it Italian
ar Arabicbg Bulgarianca Catalanzh-CN Chinese (Simplified)cs Czechda Danishen Englishtl Filipinofi Finnishfr Frenchde Germanhaw Hawaiianhi Hindiit Italianja Japaneseko Koreanpt Portugueseru Russiansk Slovaksl Slovenianes Spanishta Tamilth Thai
A MONTREAL L'ACCORDO PER RIDURRE L'INQUINAMENTO PRODOTTO DAGLI AEREI - WHAT-U

ph. Getty Images

La svolta green ora ha messo sotto la lente di ingrandimento anche i voli che essendo un’altra fonte di inquinamento devono per forza ridurre le loro emissioni tossiche. Proprio ieri venerdì 7 ottobre a Montreal, l’Organizzazione per l’aviazione civile internazionale (ICAO), si è impegnata ad azzerare le emissioni di carbonio dei viaggi aerei per ridurre il loro inquinamento entro il 2050 al fine di soddisfare le condizioni dell’Accordo di Parigi del 2015 sul clima, che mira a limitare l’aumento della temperatura globale. Il piano, visto da molti come un compromesso, è stato accettato dai 193 paesi membri dell’ICAO. Tuttavia, i gruppi verdi hanno sottolineato che l’accordo è debole e non legalmente vincolante. “Non ci si dovrebbe fare ingannare dai risultati di questa assemblea. Questo non risolverà il problema dell’aviazione”, ha affermato Jo Dardenne del gruppo di campagna Transport & Environment. “L’unico modo per risolverlo è smettere di bruciare cherosene. Il modo in cui smetti di bruciare cherosene è valutare il cherosene in modo più efficace e investire in soluzioni alternative”.

La decisione, sebbene non abbia accontentato tutti, ha ricevuto il plauso di molti  gruppi ambientalisti che hanno elogiato la mossa, affermando che questo potrebbe aumentare la produzione di carburante sostenibile per l’aviazione. Ovviamente tutti sono consapevoli del fatto che non sarà semplice spingere i paesi a seguire politiche che riducano effettivamente le emissioni, ma è sempre un grande passo avanti avere iniziato questo lavoro. Mark Brownstein, un alto funzionario dell’Environmental Defense Fund, ha affermato che la risoluzione ha sollevato la speranza che i viaggi siano più sostenibili. «Ma il lavoro non è finito», ha aggiunto. “Ora è il momento per i paesi di agire stabilendo politiche che sostengano il raggiungimento dell’obiettivo zero netto per il 2050 per l’aviazione con progressi misurabili nel frattempo”. Dan Rutherford, che segue la questione per il Consiglio internazionale sui trasporti puliti, ha affermato che per raggiungere l’obiettivo dello zero netto, le emissioni dell’aviazione dovranno raggiungere il picco e iniziare a diminuire non appena 2025, “con i paesi più ricchi in testa”.

Un gruppo di ambientalisti ha ribadito che il raggiungimento dello zero netto richiederà un maggiore uso del cosiddetto carburante sostenibile per l’aviazione che non è prodotto da combustibili fossili perché i grandi aerei elettrici o alimentati a idrogeno sono lontani decenni. Così ora molti paesi potrebbero anche imporre limiti ai voli. L’inviato presidenziale speciale degli Stati Uniti sui cambiamenti climatici, John Kerry, ha accolto favorevolmente l’accordo e in un tweet ha scritto: “Entusiasta di vedere l’aviazione internazionale impegnarsi alla 41a assemblea @icao per un futuro sostenibile con un obiettivo climatico a lungo termine… per aiutare a portare l’aviazione sulla strada dello zero netto entro il 2050”. Il Regno Unito è stato uno dei primi paesi a includere le emissioni dell’aviazione nei propri obiettivi climatici nel 2021 e ha contribuito a lanciare l’International Aviation Climate Ambition Coalition alla COP26.

“Questa settimana, i membri dell’Organizzazione per l’aviazione civile internazionale hanno concordato un obiettivo collettivo di zero netto per l’aviazione internazionale entro il 2050 – una pietra miliare storica, non solo per il futuro del volo, ma per il più ampio impegno internazionale per raggiungere lo zero netto”, ha affermato Transport Segretario Anne-Marie Trevelyan. “Rappresenta anni di instancabile lavoro da parte del Regno Unito e dei suoi partner per guidare il mondo verso un futuro pulito per tutti”. Durante la riunione i paesi hanno convenuto che il modo migliore per affrontare le emissioni future è attraverso un sistema di compensazione delle emissioni di carbonio, un processo in cui aziende o individui acquistano crediti di carbonio da schemi come le piantagioni forestali per annullare le emissioni di carbonio da attività come il volo. In base allo schema, le compagnie aeree concorderebbero un anno di riferimento e tutte le emissioni future al di sopra del livello di quel periodo dovrebbero essere compensate. Inizialmente avevano pianificato di utilizzare una media delle emissioni dei voli nel 2019 e nel 2020, ma a causa della pandemia per il Covid che ha visto un rapido declino del trasporto aereo, i parametri sono cambiati. Mentre gli attivisti erano entusiasti della prospettiva di una linea di base bassa che avrebbe costretto le compagnie aeree a compensare molte più emissioni, l’industria si è tirata indietro. Dopo le discussioni a Montreal, la soglia è stata ora fissata all’85% delle emissioni di carbonio del 2019, consentendo un livello più elevato di inquinamento da anidride carbonica prima che le compagnie aeree debbano acquistare compensazioni.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!