USA, 4.000 BEAGLE SALVATI DA UN LABORATORIO MACELLO CERCANO PADRONE - WHAT-U

Quasi 4.000 beagle sono stati sottratti da una struttura della Virginia che li voleva vendere a dei laboratori per esperimenti sui farmaci. I volontari dell’organizzazione protagonista di questo mega salvataggio, la Humane Society of the United States, hanno iniziato a soccorrere il primo gruppo di cuccioli il mese scorso. “Sapere quale sarebbe stato il destino di questi cani e quale invece sarà adesso il loro futuro è una sensazione indescrivibile”, ha dichiarato Kitty Block, Presidente e CEO della Humane Society degli Stati Uniti e CEO di Humane Society International, l’affiliata internazionale dell’HSUS a Us Today. “I cuccioli sono stati accolti da diversi rifugi dall’Illinois alla Pennsylvania che ora li sottoporranno ad esami medici, vaccinazioni e altri trattamenti prima che siano pronti per l’adozione. “Ci vorranno 60 giorni per affidare questi cani alle cure amorevoli dei loro nuovi padroni”, ha proseguito Kitty che sui suoi account social dell’associazione ha postato diversi video dei beagle che sono diventati già virali. 

La Block, di professione avvocato, ha dedicato più di un quarto di secolo alla protezione degli animali. È entrata a far parte dell’HSUS nel 1992 come investigatore legale ed è stata determinante nel portare alla luce crudeltà come la macellazione di cavalli e l’uccisione di cani e gatti per la loro pelliccia in Cina. I suoi sforzi hanno portato a importanti riforme politiche, inclusi i divieti dell’Unione Europea e degli Stati Uniti sull’importazione di pellicce di cani e gatti e il divieto di macellazione di cavalli per il consumo umano.

Anche la protezione di balene, delfini e altri animali selvatici è stata una sua priorità. Ha rappresentato l’HSUS e le sue affiliate in numerosi incontri della Convenzione sul commercio internazionale delle specie di flora e fauna selvatiche minacciate di estinzione, la Commissione baleniera internazionale e la Commissione interamericana per il tonno tropicale. La donna inoltre ha guidato gli sforzi dell’HSUS per garantire la protezione dei delfini con un contenzioso di successo e una legislazione storica sui tonni sicuri per i delfini. Inoltre, è stata una degli artefici di una causa di successo sulla caccia commerciale alle balene intentata contro il Giappone dall’Australia presso la Corte internazionale di giustizia.

Block ha testimoniato davanti al Congresso degli Stati Uniti, ha collaborato con i governi e le agenzie internazionali per redigere e far rispettare le leggi sulla conservazione e la protezione degli animali e ha costruito coalizioni con organizzazioni non governative e l’industria. È stata consulente della Casa Bianca per il commercio e l’ambiente e ha servito più mandati eletti nell’International Dolphin Conservation Agreement International Review Panel, che lavora con i governi per monitorare le violazioni dell’accordo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!