it Italian
ar Arabicbg Bulgarianca Catalanzh-CN Chinese (Simplified)cs Czechda Danishen Englishtl Filipinofi Finnishfr Frenchde Germanhaw Hawaiianhi Hindiit Italianja Japaneseko Koreanpt Portugueseru Russiansk Slovaksl Slovenianes Spanishta Tamilth Thai
È MORTA LA REGINA ELISABETTA "GOD SAVE THE QUEEN" - WHAT-U

Regina Elisabetta II
(AP Photo/Ben Stansall, Pool)

La Bbc ha annunciato la notizia della morte della Regina Elisabetta alle 19.36.  Dagli schermi della tv britannica è stato reso noto che “Buckingham Palace ha diffuso un comunicato, per fare sapere ai sudditi e a tutto il mondo che la Regina si è spenta serenamente nella sua tenuta a Balmoral, in Scozia, nel pomeriggio aggiungendo che il re e la regina stasera rimarranno a Balmoral e torneranno a Londra domani”. L’ascesa al trono del nuovo re d’Inghilterra, Carlo III verrà formalizzata domani con una serie di passi.

Tradizionalmente, il Consiglio per l’Accessione si riunisce al più presto possibile a palazzo St. James, normalmente entro 24 ore dalla morte del sovrano. Ne fanno parte i Consiglieri privati, i Grandi Ufficiali di Stato e il lord Mayor. La procedura è divisa in due parti: la morte della Regina verrà annunciata dal Lord presidente del Consiglio di Accessione, successivamente verrà letta la “Proclamazione di Accessione”.  Il nuovo Re pronuncerà allora un giuramento in cui prometterà “di assumere i doveri e le responsabilità della sovranità” e di seguire l’eredità di sua madre. Sua moglie Camilla, così come il figlio maggiore ed erede al trono William, saranno presenti, in quanto fanno parte del Consiglio privato. È fuor di dubbio che Camilla è diventata Regina consorte, come ha chiarito Elisabetta II in una dichiarazione in occasione del Giubileo di platino, mettendo fine all’incertezza sul suo futuro titolo.  

“La morte della mia amata Madre, Sua Maestà la Regina, è un momento di grande tristezza per me e per tutti i membri della mia famiglia”, ha affermato il figlio Carlo, ora il nuovo Re in una nota . “Piangiamo profondamente la morte di un’amata Sovrana e di una Madre molto amata. So che la sua perdita sarà profondamente sentita nel Paese, nei Reami e nel Commonwealth e da innumerevoli persone in tutto il mondo”.

“Inviamo le nostre più profonde condoglianze alla Famiglia Reale, che non piange solo la Regina, ma la cara madre, nonna e bisnonna. La sua eredità resterà nelle pagine di storia britannica e nella storia del mondo”, ha detto il presidente americano Joe Biden. “Negli anni a venire, ci auguriamo di continuare a mantenere una stretta amicizia con il re e la regina consorte. Oggi, i pensieri e le preghiere di tutti gli Stati Uniti sono con il popolo del Regno Unito e del Commonwealth nel loro dolore. Elisabetta II”, ha proseguito il presidente americano, “è stata più di una regina, ha segnato un’era ed è stata fonte di conforto e orgoglio per generazioni di britannici, molti dei quali non hanno mai conosciuto il paese senza di lei. È stata una donna di stato di dignità e costanza impareggiabili, che ha approfondito la fondamentale alleanza fra Regno Unito e Stati Uniti e ha contribuito a rendere speciale la nostra relazione”, ha concluso. 

L’ultima apparizione pubblica della regina è stata martedì, quando ha nominato il suo 15° primo ministro , Liz Truss, nella sua tenuta a Balmoral. Ieri ha posticipato la sua riunione del Privy Council dopo che i suoi medici le avevano raccomandato il riposo. Poi il destino ha voluto scrivere la sua ultima pagina.

