CINA, RIDUCE I TASSI DI INTERESSE PER RILANCIARE IL MERCATO IMMOBILIARE IN CRISI - WHAT-U

Un complesso residenziale Evergrande in costruzione a Zhumadian, nella provincia di Henan, nella Cina centrale, il 14 settembre 2021 ph. AFP

I prezzi delle case in Cina sono scesi per l’undicesimo mese consecutivo a luglio, riflettendo i problemi di un mercato immobiliare che soffre in mezzo a una stretta sul debito degli sviluppatori , un’economia inaspettatamente debole , un massiccio surplus di case vuote e un boicottaggio dei mutui da parte di acquirenti stufi di aspettare un alloggio a causa di progetti edilizi che vanno al rallentatore oppure restano incompiuti, scrive Scmp.

Il National Bureau of Statistics segnala che i prezzi delle case in 70 città è sceso dello 0,1% rispetto a giugno e dell’1,7% anno su anno. In ribasso sono anche i prezzi delle nuove costruzioni eccetto che in quattro città  Pechino, Shanghai, Shenzhen e Guangzhou che invece hanno visto aumentare i prezzi delle nuove case del 3,1% e quelli del mercato secondario dello 0,9% su base annua. “Le transazioni immobiliari sono diminuite in molte città, il che ha indebolito i prezzi delle case”, ha detto Yan Yuejin, direttore dell’E-house China Research and Development Institute con sede a Shanghai a Scmp. È necessario un maggiore allentamento delle politiche da parte dei governi locali per aiutare il mercato a riprendersi, ha affermato Yan.

“I problemi nel mercato immobiliare stanno peggiorando poiché la costruzione sospesa in alcuni progetti rende gli acquirenti riluttanti ad acquistare nuove case”, ha affermato Zhang Zhiwei, presidente e capo economista di Pinpoint Asset Management.

Oggi, la Banca popolare cinese (PBOC) ha sorpreso molti esperti economici quando ha ridotto di 10 punti base al 2,75% il tasso di interesse chiave per i prestiti a medio termine (MLF) di un anno. Nel frattempo, il volume degli investimenti nazionali per lo sviluppo immobiliare è diminuito del 31,1% a 1.115 trilioni di yuan (165 miliardi di dollari USA) il mese scorso rispetto a giugno, secondo l’ufficio di statistica, segnando il numero di investimenti più basso da maggio. Nello stesso periodo l’area venduta è diminuita del 49,1 per cento a 92,55 milioni di metri quadrati.

“Gli investimenti degli sviluppatori continuano a subire pressioni”, ha concluso Yan. “Se ad agosto emergessero politiche più positive, il mercato interno potrebbe riprendersi prima”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!