it Italian
ar Arabicbg Bulgarianca Catalanzh-CN Chinese (Simplified)cs Czechda Danishen Englishtl Filipinofi Finnishfr Frenchde Germanhaw Hawaiianhi Hindiit Italianja Japaneseko Koreanpt Portugueseru Russiansk Slovaksl Slovenianes Spanishta Tamilth Thai
CINA PUBBLICA PIANO DI AZIONE PER RIDURRE L'INQUINAMENTO DEL 10% ENTRO IL 2025 - WHAT-U

(AP Photo/Ng Han Guan)

Il governo cinese ha fissato un obiettivo ambizioso per eliminare l’inquinamento entro il 2025 in oltre 230 città. Lo ha spiegato in un piano d’azione che è stato pubblicato ieri da 15 agenzie del governo centrale  indicando come intende anche ridurre le emissioni di oltre il 10% entro il 2025 rispetto ai livelli del 2020. Una decisione concomitante al fatto che proprio ieri in sei città nel Nord della Cina, secondo il China National Environmental Monitoring Centre, sono stati registrati livelli di AQI superiori a 200. E poiché l’inquinamento atmosferico ha sempre di più un impatto crescente sulla salute pubblica e sulla qualità della vita, le soluzioni devono essere drastiche. “La qualità dell’aria in Cina è migliorata notevolmente negli ultimi dieci anni, soprattutto dopo una campagna lanciata nel 2013 per combattere lo smog e l’inquinamento atmosferico. Il calo percentuale dell’inquinamento in Cina tra il 2013 e il 2020 ha richiesto decenni per essere raggiunto negli Stati Uniti e ha rappresentato oltre i tre quarti del declino globale dell’inquinamento, secondo uno studio dell’Università di Chicago a febbraio. Le concentrazioni di particolato fine (PM2.5), indicatore chiave dell’inquinamento atmosferico, sono scese da 80 microgrammi per metro cubo nel 2015 a 33 nel 2021. La capitale ha registrato 10 giorni di forte inquinamento atmosferico l’anno scorso, un calo di quasi l’80% dal 2015, secondo il Ministero dell’Ecologia e dell’Ambiente.Tuttavia, il forte inquinamento atmosferico è ancora una sfida per le città dominate dai combustibili fossili e dall’industria pesante. Nel 2021, 28 città nella regione di Pechino-Tianjin-Hebei hanno registrato una media di 11 giorni di forte inquinamento atmosferico, sei giorni in più rispetto alla media nazionale.

“Il piano d’azione”, scrive SCMP, “mira anche a contenere l’inquinamento da ozono mitigando il PM2.5. L’ozono a livello del suolo è il risultato di reazioni fotochimiche tra ossidi di azoto e COV in presenza di luce solare. È diventato il principale inquinante atmosferico in estate in Cina. Gli ossidi di azoto e i COV sono emessi da un’ampia gamma di fonti, tra cui veicoli, centrali elettriche, caldaie industriali, impianti chimici, vernici e solventi. Di conseguenza, ridurre l’inquinamento da ozono è un altro compito impegnativo”. Quindi ora le industrie cinesi si sono impegnate ad accelerare le transizioni verso materiali a basso contenuto di COV e ad effettuare retrofit a bassissime emissioni in settori chiave, tra cui acciaio, cemento e coke, per ridurre le emissioni di ossido di azoto . Il piano d’azione prevede anche l’accelerazione della transizione del settore dei trasporti verso carburanti puliti e a basse emissioni di carbonio con l’obiettivo di ridurre le emissioni di ossido di azoto dei camion diesel del 12% entro il 2025.

Inquinamento atmosferico in Cina

L’inquinamento atmosferico porta le persone ad essere esposte a particelle fini nell’aria inquinata che penetrano in profondità nei polmoni e nel sistema cardiovascolare, causando malattie tra cui ictus, malattie cardiache, cancro ai polmoni, malattie polmonari croniche ostruttive e infezioni respiratorie. L’industria, i trasporti, le centrali elettriche a carbone e l’utilizzo domestico di combustibili solidi contribuiscono in modo determinante all’inquinamento atmosferico. Sebbene siano stati compiuti alcuni progressi, l’inquinamento atmosferico rimane a un ritmo allarmante in Cina e influisce sulle economie e sulla qualità della vita delle persone. L’inquinamento atmosferico in Cina, secondo i dati di OMS, è responsabile di circa 2 milioni di morti in Cina all’anno. Di questi decessi, l’inquinamento atmosferico da solo ha causato più di 1 milione di morti, mentre l’inquinamento atmosferico domestico dovuto alla cottura con combustibili e tecnologie inquinanti ha causato un altro milione di morti in Cina nello stesso periodo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!