it Italian
ar Arabicbg Bulgarianca Catalanzh-CN Chinese (Simplified)cs Czechda Danishen Englishtl Filipinofi Finnishfr Frenchde Germanhaw Hawaiianhi Hindiit Italianja Japaneseko Koreanpt Portugueseru Russiansk Slovaksl Slovenianes Spanishta Tamilth Thai
REGISTRO DELLE OPPOSIZIONI NON FUNZIONA, CONTINUANO LE TELEFONATE MOLESTE - WHAT-U

Da mercoledì 27 luglio c’era stato detto che sarebbe stato possibile liberarci delle chiamate di telemarketing molesto, ossia a tutte quelle telefonate di pubblicità non richieste e che spesso vanno contro le norme sulla privacy, anche sul proprio numero di cellulare. Per farlo occorreva iscriversi al nuovo registro delle opposizioni, disciplinato dal Dpr (decreto del presidente della Repubblica) 26/2022 che attua la legge 5/2018, e che prende il posto di quello attuale (regolato da un decreto risalente al 2010). Peccato però che questa iniziativa si sia rivelata un vero flop. Ecco perché il Codacons ha presentato un esposto a seguito delle numerose segnalazioni di cittadini che, nonostante l’iscrizione al nuovo Registro, continuano a ricevere telefonate commerciali a qualsiasi  ora e reiterate. In base ai dati raccolti dall’associazione, più di un utente su 2 iscritto al Registro (il 55% circa) continua ad essere bersagliato da chiamate di operatori che offrono servizi e contratti, indifferenti alle disposizioni attuali in tema di telemarketing. Il 40% circa delle telefonate commerciali ricevute dagli utenti propone contratti di forniture per luce e gas, mentre il 32% è legato al mondo della telefonia. Sempre più numerose le chiamate che provengono da sistemi automatizzati attraverso numeri fittizi creati da appositi software proprio allo scopo di aggirare ed eludere le norme in materia. E dall’estero perché la stretta non era ed è possibile applicarla ai call center ubicati fuori dall’Italia.

Nella sua denuncia il Codacons, riporta Ansa, ha evidenziato la palese violazione delle disposizioni previste dal Codice della privacy, ma anche possibili fattispecie penali che il mancato rispetto del Registro pubblico delle opposizioni potrebbe realizzare, come il reato di molestie e quello di inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità. L’associazione ha chiesto quindi al Garante e alla magistratura di aprire indagini sul territorio volte ad accertare il mancato rispetto della privacy dei cittadini, accertando le relative responsabilità. All’Antitrust l’associazione ha chiesto invece di avviare un’istruttoria per pratiche commerciali scorrette sanzionando gli operatori scorretti. “In tempi non sospetti avevamo previsto il possibile flop del nuovo Registro, e i numeri ci danno purtroppo ragione”,  ha detto il presidente Carlo Rienzi. “Le falle che caratterizzano questo strumento e gli interessi miliardari che ruotano attorno al settore del telemarketing impediscono oggi di porre davvero fine all’odioso fenomeno delle telefonate selvagge. Speriamo che ora, grazie al nostro esposto, magistratura, Antitrust e Garante si attivino contro i trasgressori, sanzionando con la massima severità la violazione della privacy dei cittadini”. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!