it Italian
ar Arabicbg Bulgarianca Catalanzh-CN Chinese (Simplified)cs Czechda Danishen Englishtl Filipinofi Finnishfr Frenchde Germanhaw Hawaiianhi Hindiit Italianja Japaneseko Koreanpt Portugueseru Russiansk Slovaksl Slovenianes Spanishta Tamilth Thai
DOMANI A LUSSEMBURGO RIUNIONE DI EMERGENZA DEL CONSIGLIO ENERGIA SUL GAS - WHAT-U

Una veduta aerea del Lussemburgo

Domani a Lussemburgo si terrà una riunione d’emergenza del Consiglio Energia che avrà all’ordine del giorno uno scambio di vedute fra i ministri dei 27 sul pacchetto di proposte sull’energia presentato dalla Commissione europea il 18 ottobre e sull’intesa in materia raggiunta dai capi di Stato e di governo al Consiglio europeo il 21 ottobre. Per l’Italia parteciperanno il neoministro dell’Ambiente e Sicurezza energetica Gilberto Pichetto (FI) e il consulente di Palazzo Chigi Roberto Cingolani. Ciò è quanto ha appreso l’ANSA da fonti del Ministero. I ministri esamineranno in particolare il rafforzamento della solidarietà fra i paesi, attraverso un miglior coordinamento degli acquisti di gas (la piattaforma comune europea di acquisto sostenuta dalla Germania) e gli scambi di gas attraverso le frontiere (cioè il meccanismo di solidarietà per sopperire ad eventuali carenze di gas in alcuni stati). Si affronterà anche la definizione di benchmark di prezzo affidabili, cioè il price cap dinamico e temporaneo alla borsa Ttf di Amsterdam, sostenuto da 15 paesi fra i quali Francia e Italia, e il nuovo indice europeo del Gas naturale liquefatto, che sostituisca il Ttf dal prossimo anno. I ministri parleranno poi della revisione della Direttiva sulla prestazione energetica, quella che indica le strategie per il rinnovamento degli edifici verso una maggiore efficienza energetica.

Nel frattempo, nei giorni scorsi, dopo che i 27 leader dell’Unione Europea (UE) hanno concordato una “tabella di marcia” di misure di emergenza, compreso il tetto massimo alle vendite di gas, per aiutare a far fronte alla crisi energetica in Europa, i prezzi del gas naturale in Europa hanno continuato a scendere. E dopo molte ore di trattative, è stato raggiunto un accordo su diverse misure , inclusa una proposta per un limite di prezzo temporaneo per le transazioni di gas al benchmark olandese, Title Transfer Facility (TTF), dopo che la Germania ha accettato l’idea.  

“C’è molto lavoro davanti a noi ora, ma la tabella di marcia è molto chiara “, ha affermato la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. Quindici dei 27 paesi membri dell’UE, tra cui Francia, Italia, Polonia e Spagna, hanno sostenuto un qualche tipo di limite di prezzo, mentre altri paesi, tra cui Germania, Irlanda e Paesi Bassi, si sono opposti all’idea. Germania e Paesi Bassi hanno chiesto maggiori garanzie per gestire i potenziali rischi di approvvigionamento legati al tetto massimo dei prezzi. I leader tedeschi avvertono da settimane che i potenziali impatti sul sovrapprezzo europeo rispetto al GNL potrebbero inviare carichi in Asia e in altri mercati. Il primo ministro olandese Mark Rutte ha anche espresso dubbi sul fatto che un tetto massimo di prezzo possa essere lanciato abbastanza rapidamente da iniziare a fornire sollievo alle famiglie entro l’inizio dell’inverno . “Dobbiamo davvero valutare tutti i pro ei contro e le ramificazioni”, ha detto Rutte. I membri dell’UE hanno anche concordato di limitare il prezzo del gas utilizzato per la produzione di energia elettrica nell’ambito di uno schema denominato “meccanismo iberico”, introdotto in modo simile in Spagna e Portogallo all’inizio dell’anno.

I membri hanno poi convenuto di perseguire la creazione di un nuovo indice dei prezzi del gas naturale liquefatto che aiuterebbe a separare il gas importato dal TTF. I dettagli su una sequenza temporale per lo sviluppo dell’indice non sono stati annunciati dopo la riunione della Commissione europea, ma von der Leyen ha affermato che il suo design ” rispecchierebbe meglio la situazione dei prezzi del GNL “.

I leader dell’UE si aspettano che il prossimo inverno sarà peggiore dell’inverno 2022-2023 e hanno approvato la proposta della Commissione per un regime di acquisto congiunto. Secondo il piano, almeno il 15% dei volumi di gas acquistati sarebbe utilizzato per riempire gli impianti di stoccaggio per la prossima stagione invernale 2023-2024.

“Lavoreremo con i ministri dell’Energia per presentare una proposta legale per rendere operativo il meccanismo di mercato”, ha detto von der Leyen in una conferenza stampa. “C’è molto lavoro da fare”, ha detto il primo ministro belga Alexander De Croo. “Ci stiamo spingendo in un territorio inesplorato, dove non abbiamo ancora esperienza”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!