it Italian
ar Arabicbg Bulgarianca Catalanzh-CN Chinese (Simplified)cs Czechda Danishen Englishtl Filipinofi Finnishfr Frenchde Germanhaw Hawaiianhi Hindiit Italianja Japaneseko Koreanpt Portugueseru Russiansk Slovaksl Slovenianes Spanishta Tamilth Thai
IN ARABIA SAUDITA CONDANNATE DUE DONNE PER ALCUNI LORO TWEET CHE VIOLAVANO L'ORDINE PUBBLICO, AMNESTY LE DIFENDE - WHAT-U

Nourah al-Qahtani, una donna saudita la cui età non è stata resa nota, è stata condannata in appello a 45 anni di carcere per i suoi post sui social media, a poche settimane da una condanna simile inflitta ad una connazionale Salma al-Shehab di 34 anni, dottoranda dell’Università di Leeds e madre di due bambini, condannata a 34 anni di carcere dopo essere tornata a casa in Arabia Saudita per una vacanza. Il motivo? “Avere usato Internet per strappare il tessuto sociale [dell’Arabia Saudita] ” e per “violazione dell’ordine pubblico”.

Lo fa sapere l’ong per i diritti umani Democracy for the Arab World Now (Dawn), un’organizzazione fondata da Jamal Khashoggi, il giornalista ucciso, con sede a Washington, che ha condiviso una copia del documento del tribunale.

Salma al-Shehab è stata inizialmente condannata a sei anni dietro le sbarre a metà del 2022. A seguito di un ricorso dinanzi al Tribunale penale specializzato (SCC) il 9 agosto 2022, un giudice ha aumentato la sua condanna a 34 anni di carcere dopo un processo gravemente iniquo, seguito da un divieto di viaggio di 34 anni dalla data del suo rilascio. 

“È scandaloso che Salma al-Shehab, una studentessa di dottorato e madre di due figli della minoranza sciita dell’Arabia Saudita, sia stata inflitta una punizione così crudele e illegale semplicemente per aver utilizzato Twitter e ritwittato attiviste che sostengono i diritti delle donne”, ha affermato Diana Semaan, vicedirettore ad interim di Amnesty International per il Medio Oriente e il Nord Africa.

“Salma al-Shehab non avrebbe mai dovuto essere condannata in primo luogo, ma l’aumento della sua condanna da sei a 34 anni a seguito di un processo iniquo dimostra che le autorità intendono usarla per dare l’esempio in mezzo alla loro incessante repressione della libertà di parola. Deve essere rilasciata immediatamente e incondizionatamente. Le autorità saudite devono permetterle di riunirsi alla sua famiglia e di continuare i suoi studi nel Regno Unito”.

Salma al-Shehab è stata presa di mira per aver utilizzato Twitter per seguire, scrivere e sostenere attiviste per i diritti delle donne, tra cui Loujain al-Hathloul, che è stata incarcerata anche lei, dopo un processo gravemente iniquo, presso l’SCC accusata di “spionaggio con partiti stranieri” e “cospirazione contro il regno.” Loujain è stata rilasciata con la condizionale nel 2021, ma per lei rimane arbitrariamente vietato viaggiare.  

L’isolamento prolungato

Secondo gli attivisti a conoscenza del caso, Salma al-Shehab è stata arrestata nel gennaio 2021 presso la Direzione generale delle indagini dopo essere stata chiamata per un interrogatorio pochi giorni prima del suo ritorno nel Regno Unito per continuare i suoi studi. La donna è poi stata tenuta in isolamento prolungato per 285 giorni prima di essere processata, il che ha violato gli standard internazionali e la legge di procedura penale dell’Arabia Saudita. Le è stato inoltre negato l’accesso alla rappresentanza legale durante la sua custodia cautelare, anche durante gli interrogatori. Al suo processo d’appello, l’accusa ha chiesto una punizione più dura. Il tribunale l’ha condannata a 34 anni sulla base della discrezionalità del giudice per “sostenere coloro che cercano di sconvolgere l’ordine pubblico, destabilizzare la sicurezza e la stabilità dello Stato” pubblicando tweet che “disturbano l’ordine pubblico, destabilizzano la sicurezza della società e il stabilità dello Stato” ciò secondo gli articoli 34, 38, 43 e 44 della legge antiterrorismo e l’articolo 6 della legge anti-Cyber ​​Crime. La sentenza contro Salma al-Shehab segna un’allarmante escalation nell’uso della legge antiterrorismo dell’Arabia Saudita per criminalizzare e limitare indebitamente il diritto alla libertà di espressione. Anche altre attiviste per i diritti delle donne sono state arrestate per attività su Twitter

Amnesty International ha appreso da attivisti a conoscenza del caso di Salma che molte altre attiviste per i diritti delle donne sono state arrestate per i loro commenti su Twitter dopo la detenzione di Salma. Il timore prevalente di rappresaglie in Arabia Saudita, tuttavia, dissuade le persone dal parlare di questi casi sui social media o con i media.  

“L’Arabia Saudita deve porre fine alla sua incessante repressione nei confronti delle attiviste per i diritti delle donne e di chiunque altro osi esprimere la propria opinione liberamente. Donne come Salma vanno riconosciute e protette, non prese di mira per esprimere le proprie opinioni. Le autorità devono anche smettere di equiparare la libertà di parola al “terrorismo”. Dovrebbero abrogare o modificare sostanzialmente le leggi saudite contro il terrorismo e la criminalità informatica, che criminalizzano il dissenso, ed emanare nuove leggi che siano pienamente compatibili con le leggi e gli standard internazionali sui diritti umani”, ha concluso Diana Semaan.

Twitter non ha commentato pubblicamente il caso di Shehab.

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti lunedì ha affermato di aver sollevato “preoccupazioni significative” con le autorità saudite sul caso di Shehab. “La libertà di espressione è un diritto umano universale a cui tutte le persone hanno diritto e l’esercizio di questi diritti universali non dovrebbe mai

Il governo saudita non si è reso immediatamente disponibile per un commento.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!