLA PELOSI A TAIWAN - WHAT-U

La presidente della Camera degli Stati Uniti, Nancy Pelosi
Italy Photo Press

La presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi, incontrando i leader a Taiwan nonostante gli avvertimenti dalla Cina, e oggi ha dichiarato che lei e altri membri del Congresso non abbandoneranno il loro impegno per l’isola autonoma. “Oggi il mondo deve scegliere tra democrazia e autocrazia”, ​​ha detto in un breve discorso durante un incontro con il presidente taiwanese Tsai Ing-wen. “La determinazione dell’America a preservare la democrazia, qui a Taiwan e in tutto il mondo, rimane ferrea”.

La Cina, che rivendica Taiwan come suo territorio e si oppone a qualsiasi impegno dei funzionari taiwanesi con governi stranieri, ha annunciato molteplici esercitazioni militari intorno all’isola, parti delle quali entreranno nelle acque taiwanesi, e ha rilasciato una serie di dure dichiarazioni dopo che la delegazione martedì notte è atterrata Taipei. La risposta della Cina è stata immediata. Martedì notte l’agenzia di stampa ufficiale cinese Xinhua ha annunciato le azioni militari, insieme a una mappa che delinea sei diverse aree intorno a Taiwan. Arthur Zhin-Sheng Wang, esperto di studi sulla difesa presso la Central Police University di Taiwan, ha affermato che tre delle aree violano le acque taiwanesi, il che significa che si trovano entro 12 miglia nautiche (22 chilometri) dalla costa. L’uso del fuoco vivo nello spazio aereo o nelle acque territoriali di un paese è rischioso, ha affermato Wang, aggiungendo che “secondo le regole di ingaggio internazionali, questo può essere considerato un atto di guerra”.

Il viaggio della Pelosi, la prima oratrice della Camera a visitare Taiwan in 25 anni, dopo Newt Gingrich nel 1997, ha suscitato vari malumori in Cina e acuito le tensioni preesistenti. “Di fronte a minacce militari deliberatamente accresciute, Taiwan non si tirerà indietro”, ha detto Tsai durante il suo incontro con Pelosi. “Sosterremo fermamente la sovranità della nostra nazione e continueremo a mantenere la linea di difesa della democrazia”.

Tsai, ringraziando la Pelosi per il suo ultradecennale sostegno a Taiwan, ha poi presentato alla capo della Camera Usa un onore civile, l’Ordine delle Nubi Propizie. La Pelosi dopo i ringraziamenti ha ribadito l’appoggio degli Stati Uniti a Taiwan anche militare. Sottolineando che il suo obiettivo è sempre stato lo stesso, risalendo alla sua visita del 1991 a Piazza Tienanmen a Pechino, quando lei e altri legislatori srotolarono un piccolo striscione a sostegno della democrazia e della difesa dei diritti umani, due anni dopo una sanguinosa repressione militare contro i manifestanti in piazza. La rappresentante della Camera, prima della sua partenza per la Corea del Sud, (la prossima tappa di un tour asiatico che include anche Singapore, Malesia e Giappone), ha visitato il museo dei diritti umani a Taipei che descrive nel dettaglio la storia dell’era della legge marziale dell’isola. “La visita della signora Speaker a Taiwan con la delegazione, senza paura, è la più forte difesa della difesa dei diritti umani e del consolidamento dei valori di democrazia e libertà”, ha detto Tsai Chi-chang, vicepresidente dello Yuan legislativo di Taiwan.

L’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha cercato di smorzare toni e commenti sulla visita della Pelosi facendo presente che avere  relazioni informali e legami di difesa con Taipei, è più che legittimo. La presidente della camera Usa ha anche sottolineato il valore della sua delegazione che vanta rappresentanti di peso, tra cui Gregory Meeks, presidente della Commissione per gli affari esteri della Camera, e Raja Krishnamoorthi della Commissione per l’intelligence della Camera. Oltre che Suzan DelBene, determinante nell’approvazione di un disegno di legge da 280 miliardi di dollari volto a promuovere la produzione e la ricerca americana nei chip per semiconduttori, un’industria dominata da Taiwan e vitale per l’elettronica moderna.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!