it Italian
ar Arabicbg Bulgarianca Catalanzh-CN Chinese (Simplified)cs Czechda Danishen Englishtl Filipinofi Finnishfr Frenchde Germanhaw Hawaiianhi Hindiit Italianja Japaneseko Koreanpt Portugueseru Russiansk Slovaksl Slovenianes Spanishta Tamilth Thai
SPACEX, LANCIA UN NUOVO RAZZO PER INCREMENTARE L'USO DI INTERNET - WHAT-U

ph. Spacex Instagram

Nuova missione per SpaceX che sabato 25 settembre ha lanciato il razzo vettore Falcon 9 per portare in orbita 52 satelliti Starlink, ha affermato la compagnia americana in una nota. Il razzo Falcon 9, alto 70 metri, è decollato dalla stazione spaziale di Cape Canaveral alle 19:32:10 EDT (2332:10 GMT) salendo in un cielo crepuscolare che ha offerto agli spettatori una vista spettacolare. Quale l’obiettivo della rete Starlink?  Quello di fornire l’accesso a Internet distribuendo un gran numero di microsatelliti. SpaceX stima che il lancio di un totale di 11.000 veicoli e la loro messa in funzione costerà 10 miliardi di dollari. La società afferma che sarà in grado di fornire accesso a Internet a banda larga, ora accessibile da tutti e sette i continenti, a una velocità di 1 gigabit al secondo, che corrisponde allo standard 5G. I satelliti Starlink dopo aver raggiunto la loro orbita operativa inizieranno a trasmettere segnali a banda larga ai consumatori, che potranno acquistare il servizio Starlink e connettersi alla rete con un terminale di terra fornito da SpaceX.

L’Antartide è una delle regioni più recenti in cui è disponibile il servizio Internet Starlink. La National Science Foundation ha annunciato all’inizio di questo mese che l’agenzia sta lavorando con SpaceX per testare il servizio Starlink presso la stazione McMurdo dell’agenzia.

Dopo la missione di sabato notte, SpaceX ha mandato in orbita 3.399 satelliti Starlink. La società ha attualmente circa 3.000 satelliti Starlink funzionanti nello spazio, di cui circa 2.500 operativi e altri 500 in movimento nelle loro orbite operative, secondo una tabella di Jonathan McDowell , un esperto tracker di attività di volo spaziale e astronomo presso l’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics .


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!