it Italian
ar Arabicbg Bulgarianca Catalanzh-CN Chinese (Simplified)cs Czechda Danishen Englishtl Filipinofi Finnishfr Frenchde Germanhaw Hawaiianhi Hindiit Italianja Japaneseko Koreanpt Portugueseru Russiansk Slovaksl Slovenianes Spanishta Tamilth Thai
MUSK ORA SU TWITTER VUOLE FARE PAGARE AI VIP LA SPUNTA BLU - WHAT-U

L’effetto Musk su Twitter si fa già sentire.  Il neo proprietario è già all’opera, come aveva anticipato, per trasformare il sistema di verifica degli account non solo per stanare i profili fake, ma anche per fare cassa con quelli con la spunta blu che d’ora in poi, per mantenere il segno distintivo sulla piattaforma, dovranno sborsare 19, 99 dollari al mese. Ovviamente la decisione ha sollevato non poche polemiche. Lo scrittore  Stephen King, tra i primi, ha già annunciato ai suoi 6,8 milioni di follower che se ne andrà. L’attore Josh Gad e l’attrice Amber Tamblyn hanno entrambi ritwittato la risposta dello scrittore Stephen King come forma di protesta. Il vlogger di lunga data e personalità del web Hank Green ha scritto che, sebbene attualmente paghi per Twitter Blue, annullerebbe l’iscrizione se diventasse legato alla verifica, “perché pagare per un segno di spunta è rabbrividire al 100%”. L’attrice di “Wonder Woman” Lynda Carter ha pubblicato una foto di se stessa con indosso l’iconico costume del supereroe (che ha intitolato “Twitter con verifica”) fianco a fianco con un’altra foto di se stessa che indossa abiti da alter ego serio (“Twitter quando mi rifiuto di pagare $ 20 al mese per questo”). L’attore Kevin Kreider, che ha un account Twitter verificato, ha detto al Times che non pagherebbe un solo centesimo per essere verificato.

“Il badge Verified blu su Twitter consente alle persone di sapere che un account di interesse pubblico è autentico”, spiega il centro assistenza dell’azienda con sede a San Francisco . “Per essere verificato, il tuo account deve essere notevole e attivo”.  Ci sono molte persone che cercano di impersonare i ricchi, influenti e famosi online, inclusi truffatori maliziosi e fan in cerca di attenzione e la spunta è il modo più semplice e immediatamente chiaro per indicare che l’account @taylorswift13, ad esempio, è di proprietà della stessa Swift. Anche lo stesso Musk è stato preso di mira da imitatori. La Federal Trade Commission ha affermato che gli imitatori hanno rubato circa $ 2 milioni nel corso di diversi mesi pubblicizzando truffe crittografiche sotto il nome del patron di Tesla e SpaceX.

Quali i tempi per aderire al pagamento della spunta? Gli utenti attualmente verificati avrebbero 90 giorni per iniziare a pagare $ 19,99 e scaduti i termini perderebbero il segno distintivo.

Quando Jason Calacanis, un venture capitalist che lavora con Musk, ha twittato un sondaggio chiedendo quanto gli utenti sarebbero disposti a pagare per la verifica, il risultato del sondaggio lunedì pomeriggio, con più di 1,6 milioni di voti conteggiati, ha reso noto che l’81,6% degli intervistati non pagherebbe nulla.

“Solo una piccola percentuale di utenti di Twitter ( 400.000 in totale ) viene verificata, quindi è improbabile che questa mossa crei entrate sostanziali”, ha affermato in un’e-mail Mark Weinstein, fondatore della piattaforma di social media alternativa MeWe. “Questa potrebbe essere la prima mossa verso un piano più ampio per richiedere a tutti gli utenti di Twitter di essere verificati come forma di ID reale”. Attualmente, la verifica può comportare passaggi come l’invio di una foto della tua patente o il collegamento a un articolo di notizie che fa riferimento al tuo account Twitter, il tutto nell’interesse di dimostrare all’azienda e al mondo che sei davvero chi dichiari di essere. Ora però gli avvocati di Musk sono impegnati su un altro fronte. Stanno chiedendo alla Corte della Cancelleria del Delaware di archiviare il caso, secondo un deposito del tribunale reso pubblico lunedì. L’acquisto si è concluso quindi non ci devono essere più pendenze. Musk ha accettato di acquistare Twitter per $ 44 miliardi ad aprile, ma è stato solo giovedì scorso che ha finalmente concluso l’accordo, dopo che i suoi tentativi di ritirarsi hanno portato a una lunga lotta legale con la società. Il manager ha fatto una lunga serie di dichiarazioni dall’inizio di quest’anno su come rendere migliore Twitter. Per esempio, ha promesso di ridurre alcune delle restrizioni sui contenuti di Twitter per promuovere la libertà di parola, decisione accolta con grande entusiasmo dall’ex presidente Usa Donald Trump. E poi ha aggiunto che non verranno prese decisioni importanti sui contenuti o sul ripristino degli account vietati fino a quando non sarà istituito un “consiglio di moderazione dei contenuti” con diversi punti di vista. E c’è chi mormora che ora molti account bloccati verranno comunque riattivati.

Ovviamente solo quelli che si sono macchiati di peccati di poco conto, ha precisato Twitter. E riguardo al fatto che Trump riapprodi su Twitter, Musk ha risposto con un tweet: “Se avessi un dollaro per ogni volta che qualcuno mi chiede se Trump tornerà su questa piattaforma, Twitter starebbe coniando soldi!”


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!