Dopo la morte della regina, Truss ha tenuto un discorso da 10 Downing Street

Ecco il discorso completo del primo ministro Liz Truss:

Siamo tutti devastati dalle notizie che abbiamo appena sentito da Balmoral. La morte di Sua Maestà la Regina è un enorme shock per la nazione e per il mondo. La regina Elisabetta II era la roccia su cui fu costruita la Gran Bretagna moderna. Il nostro paese è cresciuto e divenuto florido sotto il suo regno.

La Gran Bretagna è il grande paese che è oggi grazie a lei.

Salì al trono subito dopo la seconda guerra mondiale. Ha sostenuto lo sviluppo del Commonwealth, da un piccolo gruppo di sette paesi a una famiglia di 56 nazioni in tutti i continenti del mondo. Ora siamo una nazione moderna, fiorente e dinamica. Nel bene e nel male, la regina Elisabetta II ci ha fornito la stabilità e la forza di cui avevamo bisogno.

Era lo spirito stesso della Gran Bretagna, e quello spirito durerà. È stata la nostra monarca regnante che è durata più a lungo in assoluto. È un risultato straordinario aver presieduto con tale dignità e grazia per 70 anni.

La sua vita di servizio si estendeva oltre la maggior parte dei nostri ricordi viventi. In cambio, è stata amata e ammirata dalle persone nel Regno Unito e in tutto il mondo. È stata un’ispirazione personale per me e per molti britannici. La sua devozione al dovere è un esempio per tutti noi.

All’inizio di questa settimana, a 96 anni, è rimasta determinata a svolgere i suoi doveri quando mi ha nominato suo 15° Primo Ministro. Nel corso della sua vita ha visitato più di 100 paesi e ha toccato la vita di milioni di persone in tutto il mondo.

Nei difficili giorni a venire, ci riuniremo con i nostri amici, in tutto il Regno Unito, nel Commonwealth e nel mondo, per celebrare la sua straordinaria vita di servizio.

È un giorno di grande perdita, ma la regina Elisabetta II lascia una grande eredità.

Oggi la Corona passa, come accade da più di mille anni, al nostro nuovo monarca, il nostro nuovo capo di stato: Sua Maestà il Re Carlo III. Con la famiglia del re, piangiamo la perdita di sua madre.

E mentre piangiamo, dobbiamo unirci come popolo per sostenerlo. Per aiutarlo a sopportare la tremenda responsabilità che ora porta per tutti noi. Gli offriamo la nostra lealtà e devozione proprio come sua madre ha dedicato così tanto a così tanti per così tanto tempo. E con il passare della seconda età elisabettiana, introduciamo una nuova era nella magnifica storia del nostro grande paese, esattamente come avrebbe voluto Sua Maestà, pronunciando le parole: “Dio salvi il re”.

Anche Boris Johnson ha espresso il suo rammarico via Social.

“Questo è il giorno più triste della nostra nazione. Nel cuore di ognuno di noi c’è dolore per la morte della regina” queste le prime parole dell’ex primo ministro Boris Johnson via Social.

Anche Vladimir Putin ha scritto a Re Carlo dopo la morte della Regina

Il presidente russo Vladimir Putin ha espresso le sue condoglianze nonostante il conflitto in corso in Ucraina e il sostegno della regina al suo popolo. Anche il leader ucraino Volodymyr Zelensky in precedenza ha reso omaggio alla regina dopo l’annuncio della sua morte a Balmoral. Uno degli ultimi messaggi ufficiali che ha emesso durante il suo regno è stato quello di rendere omaggio al popolo ucraino.

“Vostra Maestà, per favore accetti le nostre più sentite condoglianze per la morte della regina Elisabetta II”, ha scritto Putin. “Gli eventi più importanti della storia recente del Regno Unito sono indissolubilmente legati al nome di Sua Maestà. Per molti decenni, Elisabetta II ha giustamente goduto dell’amore e del rispetto dei suoi sudditi, nonché dell’autorità sulla scena mondiale”.

Ora la bandiera nazionale è stata abbassata a Buckingham Palace e un biglietto di lutto per la morte della regina è stato appeso al cancello del palazzo. Una perdita immensa quella del Regni Unito, quella di una grande e stoica sovrana.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!