it Italian
ar Arabicbg Bulgarianca Catalanzh-CN Chinese (Simplified)cs Czechda Danishen Englishtl Filipinofi Finnishfr Frenchde Germanhaw Hawaiianhi Hindiit Italianja Japaneseko Koreanpt Portugueseru Russiansk Slovaksl Slovenianes Spanishta Tamilth Thai
IL MINISTRO DELLA DIFESA RUSSA SHOIGU ACCUSA L'UCRAINA DI VOLERE USARE ARMI "SPORCHE" - WHAT-U

La situazione in Ucraina negli ultimi tre giorni è stata al centro dei colloqui telefonici tra il ministro della Difesa russo Sergey Shoigu e il capo del Pentagono Lloyd Austin che per primo ha voluto parlare con il suo omologo. I due capi della difesa hanno parlato per la prima volta al telefono venerdì. Poi si sono sentiti una seconda volta oggi. Stamattina Shoigu ha parlato al telefono con i suoi omologhi britannici, francesi e turchi, Ben Wallace, Sebastien Lecornu e Hulusi Akar, per esprimere le preoccupazioni della Russia per  la tendenza verso una “escalation incontrollata” in Ucraina che pare abbia pianificato di fare esplodere una “bomba sporca” radioattiva. Pare. Perché di certo in realtà non c’è nulla. L’Ucraina ha costantemente negato tali piani e lo ha fatto di nuovo oggi, con il ministro degli Esteri Dmytro Kuleba che ha twittato che “i russi spesso accusano gli altri di ciò che pianificano da soli”. Nessun commento è arrivato da parte del presidente russo Vladimir Putin sull’Ucraina che in agenda aveva solo pianificato una telefonata a Xi Jinping per il suo terzo mandato come capo del Partito Comunista al governo del paese per congratularsi con lui per il suo incarico aggiungendo che non vede l’ora di sviluppare ulteriormente una “partenariato globale e un’interazione strategica” tra i paesi.  L’Ucraina ha abbattuto 16 droni, ha detto domenica il suo ministero della Difesa, dopo che le truppe di Mosca hanno attaccato posizioni nel sud. Undici droni il cui obiettivo era quello di attaccare la rete elettrica ucraina sono stati distrutti nella sola regione di Mykolaiv. La Russia sta tentando offensive nelle direzioni Bakhmut e Avdiivka, ha detto il portavoce dell’esercito ucraino Oleksandr Shtupun. Le truppe del Cremlino continuano a bombardare le posizioni ucraine lungo la linea di contatto ea condurre ricognizioni aeree. Sabato le forze russe hanno continuato a ritirarsi dalla regione occidentale di Kherson in Ucraina “mentre si preparavano a condurre azioni dilatorie che probabilmente saranno solo parzialmente efficaci”, ha affermato l’Istituto per lo studio della guerra. Il presidente francese Emmanuel Macron ha affermato che la prospettiva di pace tra Russia e Ucraina esiste, ma accadrà quando gli ucraini lo decideranno e alle loro condizioni.“Non lasciamo che la pace venga catturata dal potere russo. La pace è possibile, ma solo quella decisa dagli ucraini e quando la decideranno loro”, ha detto al raduno di Sant’Egidio, evento interreligioso a Roma. Macron ha affermato che la guerra è il risultato del nazionalismo russo alimentato dal risentimento e dall’umiliazione nei decenni successivi al crollo dell’impero sovietico, ma ha sottolineato che nulla può giustificare l’attacco all’Ucraina.

Nel frattempo arrivano notizie che segnalano che le truppe russe continuano a lasciare la regione di Kherson nel mezzo di una controffensiva ucraina, ha affermato su Facebook lo stato maggiore a Kiev. Secondo il resoconto, gli ufficiali russi hanno lasciato la città di Beryslav, 77 chilometri (48 miglia) a est di Kherson lungo il fiume Dnipro. Al momento le forze russe stanno rimuovendo i pazienti dall’ospedale Kakhovka sulla sponda orientale del fiume Dnipro, “probabilmente per liberare letti d’ospedale per le vittime militari russe che potrebbero derivare dal ritiro attraverso il fiume”, ha affermato ISW. Le autorità insediate dalla Russia hanno ordinato a tutti i civili nella città meridionale di Kherson di andarsene “immediatamente” prima dell’avanzata prevista delle truppe ucraine e di portare con sé “documenti, denaro, oggetti di valore e vestiti”. In un post di Telegram che aggiungeva urgenza alle dichiarazioni precedenti, l’amministrazione filo-Cremlino ha invitato i civili a utilizzare i passaggi in barca sul fiume Dnipro per spostarsi più in profondità nel territorio controllato dai russi, citando una situazione tesa al fronte. Non ci sono stati commenti immediati da parte delle autorità ucraine. Kiev ha avvertito che la Russia ha estratto e potrebbe tentare di far saltare in aria la diga di Kakhovka sul fiume Dnipro sopra Kherson, provocando massicce inondazioni nella città e dozzine di altri insediamenti a valle. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!