it Italian
ar Arabicbg Bulgarianca Catalanzh-CN Chinese (Simplified)cs Czechda Danishen Englishtl Filipinofi Finnishfr Frenchde Germanhaw Hawaiianhi Hindiit Italianja Japaneseko Koreanpt Portugueseru Russiansk Slovaksl Slovenianes Spanishta Tamilth Thai
FERVONO I PREPARATIVI PER L'INIZIO DEL FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL CINEMA DI MOSCA - WHAT-U

Il Festival Internazionale del Cinema di Mosca (MIFF) 2022 che si terrà dal 26 agosto al 2 settembre, presenterà più di 230 film provenienti da 65 paesi, ha detto il capo del comitato di selezione del MIFF Ivan Kudryavtsev in una conferenza stampa TASS.

“Sono possibili ulteriori aggiunte e varie sorprese. Penso che questo elenco aumenterà”, ha aggiunto Kudryavtsev affermando che il festival sarà equilibrato in termini di rappresentanza dei paesi nonostante il contesto politico e culturale molto complicato.

“Direi che quest’anno siamo riusciti a mantenere l’equilibrio perfetto”, ha sottolineato.

Il presidente del comitato di selezione del MIFF ha poi proseguito dicendo che alcuni registi quest’anno dovrebbero arrivare in Russia attraverso percorsi complessi. Il loro coraggio merita rispetto, ha detto Kudryavtsev.

“Nel campo della cultura, ci teniamo a non costruire muri o barriere e a non redigere liste nere o liste di cancellazione. Questo non è il nostro stile. Ci sforziamo di costruire ponti. I registi, in particolare quelli degli Stati Uniti e dei paesi dell’Europa occidentale, dovranno arrivare in Russia usando percorsi molto intricati, ma arriveranno qui e mostreranno le loro opere. Applaudiamo al loro coraggio. Sarà molto importante ascoltare quello che hanno da dire”, ha sottolineato.

Nove film provenienti da Russia, Serbia, Cina, Turchia, Sri Lanka e altri paesi sono stati inclusi nel programma principale della competizione del 44° Festival Internazionale del Cinema di Mosca ed è possibile che l’elenco venga ampliato.

Kudryavtsev e un membro del comitato di selezione, Yevgenia Tirdatova, hanno presentato ogni titolo del film nell’elenco. “La geografia della competizione principale è davvero vasta. Come puoi vedere, ci sono film russi e film dei paesi dell’Europa orientale: Serbia e Romania. L’America Latina sarà rappresentata in un modo davvero straordinario”, ha raccontato Tirdatova.

Al momento l’elenco dei film che la giuria dovrà valutare si presenta così: Orto di Larisa Sadilova, dalla Russia, La decapitazione di San Giovanni Battista, del regista serbo Sinisa Cvetic, Youth, della vincitrice del 31° Festival Kinotavr Dmitry Davydov, The Voice Crying in the Wilderness, di Ciprian Mega dalla Romania, The Journey of Mastorna, del regista cinese Chan Ming Zhi Liao, Camel Arch, di Vladimir Suslin dalla Russia, Hives, di Luis Basurto dal Perù, A Hope , del regista turco Umit Kereken e Maariya – The Ocean Angel, del regista srilankese Aruna Jayawardana.

Dieci film, tra cui Quartet, di Nikita Stashkevich, Tokyo Giant: the Legend of Victor Starffin di Chavdar Georgiev, Fellini e l’ombra di Catherine MacGilvray e altri si sfideranno al concorso per documentari. La giuria del programma del cortometraggio valuterà 18 concorrenti provenienti da 15 paesi, tra cui Biting Sands di Anna Golenko, Double Planet Theory di Savely Osadchy e altri.

Il dramma storico di Anton Megerdichev, versione cinematografica di un romanzo di Alexey Ivanov intitolato Il cuore di Parma sulla conquista della Grande Perm da parte di Mosca, aprirà il Festival Internazionale del Cinema di Mosca.

“Questo film manifesta le nuove opportunità e il potenziale dell’industria cinematografica russa. Questo film dimostra che la Russia è una grande potenza dell’industria cinematografica in grado di competere sul mercato nazionale e, infine, su quello globale”, ha affermato Kudryavtsev.

La trama del film è ambientata nel XV secolo. Inviato nella remota Parma dal Gran Principe di Mosca, il principe Yermolay racconta al figlio Mikhail il suo sogno: creare un grande principato che unisse i popoli che abitano queste terre. Presto Yermolay viene ucciso nella battaglia contro le tribù locali ribelli, i Voguls. Il suo erede Mikhail si trova nel mezzo di due mondi: il Granducato di Mosca e le antiche terre di Perm popolate da pagani. Mikhail sposa una ragazza del posto, Tiche, una metà donna, una metà lamia – una strega, incarnazione vivente del principale simbolo pagano – la Donna d’Oro, Sorni Nai. La leggenda vuole che chi possiede Sorni Nai abbia il pieno controllo del Parma.

Protagonisti del film basato su una sceneggiatura di Sergey Bodrov, Ilya Tilkin e Ksenia Datnova sono Alexander Kuznetsov, Yelena Urbankova, Sergey Puskepalis, Yevgeny Mironov, Fyodor Bondarchuk, Vitaly Kishchenko e altri. L’uscita del film è prevista per il 6 ottobre.

Il festival si chiuderà con The Decision to Leave, diretto da Park Chan-wook. “Il film rappresenta la Repubblica di Corea”, ha affermato il capo del comitato di selezione del MIFF.

La trama è intrigante. Un detective arriva in un villaggio di montagna per indagare sulla morte di un uomo caduto da un dirupo. La vedova del morto collabora alle indagini, ma più il caso va avanti, più il detective sospetta di lei e più si innamora di lei.

Il MIFF si terrà dal 26 agosto al 2 settembre. Il primo è stato nel 1935. Nel 1972 ha ricevuto il più alto riconoscimento di Classe A dalla Federazione internazionale delle associazioni di produttori cinematografici. Nel 1995 è stato annunciato che il festival sarebbe diventato annuale, ma non si è tenuto nel 1996 e nel 1998. Dal 1999 il MIFF è stato organizzato ogni anno. Il regista Nikita Mikhalkov è il presidente del festival e TASS, il media partner del MIFF


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!